• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ghisa75

Nuovo Iscritto
Buongiorno a tutti.
Sono in procinto di partecipare ad un'asta immobiliare,mi son studiato bene la perizia e tutto il faldone presente all'associazione notarile.
ora l'immobile è dato in asta ad un valore del 50% inferiore al prezzo di mercato.solo che è occupato da un'indiano.
quest'ultimo è proprietario di 1/1 in separazione dei beni.
ho provato a contattarlo passando almeno 20 volte a suonare il campanello ma niente questo non è mai presente,i vicini dicono che arriva tardi dal lavoro ma io son passato pure dopo cena e questo non c'è.
1 domanda per partecipare all'asta secondo posso farlo mettendo solo il 10% del prezzo base?(leggendo in internet vedo che spesso non viene assegnata) oppure meglio la base + almeno il rilancio minimo??
2 proprietario 1/1 in regime di separazione dei bene (può creare problemi la cosa)
3 se dovessi aggiudicarmi l'immobile che dite posso andare mentre l'esecutato non c'è (visto che non c'è mai)aprirgli la porta e cambiare la serratura ed occupare l'appartamento?senza fare tutta la trafila che impiegherebbe un sacco di soldi e tempo??a cosa andrei incontro??
ringrazio anticipatamente chi cortesemente vorrà consigliarmi.
 

raflomb

Membro Assiduo
Presumo che l'asta sia "senza incanto", ovvero l'offerta in busta.
1) prezzo base + rilancio minimo: perchè in caso di + offerte valide si apre un asta con rilancio tra coloro che hanno fatto offerte valide, partendo, come nuovo prezzo base, da quello maggiore.
2) Nessun problema;
3) Non puoi fare assolutamente quello che hai descritto: una volta ottenuto il decreto di trasferimento, che è titolo esecutivo, ove l'ex proprietario non abbia rilasciato spontaneamente l'immobile, dovrai procedere allo sfratto a mezzo Ufficiale Giudiziario.
 

ghisa75

Nuovo Iscritto
in base alle vostre esperienze è molto difficile liberare un'appartamento occupato??
leggendo qua e la sembra che il trasferimento a titolo esecutivo sia più rapido rispetto ad un normale sfratto.
esperienze al riguardo??grazie
 

raflomb

Membro Assiduo
Nella gerarchia degli sfratti è posta nel grado prioritario che l'accomuna a quello per lorosità. Per quanto concerne i tempi, nell'ipotesi in cui occorra l'intervento della forza pubblica in quanto non libera ai primi accessi dell'ufficiale giudiziario, i tempi sono variabili da città a città. Orientativamente 6 mesi.
 

ghisa75

Nuovo Iscritto
si ho questo in vari post che la tempistica all'incirca è quella ....in alcuni casi sembra che possa all'ungarsi nel caso per esempio che l'esecutato occupante senza titolo sia un soggetto debole..però anche in questi casi,SEMBRA che si riesca comunque a liberare l'appartamento almeno dalle esperienze lette nei vari post....certo serve l'U.G. e farsi seguire da un'avvocato quindi spese aggiuntive
mi confermate??
grazie mille
 
B

britallico2

Ospite
3 se dovessi aggiudicarmi l'immobile che dite posso andare mentre l'esecutato non c'è (visto che non c'è mai)aprirgli la porta e cambiare la serratura ed occupare l'appartamento?senza fare tutta la trafila che impiegherebbe un sacco di soldi e tempo??a cosa andrei incontro??
ringrazio anticipatamente chi cortesemente vorrà consigliarmi


Salve, io non so molto delle faccende italiane perche' vivo all'estero ma ho visitato parecchi centri sociali qui in Italia e ho ulteriormente parlato con ragazzi che spesso fanno esattamente quello che lei descrive = occupano case vuote.

Le posso garantire che se lei addocchia qualsiasi immobile disabitato nel territorio italiano, e ne prende possesso senza che nessuno se ne accorga o chiami la polizia mentre lei sta compiendo l'atto illegale stesso.. poi lei e' totalmente a posto in quanto, se lei si riesce a mettere nella situazione di:

1) avere chiavi dell'immobile
2) non c'e' segno di scasso
3) lei e' dentro l'immobile e ci abita, 24 ore su 24.


per buttarla fuori si va tramite scartoffie e burocrazie.. insomma almeno sei mesi!!!

Questo, apprescindere dal fatto che lei abbia comperato l'immobile o no... per cui se LEI e' il padrone dell'immobile.. non mi farei nessun problema!
Nel caso di molti centri sociali, dove esiste un proprietario dell'immobile che ch esi batte per buttare fuori i parassiti= dieci anni.
Se il proprietario e' lo stato e i parassiti sono molti... non li buttano piu' fuori... e questa e' la vostra situazione dei centri sociali.

Mi scuso se la mia grammatica e' sconclusionata , se dovessi pensarci su non potrei neanche scrivere! Insomma fate finta che io mi chiami Di Piotro :))
marco
 

raflomb

Membro Assiduo
se dovessi aggiudicarmi l'immobile che dite posso andare mentre l'esecutato non c'è (visto che non c'è mai)aprirgli la porta e cambiare la serratura ed occupare l'appartamento?senza fare tutta la trafila che impiegherebbe un sacco di soldi e tempo??a cosa andrei incontro??
Si vede che hai vissuto molto poco in Italia!
Quanto tu affermi è una parziale verità che non può essere estesa a chi è o diventa proprietario, in quanto rischi sicuramente una denuncia penale dove verrai condannato e dovrai rifondere le spese.
Chi occupa l'appartamento in stato di abbandono non rischia tutto questo, anzi, quando sitratta di case comunali, in alcuni casi diventa una scorciatoia per anticipare l'assegnazione.
In questi secondi casi "quelli che tu chiami dei centri sociali" occupano in quanto gli viene data la possibilità a causa della pessima gestione del patrimonio immobiliare da parte di Comuni o grandi gruppi privati, cattiva gestione fino a tal punto dell'incuria e dell'abbandono.
E tutto questi è assurdo che si verifichi quando ci sono famiglie esasperate nelle graduatorie.
 
B

britallico2

Ospite
Si vede che hai vissuto molto poco in Italia!
Quanto tu affermi è una parziale verità che non può essere estesa a chi è o diventa proprietario, in quanto rischi sicuramente una denuncia penale dove verrai condannato e dovrai rifondere le spese.
.
Aherm, ok vero, sono anni ed anni che non vivo li' ma per lavoro ci vengo abbastanza spesso e qualche volta mi hanno chiamato a tradurre in casi molto simili a questo, dove c'era gente barricata in casa che non parlava la lingua o che faceva finta di non parlarla!
Per quanto riguarda il caso specifico.. mi astengo dall'elaborare oltre ma c'e' un detto che dice: "where there's a will there's a way" "se c'e' la volonta' una maniera la si trova".. specialmente considerando come vanno le cose in Italia.
 

carlat47

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buonasera,
vorrei partecipare anch'io ad un asta immobiliare, l'appartamento dalle foto mi piace, solo che leggendo la perizia, è occupato dalla moglie dell'esecutato e dal figlio minore .
In fase di separazione consensuale ha avuto diritto di abitazione e il verbale di assegnazione risulta essere stato trascritto all'Agenzia delle Entrate in data precedente al quella del pignoramento. Il custode giudiziario, ancora non riesce a comunicarmi l'eta' del minore, ma mi ha detto di tenere presente che in caso di assegnazione, non avrei alcuna possibilità di avere l'immobile fino a quando il minore non solo non avrà raggiunta la maggiore età, ma anche l'indipendenza economica.........
Qualcuno mi sa dire se questa cosa è vera? io capisco il raggiungimento della maggiore eta', ma anche l'indipendenza economica mi sembra eccessivo!!! devo avere la certezza di questa norma, per capire se vale la pena partecipare oppure no, mancano pochi giorni alla vendita sena incanto-
Grazie mille
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, io sono cointestatario dell' appartamento in cui vivo, con mia moglie; volendo acquistare un altro appartamento e per usufruire di determinate agevolazioni dovrebbe risultare mia prima casa, pertanto, dovrei lasciare la cointestazione della prima casa. Questa operazione dovrà avvenire tramite atto notarile? ma soprattutto, quanto mi costerà?
ALFONSO LANZARA ha scritto sul profilo di Rosanna Ricci.
Ciao Rosanna ti contatto per l'annuncio del tuo immobile su questo forum. Io rappresento un' agenzia immobiliare. Saresti disponibile a collaborare con noi per la vendita?
Alto