1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. vintag52

    vintag52 Nuovo Iscritto

    salve vorrei porvi un quesito. sono proprietario di un locale commerciale che ho dato in fitto. a marzo 2010 mi sono dimenticato di applicare l'aumento istat come da contratto. a marzo 2011, non ho chiesto gli arretrati ma ho chiesto, oltre l'aumento di quest'anno anche l'adeguamento per l'anno 2010. L'inquilino si rifiuta da concedermelo dicendo che nulla posso pretendere per il 2010. cosa devo fare?
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    A marzo 2011 potevi richiedere un aggiornamento del (75% del 3,6%) 2,7%.
    In caso di diniego puoi applicare :
    Art.5. (Inadempimento del conduttore). Salvo quanto previsto dall'articolo 55, il mancato pagamento del canone decorsi venti giorni dalla scadenza prevista, ovvero il mancato pagamento, nel termine previsto, degli oneri accessori quando l'importo non pagato superi quello di due mensilità del canone, costituisce motivo di risoluzione, ai sensi dell'articolo 1455 del codice civile.
    Da : SUNIA Salerno, legge 392/78
    :daccordo:
     
  3. vintag52

    vintag52 Nuovo Iscritto

    nel contratto è previsto l'adeguamento istat al 100%, è legale oppure devo applicare l'aumento istat al 75%. L'inquilino vuole pagare il canone aggiornato solo per 2011 e non per il 2010 da me dimenticato è giusto?,
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Il contratto può prevedere di tutto però.....
    L. 392/78 :
    Art.32. (Aggiornamento del canone). Le parti possono convenire che il canone di locazione sia aggiornato annualmente su richiesta del locatore per eventuali variazioni del potere di acquisto della lira. Le variazioni in aumento del canone non possono essere superiori al 75 per cento di quelle, accertate dall'ISTAT, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche ai contratti di locazione stagionale.

    Vale quanto già espresso. :daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina