1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Aumento aliquota IVA dal 21% al 22%

    L’Agenzia delle Entrate fornisce le prime indicazioni sull’applicazione della nuova aliquota IVA al 22% che scatta da domani.
    L’articolo 40, comma 1-ter del decreto legge 6 luglio 2011 n. 98 (come da ultimo modificato dall’art. 11, comma 1, lett. a) del decreto legge 28 giugno 2013, n. 76) ha disposto l’aumento dell’aliquota IVA ordinaria dal 21 al 22% a decorrere dal 1° ottobre 2013.

    Pertanto, gli operatori economici dovranno applicare, già da domani, la nuova aliquota. Come già chiarito in passato, quando entrò in vigore l’aliquota ordinaria del 21%, qualora nella fase di prima applicazione ragioni di ordine tecnico impediscano di adeguare in modo rapido i software per la fatturazione e i misuratori fiscali, gli operatori potranno regolarizzare le fatture eventualmente emesse e i corrispettivi annotati in modo non corretto effettuando la variazione in aumento (art. 26, primo comma, del DPR n. 633 del 1972). La regolarizzazione non comporterà alcuna sanzione se la maggiore imposta collegata all’aumento dell’aliquota verrà comunque versata nei termini indicati dalla circolare n. 45/E del 12 ottobre 2011, cui si rinvia per gli ulteriori chiarimenti.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 1 Ottobre 2013
    A Daniele 78 e Alessia Buschi piace questo messaggio.
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Secondo il ministero dell'Economia, per reperire altre risorse, non sembra esserci stato nulla di meglio da fare, che far scattare l'aumento di un punto dell'IVA, appunto a partire da oggi, e addirittura aggiungere all'incremento persino un altro punto sull'aliquota massima magari per coprire il famigerato taglio del cuneo fiscale. Con il risultato che dal 21 si passerebbe addirittura al 23 per cento.

    Insomma, come sempre, la coperta è corta. E se con una mano il governo sembra pronto a concedere qualche centesimo in più in busta paga procedendo finalmente con il taglio delle imposte sul costo del lavoro, con l’altra si riprende indietro, e con gli interessi, molto di più di quanto dato!
     
    A possessore piace questo elemento.
  3. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ammesso e non concesso che taglino le imposte sul costo del lavoro, ci guadagnamo solo se non spendiamo i soldi guadagnati: così non paghiamo l'IVA! :)

    Fantastico! :)
     
    A JERRY48 piace questo elemento.
  4. Il Custode Guardiano

    Il Custode Guardiano Custode del Forum Membro dello Staff

    Proprietario di Casa

    Files Allegati:

  5. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Ok! grazie!
    però, devo dire che è la prima volta che mi capita di inserire un link e che poi non sia leggibile...

    Queste sono le parole testuali del comunicato stampa di ieri, 30 settembre.
    E' chiaro che l'aumento scatta già da oggi 1° ottobre.
     
    A JERRY48 piace questo elemento.
  6. Il Custode Guardiano

    Il Custode Guardiano Custode del Forum Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Si ma anche se oggi funziona, domani può smettere di funzionare. E' sempre meglio caricare gli allegati in modo che restino per chi viene dopo ;)
     
    A possessore piace questo elemento.
  7. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Non ti sfugge niente, dolly.
    E' chiaro perchè essendo ancora in attività, devi essere aggiornata su tutti gli aggiornamenti. :fiore:

    E così se non si trovano le risorse per restare sotto il 3% di deficit imposto dalla Troika, ne vedremo delle belle. Incomincio a ridere a crepapelle. :risata: :risata:
     
    A Daniele 78, possessore e dolly piace questo elemento.
  8. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Ok!:ok: messaggio recepito!;):fiore:
     
    A possessore piace questo elemento.
  9. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ciao Dolly, visto che sei sempre informata: se non ricordo male per i ddt emessi a settembre e fatturati ad ottobre, nel precedente aumento, la fattura era ancora ad aliquota valida alla data della consegna della merce; per i servizi resi a settembre e fatturati ad ottobre l'aliquota è quella nuova, giusto???? Rinfrescami la memoria!!!! Dovrebbe essere così anche adesso???Grazie.
     
  10. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Ciao!
    Sì, fa fede la data di "esecuzione dell'operazione", ovvero rileva la data di consegna e non quella della fattura.
    Nel precedente aumento, infatti, tutti i DDT emessi e consegnati fino al 16 settembre 2011 restavano soggetti ad IVA al 20%, mentre per quelli emessi a partire dal 17 settembre venivano assoggettati alla nuova aliquota del 21%.
    Lo stesso quindi adesso: per le consegne effettuate fino al 30 settembre la fattura avrà IVA al 21%, mentre per quelle dal 1° ottobre sarà al 22%.
     
    A essezeta67 piace questo elemento.
  11. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    una piccola riflessione sulla demagogia con la quale ci sommergono:
    Abbiamo visto battaglie all'ultimo sangue in merito all'aumento dell'IVA, sembrava fosse la causa della fine dell'economia italiana, poi però ci dicono che in alternativa si devono aumentare le accise sui carburanti e altre, le accise sui carburanti non creerebbero un aumento a pioggia su tutti i generi commerciabili? Più o meno del 1% che causa l'aumento IVA?
    Almeno questo si può controllare, leggere, gli altri no, con tutto quello che c'è da fare in Italia, si combattono battaglie senza senso, se questo aumento dell'IVA servisse a finanziare una riduzione della tasazione su lavoro, io sarei contento, purtroppo però si parla e basta
     
  12. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Griz, non si parla e basta!
    Agiscono, eccome.
    Chiama Telecom, per un guasto (ipotesi), ti risponderanno ...in spagnolo!? L'Italia cade a pezzi e quelli migliori finiscono sul mercato estero.
    Il fatto anomalo e del tutto singolare è quando questi pezzi vengono acquistati da chi, bilanci alla mano, non se la passa certo meglio di noi a pil e debito pubblico.
    E' l'ennesima riprova del fatto che l'Italia per salvarsi dalla crisi, dovuta alla pessima gestione della cosa pubblica, fatta di sprechi e ruberie, è costretta a svendere i gioielli di famiglia. Che bello, quando Telecom si chiamava Sip, dello Stato Italiano tra le più potenti, innovative e floride società italiane, ha vissuto per decenni grazie alle tasche dei contribuenti.
    E adesso dopo "Telecom Espagnol", Alitalia "parlez vous francais"??? Mais oui !!!
     
  13. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    .. Franco Bernabe, presidente Telecom afferma , incredibile! :

    Solo «dalla lettura dei comunicati stampa», ha sorprendentemente affermato il presidente di Telecom Italia, Franco Bernabè, che sarebbe venuto a conoscenza «della recente modifica dell'accordo parasociale tra gli azionisti di Telco». Il numero uno della compagnia telefonica ha espresso anche una critica - nel corso della sua odierna audizione dal Senato - al «sistema Italia», prima latitante e ora allarmato: «Per arrivare a scelte differenti - ha detto il presidente - dovevamo tutti quanti pensarci prima». «Non si può - ha aggiunto - reagire con minacce come la nazionalizzazione della rete». E ancora: se «il sistema Italia fosse stato davvero così preoccupato del futuro di Telecom Italia come negli ultimi due giorni forse sarebbe stato possibile un intervento più strutturale».

    Questi manager prendono un pacco di soldi e poi "nessuno dice loro nulla" pero' la risposta la ha pronta "dovevamo tutti quanti pensarci prima....." solo che lui e' profumatamente pagato per non solo "pensarci" ma anche "AGIRE !".
    Conclusione ora annuncia le dimissioni !

    E le banche che al solito hanno fatto tutto per motivi economici cosa importa?
    E le recenti problematiche del governo tengono forse conto degli interessi degli Italiani?

    E' tutto marcio, solo speculazione ed interessi politico economici!

    Povera Italia come siamo ridotti!
     
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Artt. 6 e 21 D.P.R. n. 633/1972.
     
    A possessore piace questo elemento.
  15. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma scherzate, in ogni buona famiglia quando non ci sono soldi non si spendono oppure si fa un prestito calcolando quanto si incassa per coprire la spesa, ebbene in Italia non si fa cosi, non ci sono soldi? e che importa spendiamo i soldi (che non abbiamo) per la sagra della cedra Celtica....non chiedetemi cosa è so solo che somiglia alla cedra normale e che è uno strumento germanico del 14° secolo. ma saranno normali i ns. governanti? BOH!
     
  16. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Esatto.! Per i servizi vale il principio di cassa o la data della fattura se emessa prima dell'incasso, principio sempre valido dal 01/01/1973.
     
    Ultima modifica: 2 Ottobre 2013

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina