1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. davidemarco

    davidemarco Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Nel complesso di abitazioni dove io risiedo, alcuni condomini sui terrazzi, di loro esclusiva proprietà, hanno installato dei gazebo di legno, imbullonati al pavimento del terrazzo medesimo. Sono apert non hanno chiusure per ricavare dei locali, tant'è che quando piove fuori non si può stare ed anche alla sera, in estate, non si può restare fuori in quanto arrivano le zanzare in formazione.
    La domanda è: questo, impropriamente detto, gazebo amovibile che si può togliere quando si vuole, necessita di qualche autorizzazione del Comune oppure, in quanto non fisso, non serve ?
    L'assemblea ha, a suo tempo, dato parere positivo.
    Nel caso in cui dovesse servire l'autorizzazione del Comune quanto costerebbe ?
    Attendo una risposta.
    Grazie.
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    No.
     
  3. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    In generale ogni costruzione, anche se amovibile, necessita se non proprio di autorizzazione di una comunicazione, nel caso specifico va fatta una comunicazione come "attività libera" cioè come se fosse una manutenzione ordinaria
     
  4. luciano1949

    luciano1949 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Più che una autorizzazione comunale serve una autorizzazione da parte del "condominio" che deve valutare la questione "estetica" della modifica che viene fatta, amovibile o meno che sia, immaginiamo un palazzo dove ognuno applica in modo arbitrario una qualche costruzione che ne modifica sostanzialmente l'estetica, sarebbe come se ognuno mettesse un tendone di diversa fattura e colore, comprometterebbe la vista finale rendendo poco gradevole il condominio stesso.
    Sta all'assemblea chiarire queste modifiche regolamentandole di modo che, dove vengano effettuate, siano tutte sulla stessa falsariga e abbiano delle caratteristiche che non escano dallo stile della costruzione primaria, ad esempio su un palazzo storico non si dovrebbero installare tendoni a "pois" o travettature con edera rampicante che sarebbero invece piacevoli a vedersi in villini in riva al lago.
    Tutto va valutato prima di ogni regolamento dal buon gusto.
     
  5. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    quanto detto nei precedenti post, l'assemblea a data parere positivo, occorre solo fare una comunicazione al comune la cosidetta CILE e nient'altro
     
  6. davidemarco

    davidemarco Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per Adimecasa
    Preciso che l'Assemblea " autorizza la realizzazione di strutture fisse sui terrazzi degli appartamenti che dovranno essere di tipo pergolato in legno 0 metallo di colore neutro con copertura semplice (cannucce, policarbonato, tessuto, ecc.) "
    A questo punto tutti dovranno presentare al Comune la cosidetta CILE.
    Deduco che non ci voglia l'intervento di un professionista con costi su costi.
    Conferma.
    Grazie
     
  7. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    che l'assemblea abbia autorizzato il manufatto, non è detto che il comune lo permetta, la CILE può essere presentata anche da un privato, scaricando il modello dal sito del Comune, compilarlo e portarlo al protocollo
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  8. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    davidemarco scrive - Nel caso in cui dovesse servire l'autorizzazione del Comune quanto costerebbe ?
    Attendo una risposta.

    E' necessario leggere bene cosa prevede il Regolamento edilizio locale, perchè potrebbe essere necessaria la concessione edilizia, come ad esempio a Bolzano;

    Laddove non abbia carattere di assoluta temporaneità e precarietà, anche un gazebo è soggetto a concessione edilizia, in quanto costituisce un manufatto che, anche se non infisso al suolo, comporta in modo rilevante una trasformazione e/o alterazione dello stato dei luoghi.
    TAR T.A.A. Bolzano, 6/5/2005 n 172

    Per i costi, dipende dal professionista e dal Comune, per cui non posso dare nessuna indicazione
     
  9. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    questo vale dovunque, per un gazebo però lo puoi costruire dicendo che ha un uso stagionale poi non lo smonti ed è pronto per attendere la buona stagione successiva, nel caso in cui lo ritieni una costruzione devi anche valutare tutta una quantità di normative sulla costruzione che nel caso non consideri
     
  10. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se è stagionale non può essere una costruzione provvisoria ne precaria che si possa smontare e riporre al termine dell'uso giornaliero, questo vale per un ombrellone o cose che nel giro di qualche minuto si possono togliere, ma non per un gazebo fisso a terra;

    Concessione edilizia per opere precarie - gazebo
    Con la Sentenza n. 1354 del 28.3.2008, il Consiglio di Stato torna sul tema della necessità o meno del rilascio della concessione edilizia per la realizzazione di opere a carattere precario, affermando che la precarietà della costruzione va dedotta dalla funzione assolta dal manufatto e non dalla struttura e dalla qualità dei materiali usati, e comunque non sono da intendersi precarie le costruzioni destinate ad utilità prolungata.
    Nel caso esaminato, in accordo con il principio suesposto, è stato ritenuto necessario il rilascio della concessione edilizia per una tettoia in eternit con struttura di pali e legno, realizzata per proteggere un escavatore e finalizzata, pertanto, a soddisfare esigenze perduranti nel tempo, escluso il fatto che l'opera, anche dal punto di vista strutturale e dimensionale, si configurava come struttura necessitante di titolo concessorio.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  11. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    siamop sempre nell'ambito interpretativo:
    non si tratta di un ombrellone che tutte le sere lo chiudi e riponi ma di una struttura che supporta dei teli per ombreggiare, la monti e Maggio e la smonti ad ottobre, se poi non la smonti potenzialmente nessuno viene a verificare, chiaro che se il vicino ti denuncia, la smonti e dici di averla smontata così uoi dimostrare l'amovibilità
     
  12. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Nulla da interpretare, la sentenza mi sembra molto chiara;

    ... pertanto, a soddisfare esigenze perduranti nel tempo, escluso il fatto che l'opera, anche dal punto di vista strutturale e dimensionale, si configurava come struttura necessitante di titolo concessorio

    E un periodo da maggio ad ottobre (6 mesi su 12) è perdurante nel tempo.
     
    Ultima modifica: 15 Novembre 2013
  13. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    invece secondo me è stagionale qiondi ...
     
  14. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Quando vedi una rondine è primavera, ma un sentenza non è detto chi sia la verità e l'esattezza, finche un'altra sentezza la ribalta
     
  15. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti sto attendendo un'altra sentenza che ribalti quelle che ho postato, inoltre ti dico, dato che stai in zona, che a Brescia per il gazebo è necessario il permesso, è previsto dal Regolamento Comunale dall'art 72;

    art. 72 - Pergolati e gazebo su suolo privato
    ....
    Le strutture di cui ai commi precedenti sono autorizzate con provvedimento del dirigente responsabile del Settore sportelli dell’edilizia e delle imprese.

    Perciò per prima cosa come avevo anticipato al mess. nr. 8 sarà bene andare a leggere il Regolamento Comunale
     
  16. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    più che regolamento comunale, le norme attuative
     
  17. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Chiamale come vuoi, quello che ho postato fa parte del Regolamento Edilizio del Comune di Brescia.
    In tutti i casi in questo comune è necessario il permesso, chissà se a Novara non sia lo stesso?
     
  18. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Condobip, vuoi sempre avere l'ultima, sei peggio di mia moglie e in god we trust
     
  19. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    A te basta una semplice telefonata a qualche conoscente di Brescia se ne hai, il quale può informarti del Regolamento Edilizio di quel comune, se non li hai e se non ci credi a quanto ho scritto in 40 - 50 minuti da Bergamo arrivi a Brescia e t'informi direttamente al Comune. :)
    p.s. io li ho i conoscenti a Brescia, per questo ho risposto che così è il loro regolamento, mica mi invento le cose !!!!
     
  20. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    MICA vedrai adesso jacO cosa si inventa.
    a brescia ne ho tanti di colleghi amici, e conoscenti non mi serve andare per sapere quello che già conosco ciao
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina