1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. alterego198x

    alterego198x Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti e un grazie in anticipo a chi saprà rispondermi.

    Ho intenzione di NON accettare l'eredità di mio padre, che mi spetterebbe per legittima.

    Ho letto su internet che bisogna evitare di compiere qualsiasi azione che possa far presumere la mia volontà di utilizzare i suoi beni, per non giocarsi la possibilità di rifiutare l'eredità.

    La casa in cui vivo (e in cui lui ha vissuto con me fino al decesso) è intestata al 100% a me, ereditata da mia madre qualche anno fa. Lui aveva il diritto di abitazione in quanto ex coniuge e quindi imposte sulla casa, bollette delle utenze, ecc, ecc, ecc.... erano tutte intenstate a lui.

    Io vorrei aderire ad un'offerta di una compagnia telefonica che scade sicuramente prima che venga chiusa la successione. Per farlo, dovrei prima subentrare nel contratto telefonico intestato a lui.

    Se lo faccio, potrebbe questa essere un'azione interpretabile come volontà di usare una cosa sua?
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Cosa c'entra il contratto con la compagnia telefonica con l'eredità ? Il telefono poteva anche essere intestato ad un terzo, a una persona che non ha/aveva alcuna relazione di parentela con te, eppure nessuno ti impedisce di subentrare nel contratto.
    Scusa la mia curiosità, mi pare di aver capito che tua madre sia deceduta prima di tuo padre, come hai fatto ad "ereditare" il 100 % dell'abitazione, prima del decesso di tuo padre ?
     
  3. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Sono chiamati dalla legge: "comportamenti concludenti" art.476 CC; di certo non lo è concludere un contratto telefonico (non isnstaura alcun rapporto soggetto/bene).
    Semmai lei parla di "intestazione"... intende la voltura al Catasto o che?
    Cassazione ritiene che la stessa denincia di sucessione, non seguità da altro, non integri la fattispecie dell'accetazione tacita sentenza n. 2711 del 1996, ma sia necessario un ulteriore comportamento quale ad esempio un versamento di imposte; certi di non aver corrisposto nulla in tal senso?
    Saluti.
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il padre avrà rinunciato all'eredità della propria moglie, oppure quell'immobile è stato a lui interamente destinato con un testamento.
     
  5. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Certo, sono ipotesi plausibili, aspettiamo la risposta.
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ma se si parla di rinuncia all'eredità, il de cuius avrà lasciato qualcosa, magari debiti superiori all'attivo. Altrimenti non esiste il problema.
     
  7. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se la casa è intestata al 100% a te dovè il problema?
     
  8. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @alterego198x, mostra anche il tuo Ego e dacci delle informazioni chiare.
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se sta pensando di rinunciare all'eredità di suo padre, è ragionevole presumere che i debiti ereditari siano superiori all'attivo. Se accettasse l'eredità, dovrebbe rispondere di quei debiti con tutto il suo patrimonio personale.
     
  10. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Se la casa è intestata al 100% a lui, dovè l'eredità a quale rinuncia deve fare, il diritto di abitazione del de cuius, che valore può avere se non zero
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'eredità del padre! Che può avere 100.000 euro di debiti.
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
  13. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Però deve avere qualcosa anche nell'attivo, un box, 4 pecore, dei buoni postali, etc. Altrimenti a cosa rinuncia ?
    @Nemesis, la rinuncia all'eredità fatta dal padre nei confronti dei beni della madre può essere messa in discussione da eventuali creditori ? Esistono dei termini di prescrizione e una sorta di "revocatoria"? Se esiste, mi pare di ricordare che non vada oltre i 5 anni.
    Danke schön
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  14. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    Tausend dank, se l'eredità consiste in alcuni valori personali del padre, basta non accettare nessuna eredità, ma la casa citata dal forumista, alterego198 cosa centra?
     
  15. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se non fosse così, l'OP non si sarebbe posto il problema.
    Se la rinuncia del padre abbia causato un danno ai suoi creditori, esiste l'azione ex art. 524 c.c. Che non è una revocatoria, perché la rinuncia mantiene i suoi effetti. Il rinunciante (e i creditori) non divengono eredi.
    I creditori hanno esclusivamente il diritto di soddisfarsi sui beni dell'eredità fino alla concorrenza del loro credito. L'eventuale rimanenza del patrimonio ereditario viene devoluta a norma di legge.
    Art. 524, ultimo comma c.c.: "Il diritto dei creditori si prescrive in cinque anni dalla rinunzia."
     
    Ultima modifica: 16 Marzo 2015
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    C'entrerebbe, se alterego198x accettasse (espressamente o implicitamente) l'eredità del padre.
     
  17. alterego198x

    alterego198x Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Scusate e grazie mille per le tante risposte! Non mi sono arrivate le notifiche via email, pensavo di averle attivate, si vede di no!

    Provo a rispondere a tutte le domande.

    Il motivo per cui voglio rinunciare non è legato ai debiti (me la caverei tranquillamente col benificio d'inventario) ma ai rapporti con i miei familiari.

    Lui ha delle proprietà che arrivano dall'eredità di mia nonna (sua madre) e io non voglio avere niente a che fare con questi beni.

    Mia madre è deceduta prima di mio padre (1 anno e mezzo prima) e siccome mio padre già sapeva di aver una vita più o meno breve (malato terminale) ha rinunciato al suo 50% di eredità in mio favore, per evitare che "a breve" io ereditassi quello stesso 50% pagando di fatto due volte tasse, imposte, marche da bollo e tutte i costi legati alla successione e per permettermi di ereditare tutte le cose di mia madre senza eventualmente mischiarle con quelle di mia nonna. (che è deceduta dopo mia madre, ma prima di mio padre).

    Se mio padre avesse accettato la sua parte di eredità di mia madre, io oggi, accettando la sua, mi troverei con gli stessi beni ereditati direttamente da mia madre, ma avrei affrontato 2 successioni e relativi costì, anziché una sola. Spero di esseremi spiegato!

    Da quando lui è mancato io non sono andato a chiudere la sua partita IVA, non sono andato a chiudere il suo conto in banca, non ho pagato TASI/IMU del 2014 che erano in arretrato (perché in teoria spettava a lui che era l'habitator), tutte le raccomandate che mi sono arrivate, le ho rispedite al mittente dicendo al postino che il destinatario era deceduto.

    L'unico mio dubbio, visto che i contratti delle utenze di casa li ha stipulati lui (20 anni fa e dopo la morte di mia madre non c'è stata la necessità di cambiare intestatario perché lui è rimasto a casa con me), e le bollette arrivano a nome suo, mi chiedevo se subentrare nel suo contratto telefonico (o pagare una sua bolletta del telefono arrivata post decesso) potesse rientrare tra quei comportamenti concludenti dell'art.476 CC.

    Ho contattato diversi notai della mia città per farmi seguire la pratica, sono in attesa di ricevere i preventivi, però nel frattempo volevo essere sicuro di non fare azioni azzardate che poi mi tiro la zappa sui piedi da solo!

    Mi pare comunque di capire che il contratto telefonico non c'entra nulla con l'eredità, quindi posso farlo intestare a me, giusto?
     
  18. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    il contratto telefonico lo puoi intestare quando vuoi, dovrai solo cambiare numero
     
  19. alterego198x

    alterego198x Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    E se volessi mantenere lo stesso numero?

    Nel primo post parlavo di subentro perché voglio mantenere "l'anzianità pluridecennale" della linea telefonica che dà diritto a quell'offerta che mi interessa.

    Non posso farlo? Devo aspettare dopo la chiusura della successione?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina