1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. pinoerre

    pinoerre Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,
    pongo all’attenzione il seguente caso:
    n. 3 condomini autonomamente amministrati con ciascuno il suo codice fiscale: due con 1 amministratore esterno e l’altro con un diverso amministratore esterno.
    Le parti comuni del complesso (cancello elettrico, cortile per posti auto, giardino, recinzione, luci recinzione) sono gestite dall’“intercondominio” con proprio codice fiscale ed amministrate da un amministratore esterno (lo stesso soggetto che amministra 2 dei 3 condominii).
    L’intercondominio ha presentato il bilancio 2010, ma non il preventivo 2011 né la delibera di nomina del nuovo amministratore. Alla successiva assemblea non si è raggiunto il numero legale e la stessa è stata sospesa. Pertanto non è stato approvato il bilancio preventivo e l’amministratore è in prorogatio.
    Ad oggi (30.8.2012) non è stata neanche convocata l’assemblea per il bilancio 2011.
    A questo punto si chiede cosa fare e se è necessario pagare le quote relative alle spese comuni.
    Grazie
    :amore:
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Da quanto dici si tratta di un Supercondominio, il quale non è regolato dal Codice Civile (infatti non ne fa cenno) ma si presuppone tale quando;

    Le condizioni per la costituzione di un supercondominio TRIBUNALE DI BOLOGNA Sez. III, 23 febbraio 2007, n. 367
    Il fondamento tecnico dell'applicazione dei principi e delle disposizioni del codice civile in materia di condominio anche ai complessi immobiliari è dato dalla relazione di accessorietà intercorrente tra beni e impianti di uso comune e i singoli edifici costituenti condominii distinti e autonomi. Non è pertanto necessario un formale atto costitutivo, il quale ha, invece, valore meramente dichiarativo della nascita del supercondominio.


    Per cui le normali spese di gestione (consumo energia elettrica del cancello e luci recinzione e spese ordinarie), dovrebbero essere comunque pagate, ad evitare un decreto ingiuntivo a carico del supercondominio.
    Quello che potete fare voi condomini è la richiesta all'amministratore delle parti comuni del sp.cond. una assemblea straordinaria. a norma art. 66 Disp. att. cc per approvare le spese 2011 (consuntivo) e preventivo 2012, e/o la revoca di questo amm.re, nominando uno più attento alle problematiche comuni.
     
    A romrub piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina