1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    27/01/2011 - Rendere permanente la detrazione del 55%, istituire l’“ecoprestito”, approvare la legge sul sistema casa-qualità.
    Sono alcune delle proposte contenute nel documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sul mercato immobiliare condotta dalla Commissione Ambiente e presentato nei giorni scorsi alla Camera.

    L’indagine ha analizzato il quadro normativo che regola il settore edilizio, i dati sul mercato delle costruzioni e le problematiche che lo caratterizzano; sulla base di queste informazioni, la Commissione ha formulato una serie di proposte e soluzioni.

    Il dato più eclatante è quello relativo al crollo del mercato immobiliare: dal primo trimestre del 2008 si è registato un peggioramento che si è accentuato nel 2009 e che ha riguardato tutte le tipologie immobiliari, con una media di -18,7% nel primo trimestre 2009. Paralleamente è calato il volume d’affari complessivo delle compravendite: il dato stimato per il 2009 è di 109 miliardi di euro, con un decremento del 23% rispetto all’anno precedente.

    La tendenza negativa ha, ovviamente, coinvolto l’occupazione, facendo scendere, nel 2009 rispetto al 2008, del 9,8% il numero degli operai e del 7,6% quello delle imprese iscritte alle Casse edili, e i comparti industriali delle aziende fornitrici di materiali e prodotti per l’edilizia: nel 2009, la produzione, già in calo nel 2008, è diminuita del 24% per il calcestruzzo, del 21% per carpenteria in legno e falegnameria, del 33% per le piastrelle in ceramica e di oltre il 19% per porte e finestre in metallo.


    In sintesi, tre anni di mercato in flessione hanno prodotto uno stock di circa 120 mila appartamenti invenduti. Inoltre, i ritardi con cui la pubblica amministrazione paga le imprese, sottrae loro liquidità e ne mette a repentaglio la stessa sopravvivenza.

    Ma la Commissione si è concentrata anche sulla questione del miglioramento energetico degli edifici e della loro messa in sicurezza. Attività che - secondo la Commissione - possono aiutare le imprese artigiane e le piccole imprese ed essere fattore di sviluppo dei mercati immobiliari.

    Dati di Tecnoborsa mostrano che, su un totale di investimenti nel settore delle costruzioni di circa 190 miliardi di euro, 5,7 miliardi riguardano il miglioramento energetico nelle nuove costruzioni, mentre 6,1 miliardi di euro sono legati alla manutenzione straordinaria, alla ristrutturazione e alla riqualificazione energetica del patrimonio abitativo esistente. Si stima però un potenziale di 24 miliardi di euro, perché tali investimenti dipendono - soprattutto per le nuove costruzioni - dalla revisione del quadro normativo esistente (regolamenti edilizi comunali) e, per il patrimonio abitativo esistente, dagli incentivi de 36% e del 55%.

    Di conseguenza, la Commissione ha proposto di:
    - rendere permanente la detrazione del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici, ricordando la risoluzione 8-00074 approvata nel giugno 2010 (leggi tutto);
    - istituire l’“ecoprestito”, a tasso zero, fino a 30mila euro, per il miglioramento della qualità architettonica e tecnologica degli edifici;
    - approvare la legge sulla qualità nell’edilizia (legge sul sistema casa-qualità), attualmente all’esame della Commissione Ambiente della Camera (leggi tutto).

    Altre proposte prevedono di:
    - introdurre incentivi per riqualificare l’edilizia privata, rendendo conveniente, anche fiscalmente, sostenere fin da subito il maggior costo di riqualificazione e la messa in sicurezza degli edifici esistenti;
    - introdurre misure a sostegno della domanda di nuova edilizia ecocompatibile, come detrazioni fiscali su parte degli extracosti di costruzione, come è stato fatto con il DL 40/2010 (leggi tutto);
    - coordinare le politiche abitative del Governo nazionale con quelle delle città, sostenendo le iniziative di recupero e ristrutturazione urbanistica ed edilizia;
    - istituire un fondo di garanzia per le Esco (società per i servizi energetici) che si accollano gli investimenti per rendere più ecosostenibili gli immobili, alleggerendo le bollette.

    BONUS 55%, ECOPRESTITO E SISTEMA CASA-QUALITÀ PER RILANCIARE IL MERCATO IMMOBILIARE
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina