1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. TGiero

    TGiero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Nel 2013 dopo una breve malattia e venuta a mancare la mamma, e noi figli, sapendo che i nostri genitori avevano già dato l’eredita ai figli sposati e precisato che tutto quello che era rimasto all’interno del nucleo famigliare dei genitori e di un figlio (disabile) era tutto per il benessere del figlio disabile, non abbiamo sentito l’esigenza di procedere con atti di successione.

    Dopo tre anni ci siamo accorti che:

    - il capitale lasciato per il figlio disabile era vincolato a nome del padre e beneficiario solo in caso di morte del figlio disabile;

    - Che i genitori erano riusciti a vincolare dei buoni postali intestati a tutti e due i genitori e fifli disabili;

    - Che il direttore dell’ufficio postale pur sapendo del decesso della mamma ha continuato a cambiare i buoni se pur intestati ad un deceduto ed elargisce consigli disinteressati per tenere il capitale (circa 250.000.000 €) vincolato è presso le poste.

    Mi domando se questa procedura è legittima, se un dirigente delle PT può fare operazioni in presenza di un beneficiario defunto, fare di tutto per trattenere il capitale.

    Come posso comportarmi per regolarizzare il tutto a tutela del figlio disabile?
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Glissiamo su quanto poteva o non poteva fare il Direttore (per la scarna spiegazione che hai dato)...prima di cercare le colpe altrui andrebbero analizzate le "mancanze dd omissioni" degli eredi.

    Il "disabile" ha necessità di un tutore?
     
  3. TGiero

    TGiero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    il disabile (fisico) gode della pensione ed accmpagnamemnto ma non necessita di tutore, noi eredi abbiamo certamento omesso (nella certezza che tutto era intestato al figlio convivente) di comunicare la morte della mamma all'ufficio postale, certi che avrebbe provveduto al tutto papà, quindi non so se da parte nostra ci siano state mancanze o omissioni, partiamo dal fatto certo che i tre fratelli non hanno problemi sull'assegnazione dell'eredità, il problema è nato in quanto abbiamo scoperto che papà, convivente con la figlia disabile, ha cambiato dei buoni postali intestati a lui la moglie (deceduta) e la figlia convivente, non so se ci siano omissioni o colpe da parte nostra
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non fraintendere il senso di mancanze ed omissioni.
    Alla morte di un genitore gli eredi (coniuge superstite e figli) devono presentare la Dichiarazione di Successione.
    E' ammessa l'omissione di tale atto solo se il controvalore non supera i 100mila Euro e non siano presenti beni immobili o diritti sugli stessi.

    Agenzia delle Entrate - Dichiarazione di successione - Scheda informativa

    Come detot hai fatto una descrizione "lacunosa" e andrebbero chiariti diversi punti ...ma si può affermare che:

    Una "eredità" non può essere "distribuita" prima della morte della persona ...qualsiasi atto fatto in tal senso equivale a donazione è in quanto tale può essere "revocato".
    In mancanza di testamento tutti i beni che appartenevano al "de cuius" sarebbero da considerarsi destinabili in quote indivise frea i vari aventi diritto.

    Ciò non rileva perche persino altri potrebbero contestare la questione.
    Meglio provvediate a "sanare" quanto prima.

    Restando nello specifico dei "titoli", se vostro padre è ancora vivo e se tali titoli risultano allo stesso intestati (anche se nelle intenzioni della madre andavano al figlio disabile)...diventa ora arduo sistemare le cose.

    Salvo particolare disposizione nella titolarità e in caso di divergenze di "opinioni", egli può lecitamente disporre (rinnovo o cambio)...e dovrete iniziare una "lite" per appurare/sistemare le cose.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina