1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. raffaelle

    raffaelle Nuovo Iscritto

    salve,ho ricevuto in regalo da una zia diversi anni fà dei buoni postali cointestati con lei, dicendo in molte occasioni che alla sua morte potevo fare quello che volevo (anche 2 giorni prima di morire).ora cè un testamento olografo con data di un anno e mezzo fà in cui nomina erede universale un altro nipote il quale oltre alla casa che gli ha lasciato pretende da mè tutti ibuoni postali che a suo tempo la zia mi aveva donato, dicendo che è tutto suo ( il testamento è stato dettato da lui con la promessa che la avrebbe assistita,senza spiegargli cosa voleva dire erede universale)
    può fare tutto questo ,aiutatemi
     
  2. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Essendo i buoni cointestati puo solo pretendere il 50% del totale .
     
    A possessore piace questo elemento.
  3. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per il testamento olografo ci sono delle procedure precise da seguire, come la consegna ad un notaio e che lo stesso testamento rispecchi determinati criteri, data di redazione, firma finale, etc.
    Nel testamento i buoni sono citati? Per me non ci sono dubbi che il 50% spetti a te.

    Il testamento nel suo insieme non può aggredire la quota legittima, quindi sia per l'appartamento che per il restante 50% dei buoni occorre valutare se è stata rispettata, nel caso non fosse stata rispettata il testamento (per me ma non sono un legale) è nullo e quindi non applicabile nel suo intero.

    Inoltre lui ha l'esatta conoscenza di quanti sono e per quali importi??
    Luigi
     
  4. Franz

    Franz Membro Attivo

    Impresa
    se il testamento è regolare, ossia scritto di pugno e non in corsivo dalla zia, datato e firmato, comunque i buoni postali rimangono tuoi

    se la zia non aveva eredi legittimari, ossia non aveva figli, coniuge, o genitori, del suo patrimonio poteva fare ciò che voleva, quindi poteva donare in vita senza lesioni di legittima per nessuno, e quindi senza possibilità di successive richieste di riduzione/restituzione delle donazioni fatte in vita, dopo la sua morte......quindi poteva fare testamento per chi preferiva

    perciò l'altro nipote si sbaglia alla grande quando dice che i buoni postali che hai ricevuto in regalo sono suoi = egli non è un erede legittimo, nè tantomeno gli è stata lesa la sua quota di eredità legittima cui non ha diritto

    solo un erede legittimo poteva reclamare almeno parte dei buoni postali, ma SOLO se queste donazioni di buoni postali gli avessero danneggiato la legittima, e nel caso tuo risulta pure improbabile, visto che la zia ha lasciato una casa

    ..il nipote non può da te reclamare niente
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Forse sarebbe utile conoscere che il "corsivo" è il carattere che comunemente si usa scrivendo a mano. Ciò premesso, i buoni postali rimarranno suoi, per la sola quota di sua competenza (50%).

    Aggiunto dopo 3 minuti ....

    L'altro nipote, istituito erede universale con disposizione testamentaria, ha tutto il diritto di reclamare la parte caduta in successione (50%).
     
  6. Franz

    Franz Membro Attivo

    Impresa
    ho sbagliato a scrivere=intendevo dire che il testamento deve essere scritto in corsivo e non in stampatello

    poi, i nipoti figli di fratelli e i fratelli stessi non sono eredi legittimi...
    in questa domanda si parla di un testamento rivolto ad un unico nipote, quindi quello che ha ricevuto i buoni postali in donazione se li può tenere

    l'altro nipote, beneficiario del testamento, ha diritto di tenersi il 100 % dell'eredità lasciata dalla zia, ma nulla può reclamare sui buoni postali ricevuti dal cugino
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Confusione tra eredi legittimi ed eredi legittimari (o necessari). I nipoti sono eredi legittimi, ma non legittimari.
    I buoni sono cointestati. Quindi cadono in successione per la quota in capo al de cuius (50%). A meno che il donatario riesca a provare la donazione.
     
  8. raffaelle

    raffaelle Nuovo Iscritto

    scusate, come posso fare io a provare che i buoni mi sono stati donati come ad altri 3 nipoti ?dalla nostra parte abbiamo solo il tempo (nè ho anche da 15 anni)e le parole che ci diceva (alla mia morte sono tuoi)
     
  9. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    spero almeno che tua zia sia stata assistita come promesso. in ogni caso il 50% resta tuo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina