1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. franco80

    franco80 Membro Ordinario

    salve a tutti e grazie in anticipo!

    vi spiego: devo fare 4 successioni aperte tutte in anni diversi;

    ho un fabbricato e un terreno di pertinenza e ho 4 de cuius morti rispettivamente il 24/03/1976 il 19/01/1993 23/10/1998 e il 21/02/2009.

    come faccio a calcolare il valore catastale? su internet trovo troppe soluzioni e all agenzia delle entrate mi hanno detto cose sbagliate.

    grazie
     
  2. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Per i de cuius deceduti nel 1993, 98 e 2009, va bene la rendita catastale che trovi attualmente in visura.

    Per quello deceduto nel 1976 ci sono delle tabelle di aggiornamento in base alla rendita del tempo.
     
  3. franco80

    franco80 Membro Ordinario

    grazie geometra per la risposta ma il problema e' che io non so quali coefficienti usare per il calcolo del valore catastale.
     
  4. franco80

    franco80 Membro Ordinario

    grazie geometra ma forse mi sono spiegato male:

    volevo sapere che indici devo usare per calcolare il valore catastale del fabbricato e del terreno.
     
  5. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Vista la varietà degli anni, dei coefficenti in riferimento alle varie categorie catastali urbane e dei requisiti di agevolazioni 1^ casa dal 2000 in poi penso che se non hai molta dimestichezza con i dati occorre che ti faccia seguire da un tecnico o consulente ben addentrato nella problematica e con la possibilità di visionare i tuoi documenti.

    Ciao salves
     
  6. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Poichè il problema mi interessa da vicino in quanto ho anch'io un problema simile, chiedo a Massimo Binotto :amore:che mi sembra conosca meglio la materia (per carità, senza nulla togliere agli altri forumisti) :fiore:di indicare, se possibile, dove reperire le tabelle che menziona.
    Pensa che io (per motii troppo lunghi da riportare qui) solo ora potrò eseguire la successione di mio padre -deceduto nel 1965-. Ora i notai sono tutti d'accordo nel dirmi che le imposte dovranno essere pagate in ragione di quelle vigenti all'epoca:daccordo:. Però non hanno saputo quantificarmi nè percentuali (dell'epoca) :-nè il tipo di imposte (ad es. catastali e/o di registro:-o, se esistevano) nè su quale base imponibile (se il valore del bene nel 1965 o sulle rendite catastali attuali).:-o
    Ho scritto al Consiglio Notarile Nazionale ed a quello Provinciale. Mi hanno risposto che non possono fornire consulenze on line e che mi devo rivolgere ad un notaio (Sic!) :disappunto::disappunto::disappunto:Ma se nessun notaio mi sa dare le risposte!!! :rabbia:Ho scritto all'AdE ed anche loro, molto elegantemente hanno glissato nella risposta dicendomi di rivolgermi all'AdE competente di Comune o Provincia.:rabbia: Naturalmente, per loro, io dalla provincia di Roma, per ottenere un chiarimento del genere dovrei fare una trasferta a Torino (lì è situato il bene ereditato....)
    E poi, c'è il Ministero della Semplificazione!!!:rabbia::rabbia:
    A me sembra che si tratti sempre e comunque dell'"U.C.A.S." di buona memoria, ossia: Ufficio Complicazioni Affari Semplici!:disappunto:
     
  7. franco80

    franco80 Membro Ordinario

    salves, ho fatto anche altre successioni però mai come questa ( anni diversi) a me interessa solo sapere come calcolare il valore catastale riferito agli anni 76-93-98 e 2009.
    è cosi difficile?:disappunto:
     
  8. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ok, la successione va presentata all'agenzia delle entrate competente in riferimento alla residenza del defunto, quindi se uno è deceduto ed era residente a Roma ma ha beni a Torino, la successione va presentatat a Roma.
     
  9. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Gia', tutto giusto, caro Salves. Solo che nel mio caso, io risiedo in provincia di Roma. Mio padre, invece risiedeva e mori' a Torino. Ed e' a Torino, che sono stato invitato a cercare i chiarimenti.....sono poco meno di 700 km. per avere (forse) un chiarimento mi sembrano tantini visto che AdE di Roma o di Torino, sempre di AdE si tratta. E quello che potrebbe spiegarmi Torino, in teoria lo dovrebbe poter spiegare anche Roma. O no?
     
  10. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Certamente che può spiegartelo Roma.
     
  11. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Non è difficile ma tortuoso e occorre fare attenzione alle varie tabelle di coeficenti che variano di anno in anno, in riferimento al decesso nello stesso anno (1976) c'è ne sono due, alla categoria catastale dell'immobile urbano, alle linee guida che hanno intrapreso all'agenzia delle entrate competente per territorio dove presenti la successione, perche un'agenzia ritiene secondo il suo dipendente congruo un valore con certi calcoli, altre considerano un'altra soluzione, per questo risulta vago darti una soluzione esatta.

    Quello che posso dirti è dovresti reperire le rendite del 1976 e fare i dovuti calcoli con i coefficenti per il calcolo del valore per poi moltiplicarli per le aliquote, così come anche per gli altri anni , altre agenzie vista la irreperibilità delle rendite catastali del 1976 considera un calcolo che scaturisca un valore congruo per l'epoca ma sempre con le tariffe e coeficenti dell'epoca.

    Ciao salves
     
  12. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Benissimo. Mi riferisco al mio post. n. 6 nel quale vi mettevo al corrente della situazione "Kafkiana" nella quale mi trovo fra rimpalli notarii, AdE, Consigli Nazionali e provinciali Notariato e quant'altro.
    Come socio AltroConsumo ho interpellato, ultima ratio, anche loro. E da loro è arrivata la soluzione:fiore:che consiste nell'Istanza di Interpello. Si prepara l'istanza descrivendo analiticamente il fatto e le necessità contingenti per non incorrere in sanzioni ecc. ecc.
    Poi, sempre nel'istanza, si propone un tipo di pagamento - nel mio caso, ho optato per le imposte attualmente in vigore - nell'impossibilità di trovare quelle dell'epoca (1965). Quindi, zero imposta di successione per la nota franchigia del milione ( o 1,5?) di euro; imposta catastale e di trascrizione pari ai famosi 168 euro cad. per erede in quanto possiamo far valere la "prima casa" di uno di noi. L'Agenzia deve rispondere entro 120 giorni dal ricevimento. Se non lo fa, al 121° si va a pagare l'offerta e....non ci sono più santi :amore:nè diavoli :rabbia:che ci possano impedire di dormire sonni tranquilli. E sembrerebbe che funziona!!!:risata::risata::risata:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina