• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

e.rossi79

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti,
nel nostro condominio alcuni condomini hanno installato caldaie a condensazione pur non avendo le canne fumarie a norma. Alcuni hanno messo lo scarico esterno altri invece direttamente nella canna fumaria. Alcuni di loro sono stati autorizzati dall'amministratore di condominio, è quindi possibile richiedere la rimozione di quest'ultime e presentare denuncia all'amministratore?
grazie in anticipo
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Difficile giudicare sulla base del tuo resoconto.
Le caldaie a condensazione possono funzionare anche "senza condensazione" e in tal caso il camino ha meno obblighi.

Non hai nemmeno spiegato i motivi di una tua eventuale contestazione.
 

e.rossi79

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buonasera,
cerco di fornire maggiori dettagli:
A seguito della richiesta di alcuni condomini di sostituire le attuali caldaie con nuove caldaie a condensazione, l'amministratore (purtroppo dopo aver dato il benestare all'installazione di quest'ultime) ha richiesto un intervento di videoispezione per verificare i requisiti minimi. A seguito dell'analisi gli attuali sistemi non rispecchiano i requisiti minimi richiesti dall'attuale normativa vigente (uni cig 7129).

Le contestazioni sono due:
1) l'amministratore ha concesso l'installazione di queste caldaie senza fare prima una verifica dei requisiti
2) i condomini montano caldaie non a norma che possono recare danni all'impianto esistente.

Grazie
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Non hai spiegato nulla di più di quanto fatto in precedenza.

L'amministratore non ha alcun potere di concedere autorizzazioni (eventualmente spettava all'assemblea) ... ma non vedo alcun senso nel chiamarlo in causa.
Nessuno otterrebbe nulla.

E una tua "fissa" quella della caldaia non a norma.

Vuoi partire per una "crociata" ? Cosa vuoi ottenere?
 

e.rossi79

Membro Attivo
Proprietario Casa
Non hai spiegato nulla di più di quanto fatto in precedenza.

L'amministratore non ha alcun potere di concedere autorizzazioni (eventualmente spettava all'assemblea) ... ma non vedo alcun senso nel chiamarlo in causa.
Nessuno otterrebbe nulla.

E una tua "fissa" quella della caldaia non a norma.

Vuoi partire per una "crociata" ? Cosa vuoi ottenere?
Credo che lo spirito dei partecipanti a questo forum sia di collaborazione e non per sentenziare richieste. E' ovvio che non tutti siamo "imparati" come lei e forse una maggiore collaborazione gioverebbe alla condivisione della conoscenza. Non si sprechi ulteriormente a perdere con nessuna delle mie attuali a future richieste, sono certo di trovare qualcuno di più collaborativo rispetto a lei.
Saluti
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Credo che lo spirito dei partecipanti a questo forum sia di collaborazione e non per sentenziare richieste.
Tu sei libero di pensare ciò che vuoi... ma non puoi pretendere che gli altri riescano a leggere i tuoi pensieri.
Non hai fatto uno straccio di domanda che abbia un senso logico...e dell'unica ti ho spiegato l'insussistenza delle "prove".
 

gattaccia

Membro Attivo
Proprietario Casa
da qualche anno le ditte specializzate devono rilasciare certificato di conformità di tutto l'impianto, vale a dire della caldaia ma anche dei sistemi di evacuazione fumi e scarico, è un unico impianto

se fossi in te comincerei a chiedere di visionare tali certificati (può darsi che l'amministratore abbia "autorizzato" previa presentazione di progetti a norma, almeno così dovrebbe fare secondo me)
 

e.rossi79

Membro Attivo
Proprietario Casa
da qualche anno le ditte specializzate devono rilasciare certificato di conformità di tutto l'impianto, vale a dire della caldaia ma anche dei sistemi di evacuazione fumi e scarico, è un unico impianto

se fossi in te comincerei a chiedere di visionare tali certificati (può darsi che l'amministratore abbia "autorizzato" previa presentazione di progetti a norma, almeno così dovrebbe fare secondo me)
grazie
 

gattaccia

Membro Attivo
Proprietario Casa
comunque sia, se ci sono le conformità non vedo il motivo di tenerle nel cassetto

se invece non ci sono, secondo me un condomino che ha il proprio impianto (si spera a norma) che evacua in una canna fumaria collettiva, ha il diritto di informarsi sugli impianti altrui, no?
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
La canna fumaria condominiale sicuramente all'epoca sarà stata realizzata con altre leggi e per un uso differente dalle attuali nonché caldaie, nessun tecnico con un poco di coscienza incanalerebbe in una canna fumaria una sua applicazione che lo rende responsabile tranne se non ci sono i progetti e la destinazione d'uso con i suoi limiti.
Conclusione chiama un termotecnico ma che sia tale, lui sarà in grado a indicarti se ci sono degli obblighi di istallazione e se ci sono i presupposti di essere fuori normative, avuto una indicazione fai presente all'amministratore delle difformità e se fa orecchio da mercante lo fai tramite raccomandata e l'avvisi che lo ritieni responsabile di eventuali conseguenze, ma sappi che aprirai una guerra che non sai dove ti porterà perché in Italia valgono più le amicizie che le leggi
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
ha il diritto di informarsi sugli impianti altrui, no?
NO...sbagli.

@e.rossi79 è un comune cittadino...non gode di alcuna prerogativa del poter prendere visione dei documenti altrui ne di sentenziare se un impianto sia a norme o meno.

La canna fumaria "collettiva" non è altro che un semplice involucro dove (generalmente) convivono le canne personali.

Se era a norma prima della sostituzione della caldaia lo sarebbe anche dopo se si fa funzionare la nuova secondo le regole precedenti (senza condensazione).

Non confondere la "pignoleria" di chi non ha competenza e si diletta nell'allarmismo.ingiustificato.
 

uragano

Membro Attivo
Professionista
forse voleva sapere solo questo
Tutte le caldaie a condensazione devono essere collegate ad uno scarico della condensa residua di combustione, in accordo con la norma UNI 7129/2015 Parte 5 – Sistemi per lo scarico delle condense (sostituisce la UNI 11071/2003).
vedi norme UNI per istallazione della caldaia a condensazione
 

uragano

Membro Attivo
Professionista
ricordo che nei camini scarico fumi normali puo' essere inserita la caldaia a tiraggio naturale,mentre nella stessa non si possono collegare le caldaie a condensazione
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
forse voleva sapere solo questo
Tutte le caldaie a condensazione devono essere collegate ad uno scarico della condensa
Io invece ritengo che tale questione la conosca benissimo...
alcuni condomini hanno installato caldaie a condensazione pur non avendo le canne fumarie a norma. Alcuni hanno messo lo scarico esterno altri invece direttamente nella canna fumaria.
Il problema è che non ha chiarito il motivo per il quale vorrebbe contestare tale operato.

Se lamenta un danno o anche se solo si vuol ergere a "censore" ha un solo sistema: fare espressa denuncia alle autorità competenti e citare a Giudizio chi gli pare sopportandone le conseguenze e i rischi.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
NO uragano attualmente due scarichi della stessa natura non possono essere in comunione figuriamoci diversi tra loro, attualmente le canne in comune devono essere progettate appositamente per lo stesso tipo di scarico ma mai scarichi differenti avere vari punti di ispezioni ecc.
 

gattaccia

Membro Attivo
Proprietario Casa
NO...sbagli.

@e.rossi79 è un comune cittadino...non gode di alcuna prerogativa del poter prendere visione dei documenti altrui ne di sentenziare se un impianto sia a norme o meno.

La canna fumaria "collettiva" non è altro che un semplice involucro dove (generalmente) convivono le canne personali.

Se era a norma prima della sostituzione della caldaia lo sarebbe anche dopo se si fa funzionare la nuova secondo le regole precedenti (senza condensazione).

Non confondere la "pignoleria" di chi non ha competenza e si diletta nell'allarmismo.ingiustificato.
può essere come dici tu quanto alla pignoleria etc.
tuttavia il nostro amico è certamente comproprietario delle parti comuni, quindi secondo me ha diritto di sapere se vengono usate rispettando le norme di legge, senza sentenziare niente, basta sapere se ci sono le conformità, e se non ci sono l'amministratore dovrebbe spiegare le varie opzioni e deciderà l'assemblea cosa fare, ma sempre in base a informazioni che fotografano lo stato di fatto, per questo ti dico che mi pare assurdo nascondere documentazioni manco fossimo agenti del kgb in missione :)
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Gattaccia con le canne fumarie non si scherza fortunatamente i casi sono sporatici ma è successo che qualcuno è morto, avevano incanalato una semplice stufa a pellet in una canna condominiale preesistente la quale non è stata controllata, la normativa prevede si di utilizzarla ma come cavedio e far camminare il tubo della stufa dentro fino al farlo uscire dal tetto invece l'installatore ha solo immesso lo scarico dentro pertanto i fumi hanno trovato una fessura e entrando in casa hanno ammazzato una vecchia del piano superiore mentre dormiva, figuriamoci i gas di scarico delle caldaie a gas, bisogna vedere se non è lesionata se è in grado di evacuare i gas se non si accumulano ecc. guarda è una bella responsabilità per chi rilascia il permesso di usarla
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
tuttavia il nostro amico è certamente comproprietario delle parti comuni, quindi secondo me ha diritto di sapere se vengono usate rispettando le norme di legge, senza sentenziare niente, basta sapere se ci sono le conformità, e se non ci sono l'amministratore dovrebbe ...
Ti faccio il sunto di ciò che intuisco:
-il postante ha una predisposizione per cercare presunti "difetti" nelle "azioni" di quanti lo circondano.
Se teme di subire un danno non ha alternativa che seguire quanto ho spiegato: denuncia "ufficiale" e citazione a giudizio se deve rivendicare un danno.
Dalla descrizione si ricava che è "solo" contro buona parte del Condominio (se non anche la maggioranza) e ritiene l'amministratore un "idiota" connivente o incapace.
In tale situazione non ha speranza che l'assemblea avalli le sue richieste.

Rileggi le altre sue discussioni e poi capirai.
Vuole che il negozio coibenti e tenga chiuso sennò consuma di più, vorrebbe copie documentali digitali senza pagare e...farebbe rifare tutti gli scarichi senza avere certezza di un uso irregolare.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto