1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. mandarino

    mandarino Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Buongiorno.Società x vanta un credito nei confronti di società y.Decreto ingiuntivo,precetto notificati e ricevuti dalla società debitrice.ora la società debitrice ha cambiato nome,ma stessa partita IVA e stessa sede.posso fare il pignoramento nei confronti della società originaria.,io crdo si,nessun problema.cosa ne dite?grazie ancora!
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Certo che sì.
    In un caso analogo, in cui peraltro non si trattava solo di cambio del nome, la Cassazione ha ritenuto che, quando nei medesimi locali o in parte di essi viene esercitata attività commerciale dello stesso genere di quella esercitata dai "precedenti titolari”, non si abbia la presunzione di cessione di azienda e che per bloccare il pignoramento dei beni deve essere dimostrato “mediante l’esibizione di atti pubblici o scritture private autenticate” che appartengano ad altri soggetti (Cassazione. 2011 n. 12965).
     
  3. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Buongiorno, di che tipo di società si tratta?
    @Ollj ho letto la sentenza da te citata, in quel caso la Cassazione si è occupata della esecuzione esattoriale e della presunzione di cui all'art. 66 DPR 602/1973.
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La modifica del solo nome/marchio non basta a mutare soggetto.
    Se i dati fiscali sono rimasti gli stessi significa che la ditta è la stessa...anche fossero cambiati i soci.
     
    Ultima modifica: 30 Ottobre 2015
  5. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    certo, trattandosi di impresa individuale potrebbe esserci stato un trasferimento di azienda con conseguente possibilità di agire nei confronti della cessionaria.
    @mandarino parlava però di società, volevo quindi capire di quali soggetti stavamo parlando.
     
  6. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    anche perché @mandarino ha un titolo esecutivo e la sua domanda è se può agire contro la "vecchia società", non se può rivalersi sulla "nuova".
     
  7. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ma non vi è alcuna nuova società...trattasi sempre della stessa che ha variato la denominazione...e a testimoniarlo è il numero di Partita IVA rimasto immutato.
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ma l'art. 66 di quel D.P.R., per la sostituzione operata dall'art. 16 del D. Lgs. n. 46/1999, non ha più il comma 4 (con effetto dal 1° luglio 1999), che recitava:
    Agli effetti dei commi precedenti, si presume avvenuta la cessione dell'azienda, salvo prova contraria, quando nei medesimi locali o in parte di essi viene esercitata attività commerciale dello stesso genere di quella esercitata dai precedenti titolari.
     
  9. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Nemesis, a prescindere dalla successiva modifica legislativa, quel che stavo cercando di spiegare è che il precedente citato da @Ollj non si attanaglia al caso di specie.
    La domanda di @mandarino è: "posso agire contro la vecchia società?".
    In realtà, se come immaginiamo si tratta di ditta individuale, l'azione verrà rivolta avverso la persona fisica (l'imprenditore) e @mandarino potrà agire sia contro il nuovo imprenditore che contro il vecchio (ipotizzando che si tratti di ditte individuali e che si sia verificata una cessione di azienda).
     
  10. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Giusto ed io stesso avevo premesso trattarsi di ipotesi diversa.
    Tuttavia, quello che mi premeva sottolineare era tal principio (applicabile in ogni caso): che
    per bloccare il pignoramento dei beni deve essere dimostrato “mediante l’esibizione di atti pubblici o scritture private autenticate” che tali beni appartengano ad altri soggetti, e nel caso sottopostoci ciò non si realizza.
     
    A Avvocato Luigi Polidoro piace questo elemento.
  11. mandarino

    mandarino Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Concordo con voi sul fatto che essendo mutata solo la denominazione(da snc passata a sas e cambio nome)ma rimasto stesso indirizzo e stessa partita IVA,posso fare e devo fare il pignoramento nei confronti della società "vecchia".Ho visto che vi sono state molte modifiche nel pignoramento presso 3.Una domanda:nel caso in cui perviene dichiarazione negativa dalla banca,coa fare:non iscrivete a ruolo?anche se la norma dice di iscrivere a ruolo entro 30 gg.nella formulazione dell'atto non è cambiato nulla.mi confermate?tranne la competenza:sede debitore.
     
  12. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Una società non può essere una ditta individuale (autonomo).
    Nemmeno le Srl a socio unico sono ditte individuali.
    Ora spiegato che era una Snc divenuta Sas...spero sia evidente.
     
  13. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Su questo non c'è dubbio, avrai infatti notato che nella prima risposta chiedevo di che tipo di società si trattasse e poi, nei successivi post, in assenza di risposte, ipotizzavo anche la fattispecie della ditta individuale.
    Il chiarimento, ne converrai, è intervenuto dopo e ne prendo atto.

    Continuo comunque a chiedere: perché @mandarino dovrebbe sottoporre a pignoramento quella che lui chiama "società vecchia" ? l'avvocato di @mandarino dovrà agire avverso la società X (avverso la quale ha ottenuto il decreto ingiuntivo) specificando che ora è divenuta società Y.
    Il senso dei mie interventi era questo:
    a) se si fosse trattato di ditte individuali e di una mera cessione di azienda (visto che @Ollj richiamava una disposizione la quale presumeva la continuità aziendale in caso di cessione - per quanto non applicabile nel caso di specie), @mandarino avrebbe dovuto / potuto agire sia contro il vecchio imprenditore che contro il nuovo (solidalmente responsabili);
    b) se invece si fosse trattato di una società, allora si trattava di una trasformazione societaria (come è stato chiarito soltanto in ultimo) e quindi non ha senso parlare di società nuova o vecchia perché il soggetto è rimasto il medesimo.
     
  14. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    @mandarino stai ponendo domande molto tecniche, immagino tu sia seguito da un avvocato che ben conoscerà l'abc della espropriazione.
    Ad ogni modo, nel caso in cui il terzo pignorato emetterà dichiarazione negativa, il tuo avvocato deciderà di non iscrivere a ruolo. La modalità tipica di invio della dichiarazione è ormai la pec, quindi otterrete riscontro prima dello spirare del termine dei 30 gg per l'iscrizione a ruolo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina