1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti, provo ad esporre la mia situazione confidando nella vostra competenza per avere delle risposte che, pur leggendoVi attentamente non ho trovato! Dieci anni fa ho acquistato un appartamento originariamente dotato,come tutti gli altri appartamenti del condominio, sia di vano soffitta che di cantina.Nel mio rogito non c'è alcun cenno alla soffitta in quanto da un precedente rogito del 1962 risulta che chi ha venduto allora ( due signore nate all'inizio del 1900) l' ha tenuta per sè escludendola espressamente dalla vendita così che anche nelle due compravendite precedenti al mio acquisto di questo vano soffitta non c'è più traccia.Al piano sottotetto si accede tramite una rampa di scale che parte dal pianerottolo del terzo ed ultimo piano.in cima a questa rampa c'è una porta di accesso chiusa a chiave ,che io non ho mai avuto nè chiesto , quindi non so neppure se mi spettava o no! Ora un condomino ,in vista dei lavori di ristrutturazione di tetto e sottotetto,composto da 10 vani soffitta, ha proposto di pagare tutti i lavori del sottotetto in cambio della cessione di tutti i "vani soffitta" per poterci ricavare un appartamento che ovviamente diventerà di sua esclusiva proprietà. L'amministratore ha redatto una apposita tabella millesimale con 9 proprietari e 1 "sconosciuto". So che il condomino che vuole trasformare il "piano sottotetto" in appartamento ha condotto trattative "riservate " con ogni singolo condomino perchè ...qualcuno ha preteso di avere molto di più di quello che dovrà pagare, in base ai millesimi,per la ristrutturazione del suo vano soffitta ( le dimensioni di ciascun vano sono alquanto differenti!)..ma questo penso proprio sia legittimo! Ad oggi nè l'ingegnere incaricato di fare una ricerca catastale nè un notaio hanno trovato chi possa essere diventato il proprietario di quel vano.." a sua insaputa"! Quello che vorrei sapere è : 1) se , come pare, non si riesce a trovare il proprietario di quel vano soffitta, che in origine era abbinato al mio appartamento, può essere realizzato comunque un appartamento che ingloba anche il vano "sconosciuto"? 2) posso chiedere che diventi nuovamente pertinenza del mio appartamento, come era in origine...e se si cosa dovrei fare? 3) il corridoio che c'è nel sottotetto e che permette a ciascun proprietario di accedere al suo "vano sottotetto" è comune a tutti i 10 condomini e quindi è necessaria l'unanimità per deliberare il cambio di destinazione d'uso di questa parte o è di esclusivo "appannaggio" di quelli che hanno il vano sottotetto e quindi io sono esclusa da tale decisione ,dato che futuri necessari accessi al tetto saranno ovviamente garantiti a tutti? Spero di essere riuscita a spiegare la situazione e di avere chiarimenti e risposte ai miei quesiti! grazie a tutti!
     
  2. maxbiag

    maxbiag Membro Attivo

    Professionista
    Ma le due signore del 1900 non avevano eredi? Perchè il locale è dell'erede. Appurata l'inestisenza di aventi diritto, secondo me il vano diventa parte comune fra i condomini e di conseguenza in tal modo deve essere condotta la transazione.
    Ciao
     
  3. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    il corridoio è comunque condominiale,ci vuole l'assenso di tutti per acquisirlo
     
  4. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    è il condomino che vuole ricavare l'appartamento a dire che non si trovano gli eredi! posso pretendere che ci sia un documento scritto che attesti cio? Se davvero non ci sono eredi, su quel vano soffitta posso avere un qualche diritto di prelazione dato che "anticamente" era annesso al mio appartamento ed ora è solo il mio appartamento a non avere la soffitta? o diventa condominiale ovvero di proprietò di tutti?L'amministratore sostiene che io ne sono esclusa così come ,secondo lui sono esclusa dalla decisione sul cambio d'uso del corridoio delle soffitte perchè serve solo a chi accede al proprio vano soffitta!
     
  5. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    L'amministratore nella ripartizione delle spese,a chi attribuiva la quota relativa del sottotetto oggetto della vertenza? Possibile che con una ricerca al catasto non si riesca a risalire all'attuale proprietario? Perchè non fai fare una ricerca da un tuo tecnico, se trovi l'erede te lo fai cedere. Non penso proprio che l'amministratore possa acquisire al condominio la proprietà di un'altro senza un rogito, salvo che stia brigando a tua insaputa per un'usocapione
     
  6. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ..credo davvero che stia "brigando" con chi si vuole fare l'appartamento ...le quote relative ai soli lavori del sottotetto per ora sono stati messi in una apposita tabella...e ,per il vano sconosciuto è stata scritto "sconosciuto!.. a me non interessa avere la soffitta ...vorrei solo riuscire ad impedire la realizzazione dell'appartamento perchè mi pare che venga consentito un profitto esagerato a chi vuole farsi l'appartamento ..pagando pochissimo per i costi ...ma sono l'unica che la pensa così...a tutti gli altri condomini non interessa....son tutti "signori"!!!
     
  7. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    aggiungo per completezza della situazione...chi vuole farsi l'appartamneto ( nel pieno centro di bologna con vista..tetto copletamente rifatto...installazione dell'ascensore "imposto" come condizione per questo "scambio" soffitte/appartamento .al quale io non ho aderito..perchè non solo non mi serve ma toglierà anche luce ed aria al mio ingresso che ha una finestra sul pianerottolo ora dotato di un ampio finestrone che verrà chiuso per mettere lo sbarco dell'ascensore ) non presenterà personalmente la richiesta del cambio d'uso al comune...dato che non ha la certezza di ottenerlo ...figurerà che sono i singoli proprietari dei vani soffitta a presentarla congiuntamente...ci sono state solo singole trattative private...ma nessun rogito...
     
  8. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    la finestra sul pianerottolo per fare lo sbarco dell'ascensore non possono togliertela,mi sembra intricata la vicenda, è opportuno che senti un professionista del uogo che faccia le opportune verifiche
     
  9. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    grazie per la risposta e il consiglio.ma mi sono già informata...lo sbarco per l'ascensore lo possono fare perchè la porta dell'ascensore sarà in vetro trasparente...per consentire un pò di luce...e per l'aria sarà posto un lucernaio con apertura per l'aria sul tetto... e poi impedire l'installazione di un ascensore è quasi impossibile in quanto vengono valutati i vantaggi e gli svantaggi ..e chiaramente l'abbattimento delle barriere architettoniche , che si ottiene con l'ascensore, è considerato molto superiore alla mia minor luce ed aria!
     
  10. Bunny

    Bunny Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salterà fuori che quella soffitta sono più di vent'anni che la sta usando qualcuno e si starà già informando per usucapire, del resto tu non l'hai mai rivendicata.
    L'unica cosa su cui ti puoi appellare è che non sia diminuita notevolmente l'aria e la luce dei piani sottostanti ...ma pare ci abbia già pensato.
    Comunque di spese ne dovrà affrontare.....prova a chiedere anche tu bonariamente la tua parte come sorta di indennità di sopraelevazione.....anche se non si alza.......vivi e lascia vivere....
     
  11. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    nessun usucapione...ne sono certa...amministratore, ingegnere e condomini vari sono andati nelle soffitte e hanno verificato che quella soffitta è abbandonata da tempo immemore! io non voglio nessuna indennità...ma i modi arroganti e prepotenti di chi vuole speculare in modo davvero indecente mi danno sinceramente fastidio!..vivi e lascia vivere ok...ma essere presi" in giro" beh..se posso non ci sto!
     
  12. Bunny

    Bunny Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Inanzitutto verifica dalla tabella millesimale di proprietà su cui paghi le spese generali dell'appartamento, se veramente risultano meno millesimi di chi ha l'appartamento come il tuo ma con anche la soffitta.
    Ma Tu hai fatto una ricerca per conto tuo presso il "catasto" chiedendo una visura storica coi numeri catastali (foglio, mapp., particella..) che risultano sul tuo rogito? Potresti, con la visura storica, capire se la cantina era in origine pertinenziale dell'appartamento....e quindi non si sarebbe potuta vendere separatamente o comunque risalire agli atti di vendita precedenti al tuo, andarli a ricercare e vedere se appunto in origine la cantina era pertinenziale. Queste informazioni potresti trovarle anche nel regolamento contrattuale del condominio, il primo redatto da chiedersi all'amministratore; lì dovresti trovare l'indicazioni delle parti comuni come per es il corridoio nel sottotetto e scoprire che anche se non hai le chiavi è anche tuo.
    Se non riesci a dimostrare il tuo diritto su quella soffitta, tieni conto che comunque si è offerto di pagare anche la tua quota di lavori
     
  13. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    la soffitta non è mai stata venduta a nessuno, ma in una vendita del 1962 e della quale ho il rogito, le "vecchie proprietarie" hanno escluso la pertinenza soffitta, da tale vendita, "tenendola per sè"e nei due rogiti precedenti al mio della soffitta non c'è più traccia.Nelle tabelle millesimali di proprietà tra le varie voci che compongono la tabella di ciascuno, c'è la soffitta,in tutti gli altri appartamenti, nel mio no...e il valore di quella soffitta "da solo" non esiste da nessuna parte...è sparito! L'ingegnere incaricato della ricerca catastale, per determinare correttamente le soffitte di ciascuno, ha trovato l'esatta collocazione di questa soffitta ma nessuna traccia dei proprietari . In una assemblea condominiale di un anno fa,si è deliberato di dare incarico a un notaio per la ricerca di eredi delle due "vecchie proprietarie"...ma per ora non si sa nulla, l'amministratore fa il vago e l'interessato a realizzare l'appartamento sfruttando i 100 metri quadri del sottotetto dice di avere rintracciato uno...ma mi sa di bugia ...di scritto "ufficiale" non c'è nulla. Nel regolamento tra le perti comuni il corridoio del sottotetto non è citato...ho chiesto ad alcuni amministratori, per qualcuno è comunque parte comune per altri no perchè forse il sottotetto potrebbe configurare un "condominio parziale".Non ci sto capendo nulla ! grazie mille per la le precisazioni che mi hai dato! se risponderai anche a quanto ho scritto ora te ne sarò grata
     
  14. Bunny

    Bunny Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Forse è in quell'anno che sono state fatte le tabelle millesimali? Altrimenti comunque in quell'anno sono state cambiate e se nessuno ha più pagato espressamente quella quota di soffitta significa che avete pagato tutti, compreso te...in sostanza che quella soffitta è stata usucapita nelle parti comuni del condominio.
    Prendi in considerazione l'aspetto catastale. Quindi è sempre stato accatastato in scheda separata dall'immobile? o era accatastato come accessorio dell'appartamento ed è stato scorporato? quando?
    Potevano vendere separatamente la soffitta? Se era accessorio dell'appartamento dubito. Tutto potrebbe stare nel riuscire a dimostrare che essendo accessorio dell'appartamento non poteva essere venduto separatamente dall'immobile a meno che di renderlo accessorio di un altro appartamento nel condominio...ma non mi sembra sia stato fatto.
     
  15. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    grazie per la risposta! ho controllato...le tabelle millesimali sono state fatte nel 1980, la vendita con esclusione della soffitta è del 1962...quindi la soffitta è "sparita" dalle tabelle millesimali sia come pertinenza di un appartamento..che come unità a se stante! Ho richiesto all'amministratore di darmi informazioni sul notaio che avrebbe dovuto fare una ricerca per trovare gli eredi della soffitta,ma per ora non ho ottenuto risposta. Per ora personalmente non ho fatto nessuna ricerca,preferivo rimanere al di fuori della telenovela soffitta/ appartamento.ma facendo un pò di calcoli ho la certezza che darà un profitto/utile di circa 2000/2500 euro al metroquadro...mi sembra davvero eccessivo..e anche se a tutti gli altri condomini non interessa o avrà un personale tornaconto...a me non va giù...sarà pure cattiveria ..ma se posso mettere i bastoni tra le ruote a questo condomino "speculatore" lo faccio senza nessun senso di colpa...dovrei raccontare tutti gli antefatti...sarebbe troppo lungo! grazie mille...sapere che ,come hai scritto,abbiamo pagato tutti per quella soffitta mi dà l'idea che per il cambio d'uso ci voglia l'unanimità! Giusto?
     
  16. Bunny

    Bunny Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non ho seguito la “riforma del condominio” e non so a che punto sia, se le modifiche al codice civile che dovevano essere apportate siano già in vigore. Ma su questo punto non mi risulta che dovevano farsi modifiche come invece per il cambio di destinazione d’uso (che con il nuovo condominio forse basterà la maggioranza e che ci sia un notaio). Per quanto ne so io le norme condominiali, contenute nel Codice civile, risalgono al lontano 1942 e in merito alle cose comuni diceva innanzitutto che sono indivisibili art. 1119 c.c., quindi non c’entra il “cambio di destinazione d’uso” perchè in questo caso non è che per es. si cambia da ex locale caldaia comune a palestra comune. …. quello che viene chiesto non è un cambio di destinazione d'uso di una cosa comune...è un permesso di costruire su di una cosa in comunione (soffitte private...che poi sia compresa una in comunione....), .... infatti figurerà che è il condominio a presentare la richiesta di ....?
    Sei proprio sicura che non verrà presentato il codice fiscale del condominio?
    Alla fine l'intento è di vendere assieme alle soffitte private una cosa comune acquisita per usucapione….

    Resta da capire se quella soffitta può essere veramente dichiarata usucapita dal condominio.
    Non è mai stata accorpata magari ad un altro appartamento posseduto anch’esso dalle due proprietarie nello stabile?
    .....Qual'è l'esatta collocazione di questa soffitta?
    Se scopri per es. che in origine in catasto era inserita nella stessa scheda del tuo appartamento, e poi è sparita senza che sia stata cambiata la rendita di quello che ora è il tuo appartamento, tu ne hai continuato a pagare le tasse e hai un diritto giuridico..Fatii questa ricerca epoi chiedi consiglio al tuo notaio.
     
  17. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    davvero non pensavo di trovare risposte così competenti. articolate e chiare,ancora grazie! sosno in possesso dei rogiti a partire da quello che ha "escluso" la pertinenza soffitta" dalla vendita dell'appartamento... e la rendita catastale è rimasta invariata, quindi posso dedurre che se davvero non si trovano eredi delle "vecchie proprietarie"la soffitta ritorna pertinenza del mio appartamento? Nessuno l'ha accorpata a nessun altro appartamento L'amministratore ha chiesto a tutti i condomini,per l'assemblea straordinaria, che si terrà domani..e alla quale io non andrò nè invierò delega,...di intervenire con un documento di identità e il proprio codice fiscale,per avviare le pratiche al comune.quindi non mi pare che ricorrano al codice fiscale del condominio. Prima di rivolgermi io personalmente al "mio" notaio pensavo che, in qualità di condomina, mi dovessero essere fornite le informazioni relative all'incarico dato ad "un notaio" così come deliberato nell'assemblea del novembre 2010 ...in quel verbale c'è scritto.." i condomini hanno deliberato di dare incarico ad un notaio per la ricerca e l'individuazione del proprietario della soffitta". Ho diritto si sapere il nome del Notaio e i risultati della sua ricerca? L'ho chiesto all'amministratore ma per ora non ho avuto risposta! Grazie ancora per tutte le indicazioni che mi hai fornito!Davvero preziose sia come consigli che come chiarimenti!
     
  18. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    hai fatto le richieste all'amminiastratore verbalmente o scritte con raccomandata? o le hai fatte verbalizzare in assemblea? De niente di questo hai fatto non ti risponderà certamente.
    Pechè non vai all'assemblea,ascolti e fai verbalizzare ( ascolta la lettura del verbale se quanto dici è corretta), vedrai che l'amm. cambia sinfonia.
     
  19. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    le richieste le ho fatte sia verbalmente che con una mail...ma anche lui manda le convocazioni con una mail...e poi segue, da parte sua un "cartaceo" inviato per posta normale...l'amministratore chiede anche un cenno di riscontro "via mail"... perchè così abbiamo tutti concordato per "comodità" di tutti. non intendo andare all'assemblea perchè troverei tutti gli altri condomini che traggono vari vantaggi dalll'operazione soffitte/appartamento, ..diciamo..."molto contrariati" dalla mia posizione!
     
  20. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    fai male a non presenziare alle assemblee, non pensi che agli altri torni comodo?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina