1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Mariaelena

    Mariaelena Nuovo Iscritto

    Ho acquistato casa nel 2005 in un Comune (che chiamerò "A") della provincia di Padova, nel quale Comune ho sempre avuto residenza e domicilio.
    Ora però sto valutando la possibilità di andare a convivere con il mio compagno nella casa di sua proprietà ubicata in altro Comune ma sempre della stessa provincia (per comodità chiamerò "B" questo secondo Comune) dove lui ha la residenza.
    Chiedo: posso mantenere il domicilio nel Comune "A" e spostare la residenza nel Comune "B" senza vendere la mia casa? Quindi, manterrei il domicilio nella casa di mia proprietà ma porterei la residenza in altro Comune per andare a convivere con il mio compagno che risulta già residente in questo Comune.
    Quali sono le conseguenze che ciò comporta? Per esempio:
    - che succede con il pagamento dell'ICI?
    - posso tenere come medico condotto quello attuale o dovrei cambiarlo?
    - devo comunque continuare a pagare la tassa sui rifiuti del Comune "A"?
    - quali altre conseguenze ci sarebbero?
    Spero di essere stata chiara nel porre il quesito.
    - quali altre conseguenze
     
  2. Per non pagare l'ICI al Comune A devi mantenere lì la residenza. Se la sposti nel Comune B, pagherai l'ICI nel Comune A con aliquota ordinaria (attenzione alla delibera: alcuni Comuni, dopo 2 anni di appartamento non utilizzato, applicano l'aliquota del 9 per mille...verifica bene). La tassa sui rifiuti nel Comune A è comunque dovuta, anche se tieni l'appartamento a disposizione e lo usi poche volte. Non ti so rispondere in merito al medico, informati dal medico stesso o dalla ASL. Altra conseguenza: per l'appartamento nel Comune A dovrai pagare l'IRPEF come immobile a disposizione, cioè in base alla rendita catastale maggiorata di un terzo. Ciao, buona serata
     
    A Mariaelena piace questo elemento.
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    non credo che il medico sia legato alla residenza perchè a nessuno conviene avere un medico lontano da dove vive.
     
  4. Mariaelena

    Mariaelena Nuovo Iscritto

    Grazie mille della risposta, ma avrei un altro quesito.

    La casa di mia proprietà del Comune "A" dove risiedo attualmente è stata comprata con un mutuo nel 2005. Spostando la residenza nel Comune "B", posso continuare a detrarre gli interessi passivi sul mutuo?

    Attendo risposta.
    Mariaelena
     
  5. Gli interessi passivi si possono detrarre soltanto se mantieni la residenza nell'immobile del Comune A. Non saranno più detraibili a partire dal periodo d'imposta successivo a quello del trasferimento della residenza. Ciao, buona serata
     
    A Mariaelena piace questo elemento.
  6. Mariaelena

    Mariaelena Nuovo Iscritto

    Grazie mille per la risposta.
    Maria Elena
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina