1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Daniela Mangone

    Daniela Mangone Nuovo Iscritto

    Buongiorno, vorrei acquistare una casa con il mio compagno cointestata e mutuo cointestato.
    Per me è prima casa per lui non è la prima nel senso che ha venduto l'immobile precedente a Dicembre 2010.
    Il mio compagno vorrebbe mantenere la residenza, attualmente dai suoi genitori che abitano presso le case dell’ALER, per non perdere il diritto alla casa successivamente ai suoi genitori.
    E’ possibile acquistare spostando una sola residenza, la mia, e mantenendo la residenza del mio compagno dov’è ora?
    E in che percentuale verrà pagata l’aliquota all’acquisto della casa per entrambi?con due aliquote diverse?
    grazie

    DM
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    se il tuo compagno non prende la residenza perde i benefici prima casa. tuttavia per quanto ne so, il diritto a permanere nelle case dell'aler si perde comunque se si risulta proprietari di casa.
     
  3. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Da quanto Daniela scrive:
    per lei non c'è dubbio: per il suo 50% può usufruire delle agevolazioni prima casa;

    per il compagno se non possiede il 100% di una civile abitazione nel comune ove acquisterà e se non possiede su tutto il territorio italiano, anche per quote, un immobile acquistato con i benefici prima casa, ha diritto anch'egli alle agevolazioni.
    Tra l'altro avendo venduto nel dicembre 2010, se fosse stata una casa acquistata con i benefici, e se riacquista entro un anno dalla vendita adibendo il nuovo immobile ad abitazione principale sua o dei suoi familiari, avrebbe diritto anche al credito d'imposta pari a quanto pagato a titolo di imposte nel primo acquisto (ma comunque non superiore a quanto dovrebbe pagare con il secondo acquisto).
    Tra l'altro potrebbe portare in detrazione la sua quota degli interessi passivi del mutuo e non ci pagherebbe ICI né IRPEF.

    E' davvero così importante lasciare la residenza con i suoi genitori??
    Tra l'altro
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La residenza la si mantiene finché sussiste la dimora abituale. Se ciò non accade, esiste l'obbligo di richiedere le corrispondenti variazioni anagrafiche. Di là da OGNI convenienza di carattere economico.
     
  5. Daniela Mangone

    Daniela Mangone Nuovo Iscritto

    bhe fino a quì...non avevo certo bisogno di scrivere sul blog!!
     
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    scusa ma sai che tu puoi pagare l'IVA come prima casa sul tuo 50%;
    sai che se lui vuole l'agevolazione deve entro 18 mesi spostare la residenza;
    sai che ci possono essere aliquote diverse per le vs quote
    cos'altro volevi sapere?

    se poi volevi che ti dicessimo che lui può godere delle agevolazioni senza portare la residenza mi spiace ma non credo tu volessi esser presa in giro sentendoci avallare quello che pare essere il tuo desiderio.. lo Stato giustamente fa sconti sull'IVA a chi acquista la casa dove vivere non a chi vuole comperare la nona villa in località amena. e mi sembra pure giusto..
     
  7. Daniela Mangone

    Daniela Mangone Nuovo Iscritto

    non sapevo tutto questo
    il mio messaggio era solo ed esclusivamente rivolto all'ultimo messaggio ricevuto precedente al tuo.
    Tutto il resto mi è stato utilissimo
     
  8. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    D'altra parte, passati 5 anni dal cambio di residenza nella nuova casa, il tuo "lui" potrà di nuovo operare un ritorno burocratico nella casa con i suoi genitori per sperare di non perdere la casa dell'Aler.
     
  9. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Il potere di accertamento dell'AdE (agenzia delle entrate) termina allo scadere dei tre anni da rogito (+ 18 mesi se non si era già residenti nel comune).
     
  10. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie della precisazione. Io ho indicato un termine "elastico" per mettersi, cioè, al sicuro.
     
  11. 77NINO

    77NINO Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ha ragione arianna

    per te dovrai pagare (se acquistate in compropietà), l'aliquota IVA del 4% con tutti i benefici di legge al momento del rogito notarile. tuo marito sconta invece l'aliquota del 20%.
    puoi intestarti tutta l'abitazione e dichiarare se non hai altri immobili che per te è prima casa e avere tutti i benefici di legge, salvo chiedere al notaio in presenza di un mutuo cointestato cosa succede
     
  12. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    l'IVA semmai sarebbe al 10%.....;)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina