• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

CARMINE P.

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno,
sono proprietario di prima casa a Napoli dal 2009 e sto pagando il mutuo; ho avuto il trasferimento in altra città/Regione e volevo sapere se cambiando il domicilio ma non la residenza andrei a perdere le agevolazioni fiscali previste, ossia, dovrò pagare IMU, TASI? non potrò più detrarre gli interessi passivi sul mutuo?

grazie
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Il diritto alla detrazione sugli interessi del mutuo ipotecario e all'esclusione dell'IMU e TASI sussistono se l'immobile è la tua abitazione principale.
Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente, e l'iscrizione anagrafica corrisponde a tale situazione.
Risulta difficile immaginare che con il tuo trasferimento in altra regione quell'immobile possa continuare a essere la tua dimora abituale.
 

magia2002

Membro Attivo
Proprietario Casa
Della casa di Napoli ,una volta che ti sei trasferito , che intenzioni hai ? La lasci vuota a tua disposizione per quando torni ogni tanto ? La devi affittare ? Verra' occupata da un tuo figlio ecc.? Nella nuova sede hai intenzione di acquistarti un ' appartamento ? Se ci dai una descrizione piu' dettagliata sicuramente riceverai dei consigli utili per il tuo caso specifico .
 

magia2002

Membro Attivo
Proprietario Casa
E' importante capire se si tratta di un trasferimento definitivo oppure solo per un periodo .Se per caso la casa di Napoli la vuole vendere per acquistare una nuova casa nella nuova sede .
A seconda delle intenzioni ( se vuole acquistare un immobole nella nuova sede ecc.) si possono dare diversi suggerimenti .Visto che il trasferimento e' per motivi di lavoro potrebbe acquistare nuovamente con le agevolazioni prima casa ecc. pur mantenendosi la casa di Napoli .Puo' darsi che vada vivere fuori regione da una compagna ( non in affitto ) e torna a Napoli ogni fine settimana ed anche infrasettimanale e mantiene la sua casa a Napoli a disposizione .
Puo' essere che nella nuova sede il datore di lavoro gli paga l'albergo per sei mesi e cambia 3 alberghi diversi ecc.ecc. Ci sono mille situazioni diverse ed ognuna puo' avere dei suggerimenti diversi .
 
Ultima modifica:

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Visto che il trasferimento e' a seguito trasferimento potrebbe acquistare nuovamente con le agevolazioni prima casa ecc. pur mantenendosi la casa di Napoli
Eh? Quale norma prevederebbe ciò?
Se il trasferimento è per motivi di lavoro, può continuare a fruire della detrazione sugli interessi del mutuo.
Se ha stipulato un contratto di locazione della casa dove si è trasferito, e in presenza dei requisiti reddituali, potrà fruire anche delle detrazioni relative ai canoni di locazione.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
magari è un insegnante se non persino un appartenente alle forze dell'ordine)...quindi l'appunto di @magia2002 era tutt'altro che "inopportuno".
Quale norma prevederebbe che un insegnante o un appartenente alle forze dell'ordine può godere delle agevolazioni "prima casa" sull'acquisto di un'altra abitazione, mantenendo la proprietà della precedente, acquistata con quelle stesse agevolazioni?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Non hai capito il senso.
Ho citato 2 categorie che possono essere "trasferite per lavoro"...e l'ultima ha ulteriori particolarità.

Altresì nella descrizione non vi è nulla che faccia trasparire la volontà di acquistare ulteriire abitazione.
 
Ultima modifica:

magia2002

Membro Attivo
Proprietario Casa
La norma riguardante la concessione dei benefici di prima casa per l'acquisto o comunque il possesso della prima (o unica) abitazione impone al proprietario l'obbligo di stabilirvi la residenza.
Ma tale obbligo non si rivolge a tutti i cittadini. Esistono infatti specifiche eccezioni rivolte ai militari ed affini, in quanto - in ragione della particolare natura del loro servizio - subiscono frequenti cambiamenti alla sede di lavoro, con i conseguenti spostamenti della propria dimora evidentemente non dipendenti dalla volontà della persona, spesso anche molto lontano dalle terre di origine. A loro è spesso richiesto di spostare la propria residenza dichiarata, il che comporta problemi per godere dei benefici di prima casa sulla loro eventuale casa di proprietà.
Intanto precisiamo a quale personale dele Forze dell'Ordine si rivolge l'eccezione in questione: si tratta di coloro che svolgono servizio permanente nei corpi di:
- Forze di Polizia
- Forze Armate (sia militare che civile)
- Vigili del Fuoco.
Percui se @CARMINE P. e tra queste categorie puo' spostare la residenza nella nuova sede di lavoro e continuare a benificiare delle agevolazioni prima
casa .
@CARMINE P. on ha specificato il suo lavoro e nemmeno se il suo trasferimento di lavoro comporta l'immediato spostamento eventualmente tutta la sua famiglia .Puo' essere che ha figli che gli mancano 1-2 annui per completare gli studi superiori .
Gli interessi passivi su mutui ipotecari. Tale detrazione, infatti, spetta al contribuente acquirente e intestatario del contratto di mutuo se l’immobile costituisce la sua abitazione principale oppure quella dei suoi familiari.
Comunque sia e' previsto in questi casi che per 12 mesi uno puo' essere proprietario di un immobile in una citta' dove ha la sua abitazione principale con la residenza ed a seguito trasferimento della sede di lavoro possa acquistare un' altra casa usufruendo di tutte le agevolazioni prima casa con l'impegno di trasferirci la residenza entro 18 mesi e vendere l'immobile precedente entro 12 mesi .
Se invece non ha intenzione di vendere e dove si trasferisce va in affitto oppure viene ospitato e prende la residenza nella citta in cui ha la sua nuova sede di lavoro a @Carmine puo' essere utile sapere che se da' la casa in comodato d'uso gratuito ad un figlio-genitore ecc. puo' ottenere una forte riduzione dell' IMU ecc.
Ci sono diverse situazioni ed ognuna puo' essere gestita diversamente .
 
Ultima modifica:

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
nella descrizione non vi è nulla che faccia trasparire la volontà di acquistare ulteriire abitazione
Era un'eventualità prospettata da magia2002: "potrebbe acquistare nuovamente con le agevolazioni prima casa ecc...".
se @CARMINE P. e tra queste categorie puo' spostare la residenza nella nuova sede di lavoro e continuare a benificiare delle agevolazioni prima casa.
Ma non può beneficiare di quelle agevolazioni su due immobili.
a seguito trasferimento della sede di lavoro possa acquistare un' altra casa usufruendo di tutte le agevolazioni prima casa con l'impegno di trasferirci la residenza entro 18 mesi e vendere l'immobile precedente entro 12 mesi .
Che è cosa del tutto diversa da quello che avevi affermato: "Visto che il trasferimento e' per motivi di lavoro potrebbe acquistare nuovamente con le agevolazioni prima casa ecc. pur mantenendosi la casa di Napoli".
 
Ultima modifica:

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Non ritengo vi sia errore nella frase pistata se non un eventuale fraintendimento .
Mica aveva riportato vhe poteva godete 2 volte contemporaneamente degli stessi benefici.

Soprassederei alle disquisizioni ...vista l'assenza di spiegazioni dal diretto interessato.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Mantenere la casa a Napoli non significa usufruire (direttamente) 2 volte del beneficio.
Se mantiene (indefinitamente) la proprietà della casa di Napoli non può fruire dell'agevolazione prima casa sull'ulteriore acquistata. Quindi non "potrebbe acquistare nuovamente con le agevolazioni prima casa ecc. pur mantenendosi la casa di Napoli", com'era stato affermato.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Ripeto...non era specificato se "direttamente" (potrebbe sempre cedere anche con donazione) e ne "indefinitamente".
Sempre percorribile anche la strada della richiesta di revoca delle agevolazioni.
Esistono più variabili su cui ripeto non val la pena disquisire stante la mancanza di ragguagli.
 

Franci63

Membro Storico
Proprietario Casa
Sì, è davvero molto difficile restare senza soldi. Un po’ di tempo fa sono rimasto senza lavoro e ho impiegato molto tempo per trovarlo. Sono stato però fortunato – ho trovato un impiego appagato.
@Agent , mi pare che i tuoi interventi siano inutili, incomprensibili, e solo tentativi di pubblicità più o meno mascherate, su cui i moderatori devono intervenire.
Pensi di andare avanti a lungo ad infrangere il regolamento del forum ?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Affitto immobile a stranieri ed occupato da più persone
Ho affittato un appartamento ad un ragazzo extracomunitario con regolare contratto registrato, ma ho saputo che adesso in quell'appartamento ci vivono anche altri due ragazzi non parenti tra di loro anch'essi extracomunitari, volevo sapere se hanno diritto a viverci e se ho delle responsabilità e sopratutto corro il rischio di essere denunciato dai miei vicini?
Alto