• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

pellizzoni giuseppe

Membro Attivo
Professionista
#1
buona sera , ho affittato il locale commerciale pizzeria con canna fumaria costruita a suo tempo , in laterizio , dal primo affittuario ne sono succeduti altri e non ho mai avuto problemi , da due anni esatti il locale è condotto da Tizio che con regolare contratto d affitto svolge la sua attività di pizzeria con forno a legna, senonché l atra sera dal camino della canna fumaria si sono sprigionate delle fiamme , sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno sodato l incendio . Ne è scaturita una discussione xchè la pulizia della canna che deve essere eseguita ogni sei mesi, come da contratto , non è stata fatta e sono trascorsi 10 mesi dall ultima pulizia . Il capo dei vigili ha detto a Tizio che la canna non è a norme e che va sostituita immediatamente con dei tubi in acciaio . Ora l affittuario si rivolge a me imponendomi di sostituirla nel breve tempo . Vorrei chiedervi lucidazioni se esiste un precedente nella vostra casellistica di giurisprudenza . Quando ha sottoscritto il contratto non ha chiesto a me proprietario nulla del genere . L eventuale spesa a chi è a carico ? Penso che sarà a mio carico oppure NO, non posso avvalermi su Tizio x la sua negligenza ? grazie mille
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
#2
In genere nei contratti di locazione c'è una frase di "rito" che dice che il conduttore dichiara che i locali sono da lui dichiarati adeguati all'attività che vuole svolgere. E' chiaro che la canna fumaria c'era e ora una prescrizione dei vigili del fuoco richiede venga foderata in acciaio. (Interpellate uno specialista, forse basta foderarla con un materiale ignifugo, ma di sicuro va osservata la pulizia periodica.) Direi che la responsabilità pesa sul conduttore e ti consiglio di sostenere questa versione, anche perché se non fosse così il mancato incasso peserebbe su di te. Poi se per sbloccare gli vorrai dare un contributo alle opere di migliorie, in fondo saranno opere che restano al servizio del tuo fondo.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
#6
secondo me bisognerebbe vedere cosa effettivamente hanno verbalizzato, non solo detto, i VV.F. . Se non hanno prescritto un canna fumaria diversa e di conseguenza bloccato l'attività della pizzeria, dopo una accurata pulizia può continuare.
Mi risulta che ancora oggi sia possibile costruire canne fumarie in laterizio, rispettando determinate regole costruttive, e le nuove norme si applicano alle canne fumarie già esistenti nel momento in cui ci si mette mano per rifacimenti.
Appigliarsi a 3 mesi di ritardo nella pulizia della canna per scaricare tutta la colpa dell'incendio sul conduttore dell'esercizio mi sembra alquanto risibile. Se ha una colpa e che la pulizia precedente non è stata fatta accuratamente bene per cui la temperatura dei fumi ha innescato la fuliggine attaccata alla parete interna.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto