• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

N

Nonna titta

Ospite
Salve, mia figlia ha recentemente comprato un immobile posto in una palazzina di due sole unità immobiliari su due piani. In origine era un'unica proprietà che per lascito ereditario sono andati il primo piano alla figlia del defunto chr lo ha abitato per alcuni anni, il piano terra e' toccato alle nipoti di cui una lo abita tutt'ora, ma hanno intenzione di venderlo.
Dopo l'acquisto mia figlia si e' accorta dell'esistenza di una rumorosa canna fumaria che dal piano di sotto raggiunge il tetto passando nell'angolo di una cameretta. La canna fumaria non e' indicata nelle planimetrie e nemmeno e' indicata come servitù nel contratto di acquisto. Non era stata nemmeno indicata dai venditori e un armadio vi era appoggiato.
Può mia figlia chiedere lo smantellamento della canna fumaria che mi pare poco sicura e non fatta a norma (di forma quadrata sporge di una decina di cm per lato)? Ed eventuali spese a carico di chi?
Per i contatori di acqua e gas per l'utenza a piano terra che ora hanno finito per insistere sul terreno di pertinenza dell'appartamento al primo piano (Quello acquistato da mia figlia) possono essere spostati? E le spese va chi fanno carico?
Grazie
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
No.

Tua figlia ha acquistato un immobile con su cui insistevano delle servitù (per destinazione del costruttore/padre di famiglia).

Puoi chiedere al "dominante" lo spostamento (ove possibile) ma le spese sono a tuo carico.

Se i lavori non sono in regola con la normativa...puoi solo esigerne la certificazione/messa a norme.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Stesso discorso per i gruppi di misura, a carico del richiedente, essendo preesistenti.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Questi problemi nascono quasi sempre nelle costruzioni, unifamiliari, e in seguito per vari motivi, vengono trasformate in bifamiliari, certi vincoli per la loro eliminazione sono molto onerosi, certo se non sono d'accordo saranno a carico del solo richiedente
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Disapprovo ciò che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.
Buonasera. Avrei una domanda. Sono nuda proprietaria di una casa di cui mia madre detiene l'usufrutto ma che mia madre non utilizza in quanto é in campagna. É rimasta vuota x dieci anni ed ora che mi sono separata ho portato la residenza. É ugualmente dovuto l'IMU che in questi anni ha pagato mia madre visto che non ha ricevuto bollettino come gli altri anni?
Alto