1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. fasa78

    fasa78 Membro Attivo

    Impresa
    Buongiorno a tutti... registrando un contratto a canone concordato, ho notato che oltre a non pagare marche da bollo e altre tasse... c'è una riduzione sulla tassa dell' IMU .

    Rimanendo vago, vi dico.... L'IMU mi è stato abbassato di ben 390 Euro..... da li ho detto.... "caspita" interessante questa cosa... molto interessante...

    Ero quasi contento che lo Stato avesse intivato la giusta mossa per i proprietari di case.... ma mi ero illuso!!!

    Infatti parlando con un esperto del CAFF della mia città mi ha chiarito che l'A. D. E., deve prendere soldi dal contratto registrato.... ed esattamente dal IRPEFF ... e sapete di quanto nel mio caso ?.... ben 430 Euro circa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Ma allora cosa ti riducono a fare l' IMU se poi ti chiedono anche di più con l'irpeff di giugno ??

    Incredibile!!! Che delusione!....

    Quindi.... tradotto :

    - meno affitto ;
    - pagamento spese condominiali ;
    - pagamento spese varie
    - pagamento IRPEFF...



    Ti rimangono realmente 500 euro in mano all'anno , sperando poi di non avere qualche guasto o supplementi di spese condominiali.....


    no comment!!!
     
  2. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Sul reddito la persona fisica paga l'IRPEF............ma se in fase di registrazione del contratto non hai pagato imposte e bolli significa che hai optato per la cedolare secca.........che in concordato comporta una aliquota fissa IRPEF pari al 10%.......a questo aggiungi una ulteriore deduzione del 25% sull'imposta IMU(a Bologna viene applicata)..............direi che è accettabile.
     
    A uva piace questo elemento.
  3. fasa78

    fasa78 Membro Attivo

    Impresa
    ecco appunto ifpef al 10%... che vuol dire nel mio caso pago 430 Euro.... ANNUI per 3 anni + altri 2 anni in caso

    quello che tu indichi ... - 25% sull'IMU ... per me è tradotto 390 che mi viene scontato....
     
  4. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Sul contratto di locazione a canone concordato non paghi allo Stato l'IRPEF (che è un'imposta progressiva per scaglioni, e in quanto tale le aliquote aumentano con l'aumentare del reddito complessivo).
    Da quanto hai scritto (nessuna imposta di registro né bollo) si capisce che paghi la cedolare secca con l'aliquota agevolata del 10% (fino al 2017, dopo questa aliquota potrebbe aumentare).

    L'IMU è una tassa comunale: probabilmente il tuo Comune già negli anni passati aveva deliberato per i contratti concordati un'aliquota ridotta rispetto a quella che si applica agli immobili locati con contratto libero.
    Per il 2016 quell'aliquota IMU è scontata del 25% in base alla Legge di stabilità.

    Quindi in definitiva la somma delle due imposte (cedolare secca allo Stato + IMU al Comune) dovrebbe essere diminuita rispetto agli anni precedenti.
     
  5. fasa78

    fasa78 Membro Attivo

    Impresa
    E' la prima volta che faccio un canone concordato a cedolare secca.

    Lo sconto "visivo" l'ho visto con il pagamento dell' IMU fin'ora, appunto come dicevo si aggira sui 390 euro in meno!
    Fin qua ok...

    ma ora se aumento l'IRPEF.... dicendomi che il prossimo anno (2017) pago 430 euro... vuol dire che i soldi che ho "risparmiato" (se mi passate il termine) quest'anno... me li rimangiano subito l'anno prossimo ... con un'altra tassa.

    Mi sbaglio ?
     
  6. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non dico che ti sbagli, semplicemente non è possibile sapere adesso quanto pagheremo il prossimo anno di tasse su case date in locazione a canone concordato!

    La cosa certa è l'aliquota cedolare secca del 10% fino al 2017. Successivamente potrà tornare al 15% o al 19%: lo si saprà quando verrà approvata la legge di stabilità del 2018.

    Le aliquote IMU vengono deliberate dai Comuni (entro un limite massimo deciso dalla Stato) ogni anno. Se il Comune dove si trova l'immobile ha difficoltà di bilancio sicuramente non abbasserà l'IMU.

    Uno dei grossi problemi dei proprietari-locatori è l'incertezza del carico fiscale che dovranno sostenere: è veramente difficile se non impossibile fare delle previsioni!

    L'altro rischio che non hai citato nel tuo primo post è l'insolvenza dell'inquilino. Ti auguro che non ti debba mai capitare un inquilino moroso: le procedure per mandarlo via e recuperare il credito sono lunghe, difficili e costose.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina