1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. rosaconrad

    rosaconrad Nuovo Iscritto

    Salve vorrei sapere come comportarmi visto che mio padre ha una casa ipotecata che è arrivata ad essere messa all'asta,nel frattempo lui me l'ha donata.Ho parlato con diversi avvocati e la maggior parte mi hanno consigliato di non contattare ancora i creditori per un eventuale accordo ma aspettare che vendano la casa e scoprano il passaggio di proprietà,loro dicono che così si potrebbe venire ad un accordo migliore.Io non so che fare aiutatemi anche perchè ho solo la metà della cifra che vogliono e la casa in questione è quella dove vivo.:basito:Grazie
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mah. io non so nemmeno se la donazione è valida.. bastasse così poco per eludere le pretese di creditori forti come quelli che hanno messo all'asta la casa... hai invece pensato ad acquistare la casa all'asta? sicuramente il prezzo, specie in seconda o terza battuta, è molto più basso di quello di mercato.
     
  3. giomar

    giomar Membro Attivo

    Francamente non capisco come tuo padre abbia potuto donarti l'appartamento. Al momento del pignoramento, che precede l'asta, il proprietario, tuo padre, ha perduto la disponibilita' dell'immobile se non da lui occupato o affittato con contratto precedente al pignoramento. Nessun notaio stipula una compravendita e/o donazione in questi casi. Quello che ti consiglio e' di contattare i creditori e giungere ad un accordo. E' possibile sospendere un asta fino anche ad un giorno prima della data fissata.
     
  4. supera

    supera Nuovo Iscritto

    :triste:......infatti se la donazione e stata fatta dopo il pignoramento , non e valida.
    ... che io sappia...piu tempo aspetti , piu salgono i debiti, potresti riivolgerti ad una società che e specifica in queste cose che tra l'altro alcune non si prendono nulla solo per esaminare la pratica
    ...se non conosci nessuna, io ti posso sugerire ASTE&STRALCI
    ....in bocca al luppo
     
  5. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Attenzione a chi scrive e propone soggetti che non prenderebbero nulla per esaminare la pratica....
    A parte questo va verificata la tempistica della donazione rispetto agli atti esecutivi sul bene.
    Prenda contatto al più presto con i creditori affidandosi ad un legale esperto di esecuzioni ed immobili che saprà come gestire la situazione ed arrivare ad un accordo che le consenta di non perdere la casa dove abita.
    Avv. Luigi De Valeri:daccordo:
     
    A salvo cervino piace questo elemento.
  6. rosaconrad

    rosaconrad Nuovo Iscritto

    grazie ma credo che dovrò contattare io i creditori per venire ad 1 accordo perkè dal sito ke mi hai suggerito ho capito ke loro acquistano immobili pignorati e io nn voglio venderlo anke xkè ci vivo.
     
  7. giomar

    giomar Membro Attivo

    Si, parla immediatamente con il creditore. Se hai la disponibilita' immediata della meta' del debito, troverai un accordo senza alcun problema. Anzi, ti diro' di piu', potresti anche ottenere una transazione a stralcio e chiudere.
     
  8. rosaconrad

    rosaconrad Nuovo Iscritto

    Ma mi chiedo se non ce la faccio a mettermi in contatto cn i creditori e loro vendono ke succede? è vero ke essendo stata donata a me la casa la loro vendita risulta nulla e io prendo tempo x 1 eventuale transazione cn loro?anke xkè il motivo x cui facemmo la donazione era questo:prendere tempo x 1 eventuale migliore accordo
     
  9. giomar

    giomar Membro Attivo

    Premessa: La donazione e' nulla.
    Se la casa viene venduta all'asta viene venduta e passa di proprieta' all'acquirente. Non vorrei spaventarti ma l'atto di donazione (che mi rimane ignoto come possa essere avvenuta) potrebbe anche essere perseguibile penalmente. Considerata, cioe' un'operazione illegittima effettuata per sottrarre il bene al creditore.
    L'incaglio potrebbe allungare i tempi per farti uscire dall'appartamento, non certo per annullare l'esito dell'asta
    Venduto l'immobile non ci sarebbe piu' la possibilita' di una transazione con i creditori.
    Per quando e' fissata l'asta?
     
  10. rosaconrad

    rosaconrad Nuovo Iscritto

    è fissata x il 30 settembre
     
  11. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    la donazione è valida se riporta in atto che è assoggettata da pignoramento ed il notaio senz'altro l'avrà evidenziato sull'atto di donazione, ora non ti resta che interpellare il creditore e sentire come vogliono ricuperare il credito senza altri aggravi di spesa auguri ciao
     
  12. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    io ci andrei con amggior cautela. se loro dimostrano, ed è facile farlo, che tuo padre ha donato e tu hai accettato per ledere gli interessi dei creditori ti possono chiedere, specie se si tratta di banche con studi legali interni, anche i danni e le spese legali. ad esser nulla è la tua donazione non la loro vendita. Puoi anche guadagnar tempo ma occhio a non rimetterci.
     
  13. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Cara Rosa
    vorrei esprimere in proposito anche io una mia considerazione in merito a quanto da te messo in atto.
    La cosa certa da cui si deve partire è che siamo in presenza di un immobile messo all'asta.
    Io non conosco come è stata effettuata questa benedetta donazione cioè se con atto privato o atto pubblico
    Devi sapere che la vendita all'asta di un immobile prevede l'emissione di un pignoramento.
    Il pignoramento BLOCCA il bene il quale non più essere oggetto di nessuna transazione.
    Pertanto se avete messo in atto una donazione con atto privato questo non ha nessun valore
    Se invece è stato fatto un atto pubblico mediante l'intervento di un notaio,questo ultimo sa bene che in presenza di un pignoramento non sarebbe stato possibile fare un qualsiasi atto. Se fosse avvenuto questo sarebbe grave.
    Inoltre visto che l'azione che avete escogitato arreca pregiudizio al creditore questi entro 5 anni può revocare il vostro operato Il creditore può rivalersi sull'immobile donato entro cinque anni dalla donazione agendo in revocatoria se sono presenti i due requisiti richiesti dall'art. 2901 c.c:
    1) Il debitore è a conoscenza che la donazione dell'immobile pregiudica i diritti del creditore ;
    2) Il donatario (chi accetta la donazione) è a conoscenza del pregiudizio o ha concorso dolosamente alla preordinazione del trasferimento di proprietà .
    Questa è la realtà
    ciao
     
    A supera, arianna26, rosaconrad e 1 altro utente piace questo messaggio.
  14. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    Se siamo già alla data dell'asta dovresti disporre della perizia fatta dal ctu per la vendita,da lì dovrebbe risultare lo stato di possesso dell'immobile. Se non risulta i casi sono due,o la donazione non è stata fatta con atto notarile ragione per la quale non è servita a nulla o il CTU non ha svolto le necessarie indagini.
     
    A Marco Costa piace questo elemento.
  15. rosaconrad

    rosaconrad Nuovo Iscritto

    la donazione è stata fatta cn atto pubblico davanti ad un notaio e ci fu consigliato dall'allora avv. di mio padre,xkè diceva ke così si sarebbe potuti venire ad 1 migliore accordo cn i creditori
     
  16. giomar

    giomar Membro Attivo

    Io credo che ormai ti sia stato chiarito da molti che l'atto di donazione non e' valido. Continui pero' ad appellarti ad esso che e', in pratica, solo carta straccia.
    Ti consiglio, se vuoi risolvere il problema, di giungere ad un accordo con i creditori e non perdere tempo ulteriore. Non capisco pero' come sia stato possibile che un notaio, in barba a tutti i controlli preliminari, abbia potuto stipulare questa donazione. Forse hai omesso di dire qualche cosa.
     
  17. rosaconrad

    rosaconrad Nuovo Iscritto

    no no infatti nell'atto c'è scritto ke sull'immob c'è il pignoramento
     
  18. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    allora torniamo al discorso di prima. o tu paghi i creditori cancelli ipotecae pignoramento e ti godi il bene o prestro a tardi il creditore si prenderà i soldi della vendita all'asta e ti chiederà i danni per le spese sostenute ed il tempo perso. pensaci. meglio cercare un legale che ti aiuti a trovare un accordo.
     
  19. rosaconrad

    rosaconrad Nuovo Iscritto

    ho provato a fare 1 accordo e mi sn rivolta a 2 avvocati ma nn so xkè nn mi hanno mai fatto saper niente di concreto ora presa dall'esasperazione ho pensato di contattare io l'avv della controparte nella speranza di trovare 1 soluzione
     
  20. giomar

    giomar Membro Attivo

    Allora io farei il punto della situazione:
    L'immobile ti e' stato donato con atto facilmente opponibile ( con spese tutte e tuo carico) e che, eventualmente puo' far ritardare la tua uscita dall'appartamento ma non l'esito dell'asta. E non credo sia questo il tuo intento.

    Contatta immediatamente, te o persona di tua fiducia, l'avvocato del creditore. Versa quello che hai disponibile e chiedi che venga sospesa l'asta (ribadisco "sospesa" e non che il creditore rinunci all'esecuzione, anche perche' non lo fara' mai).

    A questo punto hai preso il tempo che stai cercando per versargli il residuo debito e tenerti l'appartamento.
    Il tempo stringe, fallo oggi.
    Non appellarti alla donazione, non ha senso, non serve a nulla e ti fara' soltanto spendere dei soldi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina