1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
  1. FUENTES

    FUENTES Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Mio padre nel 1964 ha fatto costruire una casa e l'impianto elettrico se lo è fatto da sè.
    Ovviamente senza filo di terra e senza differenziale. Ci vive da oltre 50 anni ma ora vorrebbe venderlo.
    Non c'è neppure il salvavita che richiede almeno una terra e a mio avviso serve a poco per la protezione se non esiste nell'impianto un terzo filo di terra e prese a 3 fori invece di quelle a 2 attuali.
    La domanda è : posso venderlo nello stato in cui si trova ?
    E posso eventualmente affittarlo dichiarando sul contratto che non è presente la terra ?
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se il compratore è informato del problema non vedo ostacoli.

    PS. Un interruttore "salvavita" non necessita di linea di terra.
     
    A casanostra piace questo elemento.
  3. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ottima risposta dal punto di vista tecnico.
    L'interruttore differenziale serve anche in caso di mancanza di impianto di messa a terra, non a caso i vecchi impianti possono essere certificati da ditte abilitate che installano il differenziale e rilasciano il certificato di rispondenza, cosa diversa dalla certificazione di conformità.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  4. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    Rendere noto il problema la puoi vendere ma non affittare senza prima mettere a norma l'impianto elettrico
     
  5. FUENTES

    FUENTES Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Bene, vedo che DIMARAZ e MORALISTA la pensano in modo diverso; comunque lasciamo stare l'impianto di terra e soprattutto il rifacimento dell'impianto con tutto quello che ne consegue (soprattutto dal punto di vista economico).
    Mettendo un differenziale con sensibilità minore o uguale a 30mA dopo il magnetotermico del contatore, dovrei essere a posto anche per l'affitto, se questo viene fatto da un elettricista che può redigere un certificato ( legge 46/1990). Oppure sbaglio?
    Nel quartiere ci sono decine di case che hanno 40 e rotti anni e nessuno ha rifatto l'impianto soprattutto prima di vendere l'immobile (ovviamente) . Questo viene rifatto solo quando viene venduta ad un nuovo proprietario che la ristruttura completamente.
     
  6. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Tu hai parlato di vendita...io nulla ho precisato in caso di affitto....quindi nessuna differenza fra il sottoscritto e quanto enunciato da @moralista perchè questioni diverse.
     
  7. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    se l'impianto elettrico è stato messo da 60 anni non credo che possa essere a norma, in quel periodo i fili di rame erano rigidi, pertanto non più a norma, anche se messi sottotraccia, potrai mettere il salvavita oppure il differenziale sono solo dei pagliativi e soldi buttati, basta fare la prova e vedi il risultato
     
  8. FUENTES

    FUENTES Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Non capisco la differenza tra affitto e vendita : l'art. 6 del Decreto del MISE n.37 del 22/1/2008 recita:
    3. Gli impianti elettrici nelle unità immobiliari ad uso abitativo realizzati prima del 13 marzo 1990 si considerano adeguati se dotati di sezionamento e protezione contro le sovracorrenti posti all’origine dell’impianto, di protezione contro i contatti diretti, di protezione contro i contatti indiretti o protezione con interruttore differenziale avente corrente differenziale nominale non superiore a 30 mA.
    Pertanto proverò a mettere un differenziale adeguato , se poi ci saranno problemi di basso isolamento dell'impianto, vedrò il da farsi. Non capisco perché i fili rigidi invece di quelli a treccia dovrebbero costituire un problema, quello che conta è la loro sezione ed il loro isolamento. Comunque ringrazio tutti per il loro contributo.
     
    A basty piace questo elemento.
  9. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non c'è nulla da cpaire...questa è una "boutade" di @moralista priva di fondamento.

    Per le norme conta solo l'isolamento e non se cavo unico o multifilare (che sono preferibile solo per vantaggi "tecnici").

    La differenza fra vendita e affitto è che nel primo caso tu non sei tenuto a fornire un impianto adeguato e a norme...mentre nel secondo anche se "sistemato" con salvavita o altro resta la possibilità che ti vengano addebitate responsabilità in caso di incidenti.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  10. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    BOUTADE un ****o, prova a lavorarci dentro in una canaletta con i fili di rame rigidi, poi potrai permetterti di dare del boutade ad altri, la tua risposta è solo una prepotenza verso chi non condivide le tue idee, e non è la prima volta che alcuni forumisti ti riprendono:ok:
     
  11. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Rileggiti prima di inalberarti a sproposito.
    O tu mi trovi la norma di Legge che dichiara non a norma i "cavi singoli monofilo" (rigidi) anche se perfettamente isolati ...o la tua resta una "boutade" priva di senso.

    PS. Boutade è riferito alla frase...mica all'autore.

    Che i "flessibili" siano più pratici (e conduttiva mente più "efficienti" non l'ho mai negato.
     
  12. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ps.
    Evidentemente non conosci il significato del termine "boutade" (dal francese) e l'uso metaforico fatto.
     
  13. FUENTES

    FUENTES Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti . Per me la discussione è chiusa.
     
  14. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    :applauso::ok::triste:;) solo dopo il terzo bernoccolo ti accorgi di aver sbattuto contro la parete
     
  15. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Bernoccolo?
    Ti stai parlando allo specchio...o ti difetta la comprensione dell'Italiano?
    (no comment sul Francese)
     
  16. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @moralista: Ho avuto diversi scontri con Dimaraz, che a volte risponde in modo autoritario. Ma qui ha ragione.

    I fili rigidi sono stati tolti dal commercio, non sono più omologati ed oggi non sono più impiegati.
    Ma nessuna norma prescrive di rimuovere quelli installati: fortunatamente la corrente elettrica pone solo due requisiti: sezione ed isolamento adeguato.

    Posso concordare con te su un altro aspetto: nel 1964 si faceva economia nella sezione dei conduttori, che oggi potrebbero risultare sottodimensionati rispetto agli usi odierni.
    Inoltre sicuramente le prese non avranno la protezione contro i contatti diretti: quindi il solo salvavita non renderebbe adeguato l'impianto.
    Non sarebbe un problema in caso di vendita: basta dichiarare la situazione.
    Diverso se volessi affittare: in questo caso suggerirei almeno la sostituzione delle prese ed il salvavita.
     
  17. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ancora disinformazione!!!
    I cavi a singolo conduttore (rigidi) NON SONO illegali e SONO tuttora in vendita ed ovviamente omologati.
    In Italia se ne fa uso limitato ma in altri paesi invece no.
     
  18. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie: mi risultava il contrario. Per altro è una vita che non li vedo in vendita.
    p.s.: il forum non è certo un organo ufficiale d'informazione. Si è qui per chiedere, condividere informazioni e anche leggere rettifiche.
     
  19. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non informare e cosa diversa che "disinformare".
    Personalmente trovo che quando si hanno dei dubbi si dovrebbe usare il condizionale (serve a questo)...o usare le semplici risorse del web per verificare.

    Ps.
    Quello che sembra tono "autoritario" è semplicemente dovuto alla sinteticità (specie se rispndo dallo smart.)...e per natura non amo inserire "frizzi e lazzi" (emoticons) nei testi.
     
  20. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Nessuno ha messo in dubbio la differenza tra "non informare" e "disinformare": anzi.
    Rivendico invece il diritto di sbagliare dando involontariamente informazioni non corrette, purchè sia disposto ad ammetterlo. Cosa che ho fatto.
    La disinformazione è un atto deliberato e intenzionale, sapendo di mentire: cosa che non mi appartiene.
    Il condizionale lo uso appunto quando ho un dubbio: qui non lo avevo.

    Quanto alle verifiche sul web, hai ragione: difatti ieri sono subito andato a verificare le tue informazioni, (come sempre faccio, con chiunque e per qualunque affermazione letta su un forum....): così ho trovato una tabella sulla classificazione dei cavi che mi è sembrata utile e allego.

    Qui avresti potuto tu usare il condizionale: quello che sembra ai lettori è soggettivo, come soggettiva è l'interpretazione.
     

    Files Allegati:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.

Condividi questa Pagina