1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. giorgius72

    giorgius72 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    ciao,
    desideravo chiarirmi i miei diritti su una cattiva sistuazione familiare.

    I miei genitori sono separati. Mio padre vive da solo a casa sua. Nella casa di famiglia (che è proprietà di mamma e papà, 50% e 50%) viviamo : mia madre, io e mia sorella piccola. mia sorella grande, dopo essersi sposata, vive con la sua famiglia in una casa che è proprietà di mia madre.

    La convivenza in casa non è delle più facili e ovviamente io ( e anche mia sorella piccola) siamo intenzionati a lasciare casa e andare a vivere ognuno per conto proprio.

    Tutti conosciamo le difficoltà attuali di sostenere un affitto o eventualmente un mutuo. Ci sembrava ragionevole che mia madre andasse a vivere a casa sua (dove ora vive mia sorella grande) in modo da dividere in parti uguali la casa di famiglia da mettere in vendita.
    mio padre è d'accordo. mia madre no lo è, e reclama diritti assoluti sulla casa di famiglia.

    mi chiedo, i figli possono reclamare diritti sulla casa di famiglia ???

    o non ci resta che andar via con la coda tra le gambe?
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Tra i diritti dei figli non rientra quello di costringere un genitore a vendere i suoi beni.
     
  3. giorgius72

    giorgius72 Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    ovviamente. mail mio dubbio è : la casa di " famiglia " è anche mia (nel senso che ho diritto a viverci) o lei può impormi di andar via quando crede??..
     
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Non è che tu hai il diritto di viverci.
    Sono i genitori che hanno il dovere di accudire i figli, sino a che non raggiungono l'indipendenza economica.
    Solo allora tua mamma ti può "invitare" a lasciare la casa "di famiglia".
     
    A syraka e Ennio Alessandro Rossi piace questo messaggio.
  5. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Un importante dovere delle coppie è quello di mettere al mondo solo i figli che sono in grado di mantenere, se no sono costretti a chiedere aiuto agli altri, il che non è bello.
     
  6. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E se i genitori rimangono disoccupati quando i figli sono già a scuola che fanno???? Li rispediscono al mittente?? Oppure se i genitori si ammalano o muoiono??? Che caz---a stai dicendo jacO????
     
  7. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il mio inquilino Samed fece il primo bambino pur sapendo che aveva un lavoro precario. Di queste persone parlo, non di gente che non immaginava che sarebbe diventata in futuro povera nel momento in cui metteva al mondo un bambino.
     
  8. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ah ho capito, parli di tanti extracomunitari che fanno nidiate di figli e poi chiedono contributi e agevolazioni di tutti i tipi.......io invece pensavo a un mio parente stretto: ha tre bimbi in età scolare, purtroppo la ditta dove lavorava da 20 anni è fallita l'anno scorso e di conseguenza lui si è trovato in non poche difficoltà per mantenere la sua famiglia.....
     
  9. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Esatto. In ogni caso io sono un ammiratore del bravissimo socio-psicologo Luigi De Marchi, fondatore dell'AIED (ora AIECS) ed un estimatore della politica cinese (i Cinesi sono uomini con le palle, non sono fregnaccioni come noi) del figlio unico.
     
  10. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Guarda che in Cina stanno "ripristinando" la possibilità di fare più figli, in quanto si stanno ritrovando con persone della terza età in numero notevolmente maggiore rispetto a quelle che compongono le nuove generazioni....per cui urge rimpolpare il settore giovanile. Saluti.
     
  11. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Diciamo che l'uomo ha diritto a stare seduto sul carretto fino a 25 anni di età poi deve scendere ed incominciare a tirare il carretto per 45 anni; trascorsi i quali può ritornare a stare sul carretto fino alla sua morte. Affinché questo ciclo sia in equilibrio occorre che il numero di coloro che tirano il carretto sia congruo con il numero delle persone che ci stanno sopra altrimenti per il troppo peso il carretto si ferma. Se le persone stanno sul carretto fino a 35 anni di età oppure risalgono prima dei 45 anni di tiro il carretto va avanti a strattoni e qualcuno deve scendere per tirare.
     
    A essezeta67 piace questo elemento.
  12. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E' vero, ma la politica del figlio unico imposta dal governo cinese è durata trent'anni: iniziò ufficialmente nel 1980.
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ma @giorgius72 non vuole far vendere vuole che sua madre si sposti e vada ad abitare nella casa di sua proprietà nella quale ora abita la sorella maggiore.


    direi proprio di no o meglio tu non sei tra i proprietari. Se i proprietari decidessero di vendere la casa tu non avresti diritto a nulla da questa vendita. In questa situazione, se non ancora emancipato economicamente, dovresti decidere se andare ad abitare con tuo padre o con tua madre.
     
  14. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ha ragione Nemesis. Non puoi imporre nulla a nessuno. Puoi solo andar via di casa. Ma, ovviamente, dovrai mantenerti da solo perchè non potrai imporre ai tuoi genitori di contribuire all'affitto.
     
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se i genitori non hanno possibilità economiche è come dici tu; ma se hanno disponibilità ci sono sentenze che obbligano alla contribuzione sino a quando il figlio (anche 30enne) non si è trovato una fonte di guadagno che gli consenta di vivere da solo.
     
    A JERRY48 piace questo elemento.
  16. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Sono dello stesso parere.
     
  17. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Devono contribuire ma possono farlo ospitando e mantenendo il figlio. nessuna norma li obbliga a pagar loro l'affitto.
     
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Aveva testualmente scritto: "Ci sembrava ragionevole che mia madre andasse a vivere a casa sua (dove ora vive mia sorella grande) in modo da dividere in parti uguali la casa di famiglia da mettere in vendita".
     
  19. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    @Nemesis
    avevo scritto anche
     
  20. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Puoi scrivere quello che vuoi. Ma non avresti dovuto scrivere che l'intento dell'OP non era quello di fare vendere. Dato che l'aveva espressamente previsto.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina