1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. sissy

    sissy Nuovo Iscritto

    Buonasera a tutti,
    vi scrivo per avere un consiglio visto che io e il mio fidanzato non sappiamo come uscirne! Entrambi arriviamo da due matrimoni finiti, ora abbiamo deciso di andare a convivere e vorremmo tutelare entrambi da eventuali problemi futuri (che comunque ci auguriamo non ci siano). Io andrò a vivere nella casa di sua proprietà (che ha rogitato nuovamente dopo la separazione dalla moglie) e vorremmo evitare di rogitare nuovamente per intestarla a entrambi, soprattutto per una questione di costi. Vorremmo però tutelare anche la mia persona visto che mi impegnerò a dividere con lui sia le spese di gestione della casa che quelle del mutuo! Come potremmo fare per fare in modo che i soldi che io metterò in quella casa, in caso di separazione non vadano persi? Con una scrittura privata? E se sì, come si procede?
    Grazie a tutti in anticipo,
    Sissy.
     
  2. Andrea Sini

    Andrea Sini Membro dello Staff

    Professionista
    Per le spese di gestione non saprei è difficile. Per il mutuo mi verrebbe da suggerire di cointestarlo per lasciare traccia dei soldi che versi tu.
    Ma un ulteriore rogito che ti garantirebbe di + non ha poi un costo esagerato.
    La base imponibile nelle compravendite tra privato e privato è calcolata sulla rendita catastale rivalutata, quindi l'imposta di registro che andrai a pagare sarebbe abbastanza bassa (3% se prima casa), inoltre il notaio se compri come prima casa deve farti lo sconto per legge sulla sua parcella.
    Consiglio di chiedere al notaio cosa ti costerebbe rogitare una quota dell'immobile così risolveresti tutto e sei sicuramente garantita.
    Saluti
    Andrea
     
    A sissy piace questo elemento.
  3. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Per le spese di gestione metterei un 50% a testa in un conto comune, magari con assegno o con bonifico, in modo che rimangano le tracce...

    Per la tua tutela, l'unica è intestarti parte dell'immobile, anche per quote, se per caso lui ha messo di più.

    Silvana
     
    A sissy piace questo elemento.
  4. alexfin

    alexfin Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    si, pero' attenzione, se li ha usufruito dei benefici prima casa, non potrebbe vendere nemmeno una quota prima dei 5 anni; informatevi bene
     
  5. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Certo, fa parte della tassazione dell'operazione.

    Silvana
     
  6. alexfin

    alexfin Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ma allora, Silvana, come funziona esattamente in questo caso? se lui, che ha gia' rogitato coi benefici prima casa, vende a le una quota, dovra' restituire al fisco la differenza dell'imposta di registro (7% anzichè 3%), aumentata del 30 % per la quota venduta? Tutto li (oltre ovviamente alle spese di notaio)? o c'è dell'altro? ti chiedo perchè io sono nella stessa situazione si Sissi e il suo compagno...
     
  7. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Dovrà pagare - sulla quota venduta - la differenza dal 3 al 7%, più la sanzione del 30% più gli interessi di mora, calcolati con il tasso legale (attualmente l' 1%).

    Non ti sembra abbastanza ?
    Cosa vorresti di più, Alexfin, l'impiccagione ?????:^^::^^::^^:

    Silvana
     
  8. alexfin

    alexfin Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ma, sai, dipende, se ad esempio si vende yuna quota quasi simbolica tipo 10.000 euro, giusto per mettersi al sicuro e avere una parte della casa intestata, alla fine non è che che la cifra sia poi cosi' spaventosa, sarebbero circa 550 euro + le spese di notaio...ma vuoi mettere la sicurezza di avere una piccola fetta intestata e magari in questo modo sistemarsi con le agevolazioni prima casa, nel caso in cui anche chi comra la quota avesse la necessita' di ricomprare entro un anno avendo venduto il proprio immobile prima dei 5 anni...chiariamoci, non è poco :soldi: , con 550 euro mi faccio una settimana in alto adige, ma è una soluzione...o no?
     
  9. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Ovviamente, scherzavo !!!

    Certo che è una soluzione, soprattutto di questi tempi, dove, quando le coppie si separano a volte vogliono dividere anche il cane !

    Silvana
     
  10. alexfin

    alexfin Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ahi proprio ragione...e io ne so piu' di qualcosa :fico:! pero' mi viene un dubbio...il famoso lui che ha rogitato mettiamo 2 mesi prima con le agevolazioni, puo' vendere una quota, pagando chiaramente quanto abbiamo detto, senza incorrere in casini..ops:^^:...problemi ulteriori? non è che qualche funzionario del fisco potrebbe obiettare che lui deve ricomprare avendo venduto prima dei 5 anni, oppure che in questo modo le agevolazioni le perde su tutto il valore della casa etc etc? ci sono leggi o precedenti al riguardo?
     
  11. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Francamente, non so risponderti...

    A occhio, non dovrebbe perdere niente perchè rimane comunque in possesso della prima casa e ci ha posto la residenza...

    Silvana
     
  12. sissy

    sissy Nuovo Iscritto

    Mamma mia ragazzi che casino...non sto più capendo niente e soprattutto non ho idea dei costi. Noi in realtà volevamo lasciare le cose come sono ed eventualmente tenere una situazione delle quote messe da me da oggi in poi per il pagamento del mutuo tramite una scrittura privata che tuteli questi soldi in caso di separazione (anche se porca miseria speriamo di no).
     
  13. Andrea Sini

    Andrea Sini Membro dello Staff

    Professionista
    Una bella discusisone:
    posso dire che l'immobile per essere prima casa deve essere idoneo al nucleo famigliare che lo deve occupare, quindi non credo che un maldestro funzionario del fisco possa chiedere di ricomprare un'altra prima casa in quanto il lui della situazione mantiene una quota di prima casa, che forse sarà idonea al suo nucleo se rimango fidanzati, inoltre a che titolo perde le agevolazioni prima casa sulla parte che gli rimane?
    Chi mi sa rispondere?
    Andrea

    Aggiunto dopo 6 minuti :

    Si scusa forse stiamo facendo della didattica e ci allontaniamo dalle vostre reali volontà.
    Come scrittura privata potete fare un documento dove risulta che tu hai prestato dei soldi a lui per pagare delle spese e lui riconosce il debito (che andrà aggiornato ogni volta che versi un nuovoimporto). E' un documento un po' debole in caso di controversia. Ora che andate daccordo informatevi insieme da un legale esperto di queste cose, decidere insieme è anche un modo per mettervi ulteriormente alla prova.
    Saluti
    Andrea
     
    A sissy piace questo elemento.
  14. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Purtroppo, per esperienza, le scitture private quando si litiga davvero, valgono poco...

    Sicuramente, bisogna tenere una contabilità precisa, aggiornata e controfirmata da entrambi...:basito::basito::basito:

    Silvana
     
  15. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Personalmente non mi intesterei il mutuo perchè poi sarei solidalmente responsabile della restituzione ed in caso (speriamo di no) di separazione la nostra Lei sarebbe becca e bastonata. Non avrebbe che debiti. L'unica è come già suggerito intestarsi una parte dell'immobile.
     
    A sissy piace questo elemento.
  16. Andrea Sini

    Andrea Sini Membro dello Staff

    Professionista
    Concordo con Jrogin, l'accollo di una quota di mutuo ha senso solo se faea anche la cointestazione.
    Andrea
     
  17. alexfin

    alexfin Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    piuttosto, Sissi, perchè non gli fai un "prestito" (fotocopia dell'assegno e sua dichiarazione che riceve da te TOT soldi, che ti restituira' in caso di separazione...). io preferirei cosi' piuttosto di avere una casa cointestata che poi è un casino dividere...Lui con i tuoi soldi si scalera' una parte di mutuo per cui calera' la rata etc etc, o no?
     
    A sissy piace questo elemento.
  18. Andrea Sini

    Andrea Sini Membro dello Staff

    Professionista
    Le garanzie di restituzione in caso di lite sono sempre molto scarse.
    Sono daccordo che un appartamento cointestato un domani è sempre una bega ma almeno ha qualche cosa di concreto in mano.
    Facciamo della teoria.
    E' solo un esempio:
    Se oggi andate damore e daccordo, lui paga la casa, tu le bollette intestate a lui, e le vacanze le paghi sempre tu.
    Cosa ne pensate?
    Un domani se vi doveste separare non succede assolutamente nulla.
    Saluti
    Andrea
     
  19. alexfin

    alexfin Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ...non sono troppo d'accordo con Andrea...lui nel frattempo sta facendo un investimento che poi gli rimane mentre i soldi che mette lei sono a fondo perduto...
     
  20. Andrea Sini

    Andrea Sini Membro dello Staff

    Professionista
    Se vivono insieme è giusto che lei paghi qualche cosa.
    Il mio voleva solo essere uno spunto per gli importi si gestiranno loro. Considera che lei vive in una casa dove non paga ne mutuo ne affitto, quindi risparmia e con quei solti può farsi un gruzzoletto per se.
    Casa ne pensi alexfin?
    Saluti
    Andrea
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina