1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. snrvpt74

    snrvpt74 Nuovo Iscritto

    salve, nel 2000 io e mio cognato abbiamo comprato 2 case adiacenti con giardino in comune. Al momento della compravendita davanti al notaio, la piantina di ogni singola abitazione (timbrata da un geometra) sembrava corrispondendere alla realtà ossia abitazione composta dal piano terra + prima piano mansardato.
    Nel 2011 ho chiesto al Comune un ampliamento del piano terra beneficiando del piano casa. Il comune ha respinto la mia richiesta di ampliamento in quanto agli atti del Comune:
    - non risulta la mansarda
    - non risultano le 2 abitazioni (la mia + quella di mio cognato) ma ne risulta una unica

    premetto che al catasto invece le carte corrispondono.
    Ho contattato la vecchia proprietaria ed il suo architetto e purtroppo non hanno altra documentazione. Praticamente all'atto della vendita la vecchia proprietaria ha dichiarato il falso.
    Vorremmo fare causa alla vecchia proprietaria però è nulla tenente e temiamo di fare un buco in acqua.
    La mia domanda è: chi deve risarcirmi di questa truffa? mi conviene far causa al notaio o al geometra che ha firmato le piantine presentate nell'atto di compravendita?
    Volevamo mettere le case in vendita ma adesso non possiamo finchè non si sistema tutta questa situazione. Attendo un vostro consiglio, grazie
     
    A Adriano Giacomelli e vincenzo moscheni piace questo messaggio.
  2. mtr

    mtr Membro Attivo

    Spero per la ex proprietaria che sia stata 'raggirata' anche lei, la voglio pensare in buona fede...
    Altrimenti si meriterebbe una causa con i fiocchi con una richiesta di risarcimento e danni sostanziosa.
    Non parliamo di notaio e geometra, che hanno palesemente dichiarato il falso: denuncia ai rispettivi ordini/collegi.
    Legale serio e competente, perchè -purtroppo- sono passati più di 10 anni e temo la prescrizione.
    Quindi: non so se siate ancora in tempo per rivalervi, se non -appunto- con consigli di un legale che vi sappia condurre e tutelare.
    Altrimenti le segnalazioni agli Ordini/collegi la farei sicuramente, forse qualche tipo di risarcimento riuscite ad ottenerlo.. Ma soprattutto cercehrei di capire come sbrogliare la situazione informandomi presso un professionista serio che mi risolva il problema edilizio, facendo pratica per la divisione e quanto altro necessario.

    Purtoppo a tutt'oggi il catasto può non essere veritiero e schiere di pessimi professionisti se ne approfittano.
    Può non essere veritiero significa che il fisco non entra nel merito laddove le casse si rimpinguano lo stesso: infatti un aggiornamento catastale è cosa veloce e poco onerosa -parlo di immobili residenziali di taglio medio- se invece la regolarità edilizia viene meno.. sono problemi di altra entità.
    Prima di acquistare bisognerebbe fare una visura in Comune, al catasto è quasi secondario..
     
  3. snrvpt74

    snrvpt74 Nuovo Iscritto

    la casa è stata acquistata tra luglio e agosto 2001 quindi ancora devono passare 10 anni. grazie della risposta
     
  4. mtr

    mtr Membro Attivo

    Avevi scritto nel 2000.. sono contenta per te!
    Allora procedi tranquillamente con la richiesta danni.
    Ti consiglo di appoggiarti a un/a Professionista di fiducia che ti indichi i passi da fare per metter a posto lecose. Il costo lo metterai inconto ai responsabili del pasticcio.
     
  5. snrvpt74

    snrvpt74 Nuovo Iscritto

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina