1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. frizz10

    frizz10 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Buonasera sono appena giunto su questo sito e vorrei che qualcuno mi chiarisse un po le idee. Mia madre buonanima, deceduta nel 2007 era assegnataria di una casa popolare a riscatto da oltre 40 anni, risulta a quanto so che versava i fitti mensili all'ina casa. Io vivo in altra regione e mio fratello alla morte si insediò in casa ..di fatto occupandola. Mi ha riferito che la casa non è stata mai riscattata da nostra madre e che quindi essendo comunque di proprietà dell'istituto l'ha occupata temporaneamente per la figlia che ora essendosi sposata ci vive regolarmente e che continua a suo dire a pagare il fitto. La figlia (mia nipote) risultava a mia insaputa da ben 4 anni nello stato di famiglia di mia madre...questa cosa gli da qualche diritto in particolare? Ammettiamo che non è stata mai riscattata da mia madre a me come terzo figlio non compete nulla? Come posso fare senza sollevare polveroni accertare se è stata riscattata o meno?
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    In caso di morte, durante la locazione, dell’assegnatario di alloggio ex INA casa con promessa di vendita, gli succedono nei relativi diritti i suoi eredi, ancorché non conviventi al momento del suo decesso.
    Per sapere se è stata riscattata puoi benissimo chiedere informazioni alla dirigenza dell'IACP.
     
  3. frizz10

    frizz10 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ciao ti ringrazio per la risposta. Ma cosa intendi con "promessa di vendita"?
     
    A cesarek piace questo elemento.
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite


    E' come dire dall'altra parte, diritto di riscatto.
    Perchè prima del rogito, bisogna controllare e/o dimostrare di aver pagato tutte le mensilità degli anni concordati.
     
  5. frizz10

    frizz10 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ciao allora se ho ben capito, il diritto di riscatto penso che ci sia perché se ben ricordo anni prima del 2007 anno del decesso della titolare arrivò una lettera dall'istituto case popolari nella quale si chiedeva alla titolare se aveva o meno l'intenzione di riscattare l'immobile mi sembra che si chiedeva almeno di avere versato 15 anni di versamenti. Se la domanda per il riscatto è stata fatta successivamente non lo so. Ma ammettiamo il caso che l'abbia presentata e prima della stipula la titolare sia deceduta può un figlio all'insaputa dell'altro procedere al riscatto in prima persona senza le firme degli altri fratelli? Il fatto che mia nipote sia stata inserita anni prima nello stato di famiglia di mia madre può dare diritto a mia nipote di riscattare senza il consenso di nessuno? Comunque sia penso che seguirò il tuo consiglio di recarmi al mio paese e andare quindi presso l'istituto case popolari ed informarmi per bene... se mi dai qualche altra delucidazione te ne sarò grato...ciao
     
  6. JERRY48

    JERRY48 Ospite

  7. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    ci vorrebbe un pò più di precisione nell'esporre il fatto e di ordine nella loro successione dei fatti.
    Se l'appartamento era a riscatto lo era da subito, cioè dal momento dell'assegnazione, oppure lo è diventato durante la locazione?
    Di solito l' istituto case popolari quando fa queste proposte in corso di locazione lo fa per vendere gli appartmenti, per avere liquidità che non avrebbe se continuasse con il criterio del riscatto mensile.
    Se è vero quello che ti ha riferito tuo fratello (che tua madre non ha aderito alla proposta entro il termine presumibilmente fissato dall' istituto case popolari) si prospetta la soluzione che continui il contratto d'affitto fino alla sua naturale scadenza, che se non scritta sul contratto di assegnazione, varrà quella prevista del codice civile.
    Nel caso di morte dell'affittuario può subentrare nel contratto un parente stretto sopratutto se residente da prima della morte dell'intestatario del contratto .
    Quindi in questo caso te la dovresti prendere con tua madre e tuo fratello che ti hanno tenuto nascosto questa manovra.
    In ogni caso, dato il tempo trascorso, non credo che tu possa accampare alcun diritto.
    Poi, certamente, ci potrebbere essere degli atteggiamenti poco chiari da parte di tua nipote che per regolarizzare la sua posizione dovrebbe comunicare all'ente la morte della nonna. Se non lo fa vuol dire che c'é qualcosa che non torna nelle date.
     
    A rita dedè e frizz10 piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina