1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Taproot

    Taproot Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Approfitto degli esperti di legge di questa sessione per porre un quesito a cui, da molto, non trovo risposte
    Mia mamma vuole comprare un'altra casa in Italia, visto e appurato che in Tunisia non ci torneremo mai più, vorrebbe usare i soldi (dinari) che ci sono sul c/c tunisino, in modo da svuotare per sempre quel conto perché tanto noi in Tunisia ci torniamo solo una volta all'anno

    Peccato che la legge tunisina vieta di esportare il dinaro in europa, non possiamo farci un bonifico dal c/c tunisino al c/c italiano in quanto i dinari sono per legge non convertibili in euro

    Abbiamo però un amico che ha un'impresa edile qui in Italia che ci torna d'aiuto, in pratica lui ci fa un bonifico di una cifra x in Italia e noi gli facciamo un bonifico del corrispettivo in dinari in Tunisia, facciamo così visto che lui ha bisogno del dinaro in Tunisia e noi dell'euro in Italia

    Esempio:
    Lui ci fa un bonifico di 20 000€ in Italia poi noi andiamo in Tunisia e gli facciamo un bonifico di 40 000 Dinari sul suo c/c tunisino (ovviamente questo lo possiamo fare perché c'è fiducia e conoscenza tra rispettivi parenti)

    Qui subentra il problema della causale, quando lui ci fa il bonifico che causale deve mettere per non avere problemi? L'operazione che vogliamo fare non credo violi nessuna legge italia, allo stesso tempo non ha un nome ufficiale, inoltre, sarebbe meglio dividere la cifra in bonifici più piccoli per non avere problemi?

    Grazie agli esperti che vorranno rispondere, spero di essermi spiegato bene
     
  2. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Dovrebbe essere semplice, ma aspettiamo altri pareri che non mancheranno...La voce è: "prestito". Dopo, quando avrai restituito il controvalore in Tunisia, con
    un semplice promemoria scritto "privato" e "datato" firmerete l'accordo raggiunto sollevandovi reciprocamente da ogni ulteriore addebito. Auguri. quiproquo.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La soluzione proposta da quiproquo mi sembra la più logica e facilmente perseguibile.
     
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Se Voi faceste il bonifico Tunisino per primo, dove le Leggi, immagino sono meno fiscali, il bonifico Italiano sarebbe di reso prestito in Tunisia.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    prestito infruttifero
     
  6. Taproot

    Taproot Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Non è così purtroppo, le leggi in Tunisia sono peggio su queste cose!

    In effetti c'ho pensato, ma non ero sicuro l'operazione si potesse definire un vero prestito, l'importante è che l'agenzia delle entrate non possa farci problemi, anche perché questo signore è un onesto imprenditore mentre mio padre è un operaio da 30 anni in Italia, io sento che che l'AdE pretende sempre tasse su tasse da tutti
     
  7. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Infatti, non è un vero prestito...Ma ne ha tutte le apparenze...Mentre in realtà è un falso prestito...Si ricorre quindi ad una falsità per aggirare le formalità delle
    leggi. Che in questo caso dovrebbero assolvere perchè la cosa in sè e per sè non
    è un ladrocinio. Ci si camuffa per ottenere una cosa più che lecita se vista
    dalla parte della libertà individuale che oberata fino all'inverosimile...qualche volta si vede costretta a ricorrere a tale mezzo...Riepilogando. La cosa è possibile se
    sussiste la massima fiducia reciproca...Avendo tempo a disposizione potreste
    alternare come segue: metà subito da parte sua...rispondi in Tunisia con la
    tua metà parte ....Dopo qualche mese completerete fino al concordato.
    Prima potreste scambiarvi per iscritto privato l'accordo stipulato...Dopo...
    una reciproca quietanza liberatoria come evidenziato nel mio post precedente.
    auguri. Quiproquo.
     
  8. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    i prestiti si restituiscono. Per quello avevo scritto nel mio intervento precedente prestito infruttifero.
     
  9. Taproot

    Taproot Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Mio padre e il suo amico sono alla vecchia maniera, non faranno mai la scrittura privata, tra tunisini vecchio stile tendono a dare importanza alla "parola", perché ritieni sia meglio dividere la somma in due e fare passare qualche mese prima di completare?

    Per caso l'AdE può creare problemi se vede bonifici troppo ravvicinati tra di loro?

    Grazie mille comunque
     
  10. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tu stesso avevi adombrato la possibilità di frazionare...per cui il frazionamento
    può agevolare il " passarla liscio" non solo in Italia, anche in Tunisia ed in altre
    parti del mondo. Comunque non credo che 20mila euro possano far sobbalzare i gaudenti fiscali...sono abituati a ben altre cifre...Per una eventuale memoria scritta avevo già anteposto la massima fiducia reciproca. Interessante il consiglio di Luigi Criscuolo che indicava la parola da aggiungere...per cui puoi scrivere
    "prestito infruttifero" che però non mi sembra che significhi la non restituzione
    ( a gratis...) bensì che non produce interessi. Almeno questo dovrebbe
    significare nella lettera e nel diritto. Però resto sempre certo di essere incerto
    e quindi ai propisti di confermare o meno lo spunto. Auguri al postante di
    un buon scambio Italo-Tunisino e che buon pro gli faccia anche in futuro
    per essere intervenuto su Propit. Quiproquo.
     
  11. Taproot

    Taproot Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Un po' di interessi se li prendi, per questo preferisce cambiare con noi e non in banca
    Comunque per curiosità, se io vado all'AdE e spiego la situazione così com'è, cosa possono pretendere? Esiste una tassa o un qualcosa che mio padre dovrebbe pagare?
     
  12. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Senti bene. All'ADE interessa che tutti i movimenti di denaro sopra i mille euro siano tracciabili...
    Tu potresti incassare un bonifico di 20.000 euro anche senza uno specifico motivo...Per questo le
    banche col codice 001 intendono come causale: Generico Dare...Nel tuo caso consiglio invece
    di specificare che si tratta di un prestito perchè in realtà è un prestito seppure temporaneo...
    come tutti i prestiti saranno restituiti sia pure in terra straniera con quella valuta. Come puoi pensare che il fisco con milioni di transazioni quotidiane corra appresso al tuo prestito in prima battuta...??? Come
    puoi pensare che il fisco ti venga a chiedere se e come li hai restituiti...in seconda battuta???
    Dai incassa questa sommetta e non pensarci più. qpq.
     
  13. Taproot

    Taproot Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    No appunto, l'operazione non viola nessuna legge, frazionare l'importo serve più in Tunisia che in italia. Volevo la conferma del fatto che se loro volessero fare la cosa alla luce del sole non dovrebbero fare altro che fare quello che fanno già, perché è già tutto regolare, grazie per il chiarimento comunque :)
     
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Premesso che il valore attuale è di 3.000 euro (pari o superiore a), direi che all'AdE interessa poco, considerato anche che la competenza per irrogare le sanzioni per l'infrazione al divieto posto dall'art. 49 del D. Lgs. n. 231/2007 è di altro soggetto.
    All'AdE invece interessa che tutti i redditi siano dichiarati e quindi tassati.
    Ogni movimento del conto corrente bancario deve essere singolarmente giustificabile dal contribuente. Il Fisco presume maggiori ricavi da sottoporre a tassazione. Bisogna essere certi di poter vincere tali presunzioni, con idonei riscontri.
    Non è che il mettere semplicemente una parola invece di un'altra nella causale di un bonifico consente di stare assolutamente tranquilli.
     
    Ultima modifica: 18 Maggio 2016
  15. Taproot

    Taproot Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Sì ho capito ma esiste una tassa sui prestiti personali tra due amici? Se non esiste mio padre penso non abbia niente da giustificare, almeno credo
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina