1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Parlando con amici e conoscenti mi sono meravigliato che il modo utilizzato da Renzi per avere i contributi previdenziali pagati dallo Stato non avesse scandalizzato come pensavo che avrebbe dovuto.

    La risposta quasi corale che ho avuto è stata:

    Ma è quello che hanno fatto da sempre tutti quelli ammanicati con il potere e quelli che si trovano in posti di lavoro che gli consentono di approfittarne.

    Tutto lecito, forse, come è stato l’ utilizzare la legge per andare in pensione magari dopo 15 anni di servizio con una aspettativa di vita di 50 anni a carico dello Stato, oppure con un po’ di maneggio farsi aumentare lo stipendio degli ultimi anni per incrementare i parametri, o farsi assegnare le case di proprietà dell’Inps ed altri enti similari a prezzi stracciati.

    Quando lavoravo a Londra, molti anni fa, venne il Direttore Generale dell’INPS e partecipai ad una sua conferenza.

    . Gli posi la seguente domanda:

    “Quanto vi rende il patrimonio immobiliare dell’INPS che avete acquistato nel tempo con i soldi dei contribuenti e quindi di proprietà degli stessi?”

    La risposta fu :

    “Mi vergogno a dirlo , ma, se lo vuol sapere è l’UNO PER CENTO e lei sa il perchè”

    L’udienza non italiana era allibita.

    Ovvio, in Gran Bretagna si va in galera per violazione della legge sul “trust” e come minimo si viene licenziati per inefficienza

    Stupisce, non poco che nessuno abbia protestato per l’uso disonesto dei propri fondi, tutti intenti probabilmente a cercare di approfittarne.

    E’ triste dirlo ma l’italiano non farà mai la rivoluzione per paura di mettere a rischio i privilegi che è riuscito ad ottenere applicando la legge secondo la sua convenienza.

    Sono rientrato in Italia nel 2006 e da allora ho cercato chi si associasse a me per sollevare il problema . Nessuna risposta:
    Temo che ormai siamo tutti chi più chi meno contaminati


    .
    Termino con due aforismi di mio, padre morto 50 anni fa, ma sempre validi

    .L’italiano si crede furbo perché riesce a fregare i pantaloni a chi se li è tolti per sco….gli sua moglie

    L’italiano si indigna per i soprusi ai quali non può partecipare
     
    A Daniele 78, Gianco, slavuc e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  2. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    Sarà vero quello che scrivi, ma non credo sia solo tipico degli italiani.
    Una volta ero alla barriera di Como proveniente dalla svizzera, davanti alla mia auto stava un'auto con targa svizzera (tedesca). Al momento di pagare il pedaggio l'autista apre la portiera e scarica il posacenere a terra davanti all'esattore che gli porge il resto. Quando mi accosto per pagare il pedaggio faccio presente che nulla ha eccepito al maleducato svizzero, la risposta è stata: cosa dovevo fare? Gli ho detto che non doveva alzare l'asta e chiamare la polizia che stazionava oltre la barriera per almeno fargli raccattare la sua sporcizia. Se faccio una cosa simile in svizzera mi bastonano! In italia sono i controlli che non funzionano. Perchè l'organico della magistratura e polizia è sempre in crisi? Semplice, se tutto funzionasse celermente i primi a trovarsi inguaiati sarebbero i nostri governanti.
     
  3. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Il tuo commento è ancor più rilevante se pensi che la Spesa pubblica Italiana ammonta a 739 miliardi + interessi sul debito, e il 43% vanno all'INPS! Quindi una gestione oculata dell'INPS gioverebbe ai conti più che tagliare le Province che sottraggono solo l'1% della Spesa Pubblica.
    Sottovoce ti dico che lo Stato spende in Spesa Pubblica € 13.700,00 a testa all'anno, neonati o vecchi compresi!!!!
     
  4. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    x@raffaelemaria di maleducati e arroganti ce n è dappertutto. Però una cosa è un'infezione al dito e un'altra cosa è una cancrena all'ultimo stadio, non ti pare?
     
  5. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    l'infezione al dito se non si cura porta alla cancrena, la cancrena all'ultimo stadio se non è curabile comporta l'amputazione del dito; lo stesso va fatto per le "cancrene" che affliggono l'italia: pene certe.
     
  6. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Manca l'educazione dalla scuola, gli insegnanti sono spesso assunti un tanto al kilo, nessuna selezione culturale e tecnica, il mondo si informatizza e parla le lingue estere e noi assumiamo docenti assolutamente inadeguati, (salvo poche ed encomiabili eccezioni). Il senso civico, non si insegna più, una volta c'erano delle pubblicità, così dette "progresso" che insegnavano a non sporcare a raccogliere ma anche quelle sono miseramente cancellate. O la gente, con i suoi soldi, viaggia, studia all'estero, impara da altre popolazioni, carpisce segreti di civiltà altrui, oppure rimane stritolato nel becero campanilismo e nella già citata "furbizia" del fregare il prossimo.
    Nel 1800 un regnante in visita a Napoli rimase colpito della indigenza della popolazione, ma fu invitato ad non allarmarsi, vede sire, qui si arrangiano fregandosi l'un con l'altro!
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  7. Roberto De Cesare

    Roberto De Cesare Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La sventura di noi italiani è quella di non avere ancora una coscienza collettiva. Forse è il retaggio delle antiche dominazioni straniere e dei Comuni/Stato, quando ognuno si arrangiava per portare acqua solo al suo mulino. Tale sventura ancora continua, purtroppo, con la presenza delle Regioni, alle quali sono stati attribuiti ampi poteri, in concorrenza con quelli statali. A ciò si aggiunga l'arroganza e la sopraffazione dei politici , la dilagante corruzione, l'imperante maleducazione che la scuola e le famiglie non riescono a contenere, nonchè la sfrenata corsa al denaro che sembra rappresentare l'unico scopo della vita, da conseguire in barba a qualsiasi principio etico-morale, e la contaminazione di cui si discute è ben pronta e servita. A volte mi chiedo se , per tentare di riportare la barca sulla retta scia, non sia il caso di chiamare a governarci politici stranieri di specchiata fama, rettitudine ed intransigenza , quali svizzeri, danesi, svedesi, etc. Tanto ormai siamo tutti europei!
     
    A Daniele 78, rita dedè, Ollj e 1 altro utente piace questo messaggio.
  8. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non cambierei una virgola al tuo pensiero! Però che tristezza doverci rassegnare che l'ingegno italiano, la tenacia dei nostri migliori lavoratori, la fama dei nostri migliori uomini della storia, sia così malamente sopraffatta da ciò che tu hai perfettamente rappresentato.
     
  9. pippopeppe

    pippopeppe Membro Attivo

    Impresa
    inguaieremmo anche loro e scapperebbero di notte per non farsene accorgere.
    giusto per ricordare qualche grande nome mai preso ad esempio, anzi!
    Generale Dalla Chiesa, Falcone e Borsellino.siamo un popolo senza speranza.
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non sono d'accordo: l'educazione me l'hanno insegnata i miei genitori sia direttamente dicendomi come mi dovevo comportare sia indirettamente osservando i loro comportamenti.
    La scuola, lo dico da ex insegnate (ho fatto anche questa esperienza lavorativa), ha sempre fallito: gli studenti fanno finta di imparare e di avere assimilato quello che hanno studiato. Basta chiedere qualcosa che hanno studiato l'anno prima per metterli KO. Non parliamo poi dei diplomati e dei laureati che una volta ottenuto il titolo cancellano tutto quello che hanno studiato.
    Avete mai preso un autobus in coincidenza del termine delle lezioni? Studenti seduti che parlano tranquillamente dei fatti loro e donne oversettanta in piedi con entrambe le mani occupate con le borse della spesa. E se gli fai notare che dopo essere stati per cinque ore seduti a scaldare la sedia a scuola forse è il caso di cedere il posto alle persone palesemente più bisognose di confort di rispondono "io ho pagato il biglietto e quando si è liberato il posto ho il diritto di stare seduto".
    Un giorno è capitato che, sull'autobus strapieno, un passeggero, dopo aver fatto notare ad una 16/18enne che se ne stava tranquillamente seduta in un posto dove c'era l'etichecca riservato agli invalidi, anziani, e donne in cinta che c'erano persone anziane alle quali il senso civico suggeriva di cedere il posto,dicesse ad alta voce "ma in fondo non è colpa tua è colpa dei tuoi genitori..." che la ragazza inveisse contro di lui e dicesse "come si permette di importunarmi rivolgendosi a me: ma chi la conosce: parli con i suoi figli ed insegni l'educazione a loro." e non si è alzata, continuando a messaggiare con quei stramaledetti telefonini.
     
    A Daniele 78 e Adriano Giacomelli piace questo messaggio.
  11. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Per fortuna ci sono le famiglie vere che insegnano, valori, educazione, cultura e amore per i rapporti interpersonali. Ma.....quante sono? In molte famiglie i vari componenti pranzano davanti alla porta del frigo aperto, da soli, in velocità, in altre si mangia forse assieme ma davanti alla televisione accesa. Ecco che per tutte quelle famiglie dove l'educazione fosse carente, anche talvolta per cause motivate, emigrazione, obblighi lavorativi, inadeguatezza, ci vuole una scuola, uno stato e, anni or sono, c'era, talvolta, la Chiesa.
    Oggi se i risultati sono quelli che ben hai descritto, vuol dire che la "filiera" dell'educazione ha molte falle!
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    LA cosa comunque non è solo un fenomeno solo italiano: male in comune mezzo gaudio.
     
  13. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Credo di non essermi spiegato bene.
    L'argomento da me sollevato, non riguarda la buona o cattiva educazione degli italiani o degli svizzeri bensi il fatto che tutti i governi che si sono succeduti in Italia hanno utilzzato il denaro versato all'INPS e dato in TRUST al medesimo per acquistare gli immobili per poi assegnarli gratuitamente o quasi ai loro amici mentre i cittadini, che erano di fatto i proprietari, se ne siano curati o se ne curino con una indifferenza che, a quanto traspare da alcuni interventi, continua tuttora
     
    A PROBLEMIVARI piace questo elemento.
  14. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Se l'INPS assorbe il 435 della spesa pubblica, a maggior ragione la gestione oculata del patrimonio immobiliare dell'INPS potrebbe far fruttare risorse tali da abbattere un 3/4 % della spesa pubblica da utilizzare in qualsiasi direzione, dall'istruzione all'abbattimento della tassazione degli Italiani. La maleducazione ci è entrata facendo il palo alla poca attenzione che tutti noi destiniamo agli amministratori dell'INPS che sperperano le risorse, spesso facendo locazioni agli amici a condizioni di estremo favore o, peggio, alla così detta mafia Capitale.
     
  15. pippopeppe

    pippopeppe Membro Attivo

    Impresa
    ma quando i cattivi amministratori saranno arrestati e sbattuti in galera?
    e questo vale anche per gli amministratori decaduti o pensionati.
    solo così può aver termine questo scandalo.
     
  16. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Ha ragione. Spetta a ciascuno di noi pretendere, dalle nuove generazioni, un radicale cambiamento.
    Va rifondata una coscienza civica e sociale (se mai vi fu), purtroppo ci saranno da attendere almeno 30 anni!
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  17. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Rimanendo in tema Inps e privilegi: con la riforma Dini, moralmente riprovevole aver permesso il sistema misto e aver concesso, ai detentori di 18 anni di contributi, il favore di quello retributivo.
    Nessuno ha mai protestato....
     
  18. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    In un'altra discussione avevo proposto di metterci insieme noi di propjt per avviare una class action Dovremmo essere in tanti perchè costerà parecchio in tempo ,denaro e sforzo.
    ho sentito parlare dell'organizzazione CHANGE che raccoglie firne per le petizioni. Li conosce ?
     
  19. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Change.org Sì, ho partecipato a qualche petizione.
    Class Action all'Italiana? Dio me ne scampi, la reputo una pertita di tempo e di denaro; fosse come negli States... purtroppo troppe le differenze normative: una matita spuntata!
     
  20. Roberto De Cesare

    Roberto De Cesare Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Potremmo comunque provare con una petizione tramite Change.org, a cui anch'io ho qualche volta partecipato, sottoscrivendo alcune proposte. Gattinara potrebbe intanto predisporre la petizione e sottoporla al forum, per valutarne l'impatto. Successivamente troveremo certamente il sistema per divulgarla tramite il predetto sito. È un tentativo democratico che mi trova favorevole. Buonanotte
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina