1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. masagu

    masagu Membro Attivo

    Cari tutti a dicembre 2011 ho affittato casa con un contratto transitorio di 6 mesi optando per la cedolare. Il contratto in questione viene però disdettato il primo aprile 2012 con relativa consegna del mod.69 all'AdE (risoluzione anticipata).
    Faccio quindi un nuovo contratto nel 2012 che parte da maggio 2012 a maggio 2013. Non ho ben capito come funziona in questi casi. Come faccio a non pagare le tasse su quei due mesi in cui non ho percepito l'affitto in quanto optato per la risoluzione anticipata? Quanto e quando pagare? Acconto/saldo?
    Grazie a tutti :???:
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non mi tornano i mesi di cui non hai incassato il canone.
    Comunque, il calcolo dell'imposta è semplice, basta farlo solo sui canoni che presumi di incassare nel corso dell'anno:

    - 3 mensilità veccchio canone
    - 8 mensilità nuovo canone
    = Tot

    Applichi l'imposta del 21 % , calcoli il 95 % e dividi per 2.
    Otterrai 2 rate identiche che verserai alle date opportune.

    Di fatto pagherai qualche Euro in più con il primo acconto, ma avrai il vantaggio di avere a fine anno una situazione chiara dei tuoi debiti tributari e a giugno 2013 pagherai il saldo del 5 %.

    Riguardo ai mesi non incassati, non devi fare nulla, li ignori in quanto assoggettati a IMU.
     
  3. masagu

    masagu Membro Attivo

    Caro Alberto,
    grazie per la risposta innanzitutto. Ti spiego meglio. A dicembre 2011 faccio un contratto di locazione che dovrebbe durare, per l'appunto, da dicembre 2011 a maggio 2012. Il primo marzo 2012 il contratto viene disdettato anticipatamente. Di fatto quindi l'affitto dura dal 1 dicembre 2011 al 31 marzo 2012 ossia 4 mesi piuttosto che i 6 previsti. A Maggio 2012 faccio un altro contratto con durata (si spera) annuale ossia dal primo maggio 2012 al 30 aprile 2013. in sede di 730 inserisco il numero del contratto per cui voglio aderire alla cedolare( ossia quello del 2011) ed ecco il mio dubbio. Di fatto il contratto del 2011 ha la durata di soli 3 mesi e non più di 6 dato che è stato disdettato prima del previsto. Dato che i soldi per pagare le tasse vengono tolti direttamente dal cedolino della busta paga e non utilizzo l'f23 come si fa a fare il calcolo soltanto per i 3 mesi? E per il contratto nuovo invece? Poi dici che i mesi in cui non percepisco l'affitto li ignoro perchè pago l'IMU..ma l'IMU la pago per tutti e 12 i mesi non mi pare ci siano esenzioni per chi ha la casa in affitto no? :triste:
     
  4. sergio 41

    sergio 41 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Piccola rettifica : 92% non 95.
    Ciao.
     
  5. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Hai ragione, ma si incasinano i conti senza avere un beneficio reale. Preferibile adottare le percentuali ordinarie e, si spera, duarature.
     
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La mia impressione era corretta: il conteggio dei mesi dell'anno 2012 è di 11 e non 10.
    Il mese di Dicembre lascialo perdere, si riferisce all'anno 2011.
    I mesi 2012 coperti da canone sono_
    G-F-M = 3 mesi
    M-G-L-A-S-O-N-D-8
    8 + 3 = 11 mesi, devi fare i conti su questa base.

    Non devi fare il conteggio di soli 3, bensì, come già esposto, su 11 mesi. Inoltre avendo stipulato un nuovo contratto hai tutti gli elemnti per pervenire ad un conteggio esatto.
    Relativamente alla trattenuta sul cedolino, devi verificare il tuo 730 ( se non sei in grado chiedi al CAF) dove viene eveidenziato l'ammontare degli acconti Cedolare Secca.
    In particolare devi conoscere l'ammontare del primo acconto e confrontarlo con il nuovo conteggio derivante dalla somma dei 2 contratti differenti.
    Se la differenza tra le trattenute che farà il datore di lavoro a titolo di primo acconto non si discosta molto dal nuovo calcolo, ti conviene non fare nulla e regolare la differenza in sede di secondo acconto a Novembre 2012.
    Relativamente ai mesi ( in verità è solo un mese) di alloggio sfitto non devi fare assolutamente nulla, per tale mese non paghi IRPEF e tantomeno le addizionali regionali e comunali, in quanto sono state assorbite dall'IMU.
    Spero di essermi spiegato meglio.
    Ciao
     
  7. masagu

    masagu Membro Attivo

    Assolutamente si. Chiaro. Grazie Alberto :risata:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina