1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Come già segnalato con il decreto casa il governo ha abbassato dal 15 al 10% l'aliquota per la cedolare secca sui canoni concordati percepiti dal 2014 al 2017. Pertanto la nuova cedolare al 10% vale solo per i contratti a canone concordato "3+2", che possono essere stipulati solo nei Comuni ad alta tensione abitativa in base a delle tabelle " a hoc " reperibili in Comune e frutto di accordi territoriali tra associazioni sindacali dei proprietari ed inquilini ; queste tabelle in base alle specifiche caratteristiche dell'immobile ed in funzione della zona prevedono dei coefficienti minimi e massimi che devono essere utilizzati per addivenire al calcolo del canone massimo applicabile .

    Ma quali sono i comuni ad alta tensione abitativa cui è applicabile il contratto 3+2, il canone concordato-convenzionato , e di conseguenza la cedolare secca agevolata del 10% ?

    Ecco allegato in pdf l'elenco aggiornato ad oggi.
    by ennio
     

    Files Allegati:

    A Antonio Assanti piace questo elemento.
  2. Giuseppe1975

    Giuseppe1975 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Siamo sicuri che vale solo per i contratti 3+2 e non anche per i contratti transitori per studenti universitari fuori sede ?
     
  3. Camillo49

    Camillo49 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non solo il contratto deve essere 3+2 ma, oltre ad essere inseriti nell'elenco di cui sopra, devono essere stati sottoscritti accordi tra il Comune e le associazioni di categoria. (Non per tutti i comuni dell'elenco sono stati sottoscritti tali accordi).
    Saluti.
     
  4. massandro6

    massandro6 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Quindi nella dichiarazione di quest'anno si userà l'aliquota dell'anno scorso?
     
  5. Betty Boop

    Betty Boop Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno
    Il Comunicato, parla del 2014-2017, mi pare sensato presumere
    che, si ,cioe' al 2013 vale la vecchia tassazione
    Saluti e buon week end
     
  6. massandro6

    massandro6 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    I redditi 2014 saranno dichiarati nel 2015.
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  7. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    I canoni concordati possono essere stipulati in qualsiasi comune e non "solo" in quelli ad alta intensità abitativa.
    Le agevolazioni fiscali per i locatori sono però riservate "solo" agli immobili situati nei nei comuni ad alta densità abitativa della lista allegata. Per i conduttori le agevolazioni fiscali sono valide ovunque.
    Saluti.
     
  8. Betty Boop

    Betty Boop Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,
    Lo , purtroppo pero' quasi mai si procede
    in maniera retroattiva . E Io sono fra quelli che lo vorrebbero
    ma, mi sento di espormi e dichiarare che si solo nel 2015 ( per il 2014.) sara' valido il 10% , altrimenti , chi ha fatto il Contratto ,mettiamo , nel 2012 avrebbe piu' di qualche motivo per protestare.,
    Saluti
     
  9. Giuseppe1975

    Giuseppe1975 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Questo è quanto riportato nelle istruzioni dell'unico 2014:

    La base imponibile della cedolare secca è costituita dal canone di locazione annuo stabilito dalle parti, al quale si applica un’aliquota
    del 21%
    per i contratti disciplinati dal codice civile o a canone libero.
    È prevista anche un’aliquota agevolata del 15% (fino al 2012 si applicava l’aliquota del 19%) per i contratti di locazione a canone
    concordato (o concertato) sulla base di appositi accordi tra le organizzazioni della proprietà edilizia e degli inquilini (art. 2, comma 3,
    della legge n. 431 del 1998 e art. 8 della medesima legge) relativi ad abitazioni site nei comuni con carenze di disponibilità abitative
    individuati dall’articolo 1, comma 1, lettere a) e b) del decreto-legge 30 dicembre 1988, n. 551 (Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova,
    Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia, nonché i comuni confinanti con gli stessi e gli altri comuni capoluogo di provincia)
    e negli altri comuni ad alta tensione abitativa individuati dal CIPE con apposite delibere (codice 8 nella colonna “Utilizzo” della
    sezione I del quadro RB).

    Codice Utilizzo
    ‘8’ immobile situato in un comune ad alta densità abitativa ed è concesso in locazione a canone “concordato” (art. 2, comma 3, art.
    5, comma 2
    e art. 8 della legge n. 431 del 1998) in base agli accordi definiti in sede locale tra le organizzazioni dei proprietari e quelle
    degli inquilini più rappresentative a livello nazionale.
    Nel caso di applicazione della tassazione ordinaria, l’indicazione di questo codice comporta la riduzione del 30 per cento del reddito
    imponibile. In tal caso deve essere compilata la sezione II del quadro RB.
    Nel caso di opzione per il regime della cedolare secca va barrata la casella di colonna 11 “Cedolare secca” e va compilata la sezione
    II del quadro RB. Il reddito va indicato nella colonna 15 “imponibile cedolare secca 15%”.

    l'artico evidenziato in rosso cita:
    art 5 c. 2. In alternativa a quanto previsto dal comma 1, possono essere
    stipulati contratti di locazione per soddisfare le esigenze abitative
    di studenti universitari sulla base ((dei tipi di contratto di cui all'articolo 4-bis)).


    Della lettura di quanto sopra mi sembra abbastanza evidente che anche i contratti per studenti universitari furi sede godono dell'aliquota agevolata cedolare al 15% per l'anno 2013.

    come si evince anche da questo link di confedilizia : http://www.confedilizia.it/TAB SINOTTICA.pdf.

    Secondo me l'aliquota ridotta al 10% per i redditi 2014 vale anche per gli affitti a studenti fuori sede.
     
  10. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Nel caso di un canone concordato + cedolare secca 4+4 la riduzione è applicabile?
    Grazie
     
  11. Giuseppe1975

    Giuseppe1975 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Secondo me si, la legge stabilisce una durata minima 3+2, non vieta di stipulare 4+4.
     
  12. massandro6

    massandro6 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Se è canone concordato non è 4+4.[DOUBLEPOST=1395999834,1395999785][/DOUBLEPOST]Se è canone concordato (n+2) non è 4+4.
     
  13. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    L'accordo L. 431/98 art. 2 comma 3 del Comune di Bologna in vigore dal 21/10/2013 inserisce nei parametri utili al calcolo del range minimo e massimo dell'importo, l'opzione di aumentare la durata minima dei tre anni ed applicare una maggiorazione in aumento per il calcolo.
     
  14. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    http://www.propit.it/threads/cedolare-secca-al-10.30477/page-2#post-182311 (post n. 16)
    :ok:
     
  15. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Ovviamente.:)
     
  16. massandro6

    massandro6 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    L'aliquota del 10% per i redditi da locazione per contratti a canone concordato (n+2) per cui il locatore ha optato per la c.s. esordisce quest'anno (UNICO PF 2014 o 730 2014). Ho capito bene?
     
  17. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. Esordisce quest'anno per i redditi a partire dal 2014 e fino al 2017. Quindi i redditi 2013 sono esclusi.
    Art. 9 del D.L. n. 47/2014, entrato in vigore oggi:
    "1. Per il quadriennio 2014-2017, l'aliquota prevista all'articolo 3, comma 2, quarto periodo, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, come modificato dall'articolo 4 del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 102 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 ottobre 2013, n. 124, è ridotta al 10 per cento.
    2. All'articolo 3, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, dopo il comma 6 è inserito il seguente: «6-bis. L'opzione di cui al comma 1 può essere esercitata anche per le unità immobiliari abitative locate nei confronti di cooperative o enti senza scopo di lucro di cui al libro I, titolo II del codice civile, purché sublocate a studenti universitari con rinuncia all'aggiornamento del canone di locazione o assegnazione".
     
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Eh no. Come sempre, occorre attendere la pubblicazione delle norme e non prendere per oro colato le notizie della stampa.
     
  19. massandro6

    massandro6 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Quindi quest'anno, UNICO Pf 2014, si usa l'aliquota del 15%?
     
  20. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sì, evidentemente.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina