1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. cristiana

    cristiana Nuovo Iscritto

    Come ci si comporta in questo caso?
     
  2. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ti riporto una risposta del Sole24ore

    Comproprietari di appartamento dato in affitto
    Coniugi comproprietari di appartamento. La cedolare secca conviene solo al marito. Le denunce dei redditi sono separate. Può optare per la cedolare secca solo il marito? L'aumento Istat all'inquilino si può chiedere per la quota del coniuge che non aderisce alla cedolare secca? Come ci si regola per la tassa di registro?

    Inviata il 19 aprile 2011 alle ore 08.38
    La risposta dell'esperto

    È l'articolo 5 del Provvedimento del 7 aprile 2011 ad occuparsi di questa situazione. Tale disposizione stabilisce che: 1) qualora vi siano due o più locatori, persone fisiche titolari del diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento sull’immobile ad uso abitativo e delle relative pertinenze locate congiuntamente all’abitazione, l’opzione deve essere esercitata distintamente da ciascun locatore, compilando l’apposito modello Siria, ove sussistano le condizioni per il suo utilizzo, ovvero mediante il modello 69. L’opzione esplica effetti solo in capo ai locatori che l’hanno esercitata; 2) i locatori che non esercitano l’opzione per l’applicazione del regime della cedolare secca sono tenuti al versamento dell’imposta di registro calcolata sulla parte del canone di locazione loro imputabile in base alle quote di possesso. L’imposta di registro deve essere versata per l’intero importo stabilito nei casi in cui la norma fissa l’ammontare minimo dell’imposta dovuta. Deve essere comunque assolta l’imposta di bollo sul contratto di locazione. Pur in mancanza di istruzioni si dovrebbe poter ritenere che la parte di aumento Istat relativa alla quota di canone spettante al coniuge che non ha esercitato la rinuncia continui ad essere dovuta, secondo le originarie condizioni contrattuali: sul punto, peraltro, serve una conferma ufficiale.

    Inviata il 19 aprile 2011 alle ore 08.58
     
  3. Maldiviano

    Maldiviano Membro Junior

    A quanto ne so, la circolare n° 26/E/2011 dell'Agenzia delle Entrate al punto 2.3 dice che la rinuncia agli aggiornamenti del canone fatta anche solo da un comproprietario ricade anche sugli altri comproprietari che non optano per la cedolare secca, tenendo conto che il canone di locazione è pattuito in maniera unitaria da tutti i comproprietari e quindi non è possibile differenziare in ragione delle quote di proprietà possedute dai singoli locatori.
    Quindi, se uno opta, nessuno degli altri comproprietari potrà chiedere l'incremento istat, anche se non opta.

    Quello che vorrei a mia volta chiedere è questo: se ci sono due comproprietari e entrambi intendono optare, devono entrambi compilare un proprio modello Siria per ciascuno o basta un modello fatto da uno dei due e vale per entrambi?
     
    A angela f piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina