1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. nicolabot

    nicolabot Nuovo Iscritto

    Buongiorno, nonostante abbia cercato informazioni al riguardo non ho trovato nessun dettaglio su un aspetto secondo me molto importante della nuova norma relativa alla cedolare secca.
    Nel caso si opti per la cedolare secca è chiaro che il canone dovrà rimanere bloccato finché si sceglie di aderire all'opzione (quindi per i contratti 4+4 potrebbe rimanere bloccato anche per 8 anni).
    Se ad un certo punto (supponiamo dopo 6 anni) il proprietario decide di non aderire più all'opzione della cedolare fissa potrà rivalutare l'affitto tenendo conto dell'ISTAT dei 6 anni trascorsi (con aumenti quindi molto consistenti per l'inquilino)?
    Un ringraziamento a chiunque mi risolva questo dubbio
     
  2. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Inserisci una clausola del tipo:
    Il canone cosi’ come contrattualmente stabilito sara’ annualmente aggiornato, automaticamente e senza bisogno di richiesta scritta da parte del locatore, nella misura della variazione assoluta accertata dall’ISTAT dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati verificatasi nell’anno precedente.
    Ai sensi e nei termini dell'art.3 comma 11 DL 23/2011 l'adeguamento non sarà applicato per l'intero periodo di esercizio da parte del Locatore dell'opzione di tassazione del reddito della presente locazione con il regime della cedolare secca previsto dalla stessa normativa .


    In questo modo se torni sui tuoi passi e recedi dall'opzione di tassazione agevolata potra riapplicare l'Istat per il periodo residuo della locazione, naturalmente ;)senza recuperare gli anni nei quali hai usufruito del predetto regime
     
    A Adriano Giacomelli, Roberta64, casa61 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. Roberta64

    Roberta64 Nuovo Iscritto

    Grazie, faccio un copia e incolla per un mio contratto.:daccordo:
     
  4. nicogia

    nicogia Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti... quello della cedolare secca applicata solo per una parte della durata del contratto di locazione potrebbe essere un ulteriore motivo di discussione tra locatore e conduttore.

    Supponiamo che in un contratto 4+4 anni il locatore opti per i primi 3 anni per il regime di cedolare secca, e quindi non applichi l'aggiornamento ISTAT al canone.
    Al quarto anno decide di non optare piu' per la cedolare secca, e sceglie il regime normale. Applica percio' l'aggiornamento ISTAT ( supponiamo l'1% , giusto per dare un numero ) al canone. Il conduttore si ritrovera' il canone aumentato, e chiedera' giustamente spiegazioni. Se e' una persona ragionevole, si fidera' della parola del locatore.. ..

    e se invece vuole una dimostrazione della volonta' del locatore di optare per il regime normale ?
    Sara' sufficiente mostrare copia della lettera con cui si comunica all'autorita' il cambio di regime fiscale ?
     
  5. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    a tuo rischio e pericolo:sorrisone:


    @Nicogia
    Per quanto ha detto Nicogia, il Locatore ha questa facoltà.
    Non so se il conduttore potrà chiedere copia dell'UNICO o del 730 per verificare se nelle annualità successive il proprietario non ha fatto il furbo.
    Eh si, ci sarà da discutere....:fico:
     
  6. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Concordo pienamente ma.... sei hai esercitato l'opzione per un contratto già in corso ove non c'è la clausola ? :^^::^^::^^:
    Secondo me, in caso di recesso, bisognarebbe inviare una seconda raccomandata al conduttore, comunicando la rinuncia al regime di cedolare secca ed allegando copia della ricevuta del pagamento dell'imposta annuale di registro. Anche perché a quel punto il locatore ha diritto a farsene rimborsare la metà.
    :occhi_al_cielo:
     
    A Tapinaz piace questo elemento.
  7. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La clausola che io ho postato, diciamo che è solo un'idea per i contratti nuovi.
    I precedenti contratti avevano e conservano tuttora la normale clausola Istat. La raccomandata che prevede la nuova normativa è proprio perchè devi rinunciare ad un diritto concordato ed acquisito.

    Se fra qualche tempo vorrai recedere ad una precedente opzione di cedolare, sarà consigliabile fare un'altra raccomandata come tu hai giustamente detto.:ok:

    Se il contratto precedente non aveva clausole Istat...beh...ma le vai proprio a cercare:sorrisone:
     
  8. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Può andare bene come raccomandata?


    La presente per comunicarle che intendo esercitare l’opzione di tassazione del reddito derivante dalla locazione con lei in corso con il regime fiscale della cedolare secca previsto dall’articolo 3 della Dlgs.23/2011.
    Ai sensi del comma 11 dell’art.3 del Dlgs 23/2011 dichiaro espressamente di rinunciare a partire dal 2011, per il periodo corrispondente alla durata dell’opzione, alla facoltà di chiedere l'aggiornamento del canone, anche se prevista nel contratto a qualsiasi titolo, inclusa la variazione accertata dall'Istat dell'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatasi nell'anno precedente.



    Io mi sono buttato per primo, però sono graditi consigli e correzioni, non fate subito un copia/incolla.:sorrisone:
     
  9. pelizzoli

    pelizzoli Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Scusate se esco dal tema cedolare secca , a proposito di ISTAT (nel contratto c'è la variazione dell'Istat annuale) : se non volessi farla pagare x un anno (per evitare l'aumento dell'affitto all'inquilino) come funziona , sul F23 da pagare in banca devo calcolare lo stesso l'aumento Istat ? poi l'anno dopo posso (se volessi) posso farlo pagare ancora?. Ringrazio anticipatamente chi mi vorrà rispondere
     
  10. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La tassa di registro la paghi sul canone concordato, se non applichi l'Istat la tassa la calcoli su quello che effettivamente richiedi.
    Per farti un esempio. Mi è capitato di non pagare una tassa registro per un contratto. L'Ufficio del Registro ne ha reclamato il pagamento in seguito calcolando il 2% sul canone iniziale del contratto, senza fare conti del canone rivalutato.
     
  11. pelizzoli

    pelizzoli Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Se non ho capito male , dovrei pagare come l'anno scorso ; poi l'anno dopo posso ricominciare a far pagare l'istat? grazie Tapinaz
     
  12. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Si Renato, così va bene :ok:
     
  13. casa61

    casa61 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Tapinaz, i tuoi post sono sempre preziosi ed utilissimi :applauso:
    Se può essere utile, allego la raccomandata che ho già inviato all'inquilina.
     

    Files Allegati:

    A Tapinaz piace questo elemento.
  14. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie a te. La tua lettera è molto precisa.:ok::p
    Al massimo, dove dici fino alla scadenza del contratto inserisci salvo eventuale e successiva revoca o rinuncia.
    Questo per avere comunque la possibilità di ritornare sui propri passi. ....non si sa mai.
     
    A casa61 piace questo elemento.
  15. casa61

    casa61 Membro Attivo

    Proprietario di Casa

    Ottimo ... grazie
     
  16. hw40

    hw40 Nuovo Iscritto

    scusate sono un nuovo utente... "inquilino" ;) volevo chiedere io ho un contratto 4+4 e ogni anno andiamo io "conduttore" e il proprietario "locatore" dal commercialista alla quale ci tocca pagare ogni volta la somma di € 68 a testa per il rinnovo annuale piu calcolo istat da applicare sull'affitto ora chiedo tutto questo è obbligatorio? pagavo 450€ al mese più 15€ negli ultimi 2 anni di istat 465€ poi mi chiedo questi ultimi anni vediamo tutti come va il nostro paese "a rotoli" l'istat su che cosa si basa x dare gli aumenti... il mio stipendio nn aumenta da anniiiiiiii
     
  17. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La somma di 68 Euro a testa non la paghi al commercialista, bensì al Fisco. E' quanto il Fisco richiede come imposta annuale di registro (2% sul canone annuale) e che va suddivisa a metà tra locatore e inquilino in base alle Leggi vigenti.
    Prova a calcolare: 465 x 12 = 5.580 quindi il 2% è 111,6 arrotondato a 112 che diviso 2 fa 56 Euro a testa.
    Non so perché te ne faccia pagare 68, magari chiedigli spiegazioni.
    L'adeguamento ISTAT del canone è una clausola che fa parte del contratto che hai sottoscritto. Quindi diventa obbligatorio per te nel caso il locatore te lo chieda.
    L'Istat calcola mensilmente le variazione dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, senza badare se la nazione va a rotoli o meno. Pubblica detta percentuale di variazione e questa ti viene applicata sull'importo del canone, per poter mantenere il valore di acquisto di tale importo anche con il passare degli anni.
    La tabella si chiama "Indice FOI - Variazioni Percentuali del mese indicato rispetto allo stesso mese dell'anno precedente" e la puoi trovare sul sito dell'ISTAT.
    Ecco qui la pagina di riferimento:
    Istat.it - Indice dei prezzi per le rivalutazioni monetarie
     
  18. hw40

    hw40 Nuovo Iscritto

    grazie x avermi risposto la differenza da 56 a 68 se li prende il commercialista dove il mio locatore si serve...
    ed è stato quest'ultimo a calcolarmi l'istat, con il locatore avevamo preso l'accordo che quest'anno nn me l'avrebbe fatto calcolare.. az az nn so xkè il comm. me l'ha calcolato se va avanti così tra 10 anni il mio stipendio lo do x intero al locatore
     
  19. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa ma... se il proprietario vuole andare dal commercialista solo per fargli compilare un F23 e per fargli calcolare una semplice percentuale di aumento... non vedo perché non se lo debba pagare LUI.
    Infatti, credo che per fare un paio di operazioni così semplici non serva un commercialista, ma se il tuo locatore non è in grado di farle da solo... se ne deve assumere l'onere lui stesso.
    Non ho mai sentito una cosa del genere !!! :shock:
    Io, se fossi in te, non mi arrabbierei per l'aumento ISTAT (che comunque compensa solo l'aumento reale del costo della vita), quanto piuttosto per quei 14 Euro "rubati".
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina