1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. idealista

    idealista Membro Ordinario

    Impresa
    E alla fine è stata un flop.

    Concepita per fare uscire allo scoperto tutto un mondo di affitti in nero e per portare nelle casse dello stato 2,6 miliardi di euro, la cedolare secca non ha convinto i proprietari.

    Se il consuntivo delle entrate tributarie 2011 aveva già diffuso l'allarme, i dati del primo quadrimestre del 2012 ne hanno dato l'ulteriore conferma. La cedolare porterà introiti pari a un terzo delle aspettative del ministro tremonti, per una cifra che si aggirerà intorno agli 800 milioni.

    La cedolare secca prevede che i proprietari che registrano il contratto abbiano una tassa fissa del 21% per i contratti liberi e del 19% per quelli a canone corcordato. Ma le nuove condizioni non hanno convinto quel 15% di evasori totali ad uscire allo scoperto, né la quota di proprietari che hanno scelto in passato la detratazione IRPEF di optare per il nuovo regime.

    Anche se per quanto riguarda questi ultimi, le cose potrebbero cambiare in un prossimo futuro, in vista delle riduzione del 10% della deduzione forfetaria dell'imponibile di locazione.

    E che dire degli inquilini? Sebbene il nuovo regime preveda che gli inquilini che denuncino la mancata registrazione abbiano diritto ad uno contratto con un canone molto basso, questo non è bastato a dare vita ad una corsa al fisco. Forse in virtù di accordi sottobanco tra proprietari e inquilini a spese dell'erario.

    Non è impossibile sottovalutare inoltre che, non essendo prevista nessuna sanatoria per il passato, la registrazione potrebbe portare a tutta una serie di controlli sui cinque anni precedenti, il tutto condito con relative multe.

    [continua...]

    Leggi tutto l'articolo su idealista.it/news...
     
  2. Hai ragione, la cedolare secca non mi ha convinto, forse è il blocco degli aumenti Istat che ha fatto la differenza! ;)
     
  3. bertoldo

    bertoldo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Oltre al blocco degli aumenti Istat, penso abbia influito di più, come al solito, tutta la burocrazia connessa alle modalità da seguire, con indicazioni cervellotiche da parte dell'AdE, che sono ora ricalcate in modo imperturbabile e caotico per l' IMU, F24 ecc.. Alla faccia della semplificazione.
     
  4. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Io faccio contratti annuali e ne ho avuto notevole vantaggio, l'indicizzazione ISTAT è talmente bassa che non giustifica la rinuncia alla cedolare secca, anche perchè puoi uscirne quando vuoi.
    Io pur affittando come detto annualmente, in questi ultimi anni ho dovuto calare gli affitti e quando li rinnovo alla pari, mi sento fortunato.
    Non capisco nè la rinuncia alla cedolare, nè la rinuncia alla delazione, perchè per quanti accordi si facciano, non si arriva mai all'esproprio della casa, come a seguito della delazione.

    Questa mattino ho consegnato il 730 ed ho fatto una bellissima scoperta, non so da quando ma i redditi fuori lavoro/pensione, vanno a diminuire la detrazione da lavoro/pensione, per dirla breve oltre all'aliquota dovuto, mi sono costati 500 euro di detrazione.
    Quindi ci paghi le tasse due volte. Coraggio.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina