1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. slenisap

    slenisap Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti ,
    sono confuso come non mai e le indicazioni dell'AdE non mi aiutano.
    Con 5 appartamenti affittati, con due ho detrazioni per ristrutturazione per cui è conveniente la tassazione normale; per gli altri tre è possibile passare a cedolare secca ?
    Per cui i redditi dei primi due verranno dichiarati nell'Unico e gli altri come Cedolare, ho ben capito ?
    Con il prossimo giugno potrei già cambiare a CedSec due dei tre (scade registrazione annua), vero ?
    Grazie per i preziosi consigli.
     
  2. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Ad oggi la convenienza ad optare per la cedolare secca è aumentata ancor di più, visto che da quest'anno l'IRPEF va calcolata sul 95% del canone piuttosto come avveniva fino al 2012 sull'85%, assottigliando dunque la distanza fra i due regimi.
    L'unico vero svantaggio è che non è possibile, per tutta la durata del regime in cedolare, aumentare l'affitto, neppure con aggiornamento Istat; inoltre l'opzione non permette di nessuna detrazione fiscale. La convenienza comunque va valutata caso per caso.
    http://www.fisco7.it/2013/03/cedolare-secca-mega-convenienza-dal-2013/
     
    A carla romanelli piace questo elemento.
  3. slenisap

    slenisap Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    grazie per il commento ;
    purtroppo non risponde ai miei dubbi...ad esempio: è possibile lasciarne due a tassazione normale e tre a cedsec?
     
  4. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Certo. L'opzione per la cedolare secca può essere espressa per ogni singolo immobile/contratto (oltre che espressa singolarmente da ciascun proprietario nel caso di comproprietà).
     
  5. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Quale è la fonte normativa di questa impossibilità? Anche quella bella pagina di cui hai messo il link non ne parla...
    Per esempio, sto per affittare un appartamento per pochi mesi e pensavo di optare per la cedolare. Sono però ancora in corso importanti lavori di ristrutturazione: quei pochi mesi di cedolare non consentiranno di detrarne le spese????

    Faccio seguito al mio post di poco fa: penso di avere solo interpretato male quanto scritto da Dolly. Vediamo se ho capito bene: solo il reddito proveniente dalla cedolare non può essere usato per detrazioni o altro, ma il diritto di detrarre rimane e se uno ha altri redditi può tranquillamente detrarre (per esempio i lavori...). Stavolta vado bene???? :)
    Mi era preso un colpo: ho temuto di aver sbagliato la dichiarazione dell'anno scorso...
     
  6. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Tutto dipende dal tuo reddito, se trae origine solo dai canoni di locazione o hai altre entrate che formano l' imponibile da cui si potrà eventualmente detrarre...
    Perfetto ! :ok:
     
    A Elisabetta48 piace questo elemento.
  7. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Intendevo dire, infatti, che le detrazioni non possono essere "sottratte" dalla cedolare, ovvero non possono essere portate in detrazione sulla parte del reddito assoggettato ad imposta sostitutiva. E' solo una questione di capienza IRPEF.
    Diminuendo la base imponibile diminuisce anche l'IRPEF pagata perché le tasse fisse pagate per la cedolare escono dal computo. Nel caso in cui i redditi imponibili oltre ai canoni fossero molto bassi e le detrazioni fiscali a cui si ha diritto fossero più elevate dell'IRPEF dovuta complessivamente la parte eccedente si perde. Per questo, dicevo prima che la convenienza della cedolare va valutata con attenzione soprattutto se si hanno redditi bassi.

    :stretta_di_mano::ok:
     
    A Elisabetta48 piace questo elemento.
  8. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Grazie a tutti. Infatti, appena scritto il mio post allarmato, ci ho ragionato a freddo e ci sono quasi arrivata. Il fatto è che ormai ho la paranoia da cedolare: non so più cosa aspettarmi da lei e temo sempre che mi sia sfuggita una qualche interpretazione o norma che mi possa inguaiare. Io sono di quelli che all'inizio ha mandato la raccomandata a mano. Solo dopo era arrivata l'interpretazione secondo la quale doveva essere spedita per posta... (e continuo a pensare che il sig. Befera abbia deciso in modo illegittimo di concedere che la clausola possa essere messa nel contratto: un atto amministrativo non può modificare una legge di natura fiscale). Insomma sono dall'inizio in rapporto conflittuale e basta poco per farmi sobbalzare... :)
    Ciao a tutti
     
  9. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Credo, ma posso sbagliarmi, che anche relativamente gli immobili locati per i quali si aderisce alla c.s. si possono portare in detrazione le spese sostenute per ristrutturarli. Il problema che può sorgere è che la base imponibile IRPEF è bassa e quindi la rata da detrarre è superiore all'imposta lorda IRPEF.
     
  10. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    CEDOLARE SECCA:

    Attenzione che già si parla di aumentare le aliquota per far fronte al buco dil bilancio per rinnovo cassa integrazione in deroga, pagamento dei debiti scaduti ed...esodati.
    L'aumento viene giustificato in quanto si pensava di incassare di più con "emersione" dei contratti in nero. Come al solito i politici danno sempre la colpa "agli altri".
     
  11. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    La questione è stata già ampiamente chiarita.:)
     
  12. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Credo che comunque lo sapessero che avrebbero incassato meno: oltre alla minore IRPEF, vengono a mancare le marche da bollo e le imposte di registro (quelle di inzio contratto ma anche poi per gli anni successivi).
    Quando all'inizio ero andata a cercare certezze all'AdE (e si era ancora nel buio totale) avevo detto al funzionario: "Be, nel primo anno di applicazione, ci sarà una certa tolleranza...". Risposta: "Tolleranza zero. Anzi, col fatto poi che il gettito diminuirà, dovranno rifarsi con salatissime sanzioni". Bel programma, no?

    Quanto a credere a frotte di evasori pentiti... Più facile credere in un'invasione di marziani.

    Comunque è tutto abbastanza strano: l'IRPEF sarà calcolata sul 95% del canone e questo dovrebbe spingere più persone verso la cedolare, che però fa incassare meno. Dici che aspettano che tutti siano passati alla cedolare per poi sferrare l'aumento dell'aliquota? Ahimè :shock:
     
  13. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Aspettiamo il fine settimana e poi sapremo. A Parma poi siamo già messi bene con addizionali regionali, comunali e IMU al massimo. Ho consigliato a mia figlia che lavora e vive a Milano di trasferire anche la residenza anagrafica, almeno riasparmia qualcosa con le addizionali.
    Per la cedolare si parla addirittura di abolizione e di ritorno al passato. Questa è la certezza del diritto.
    Buona giornata.
    :fiore:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina