1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. carlat47

    carlat47 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Buonasera, c'è qualcuno che mi sa togliere questo dubbio?
    Mio figlio è propietario di un appartamento in Italia. A gennaio andrà a vivere in Olanda e chiederà lì la residenza. Percepirà un reddito tassato appunto all'estero. In Italia affitterà l'appartamento e quindi dovrà pagare le tasse sull'affitto, ma con cedolare secca o a regime ordinario? Fare quindi un regolare modello unico senza dichiarare anche il reddito percepito in Olanda visto che le tasse le paga già in quel paese, ma solo il reddito derivante dall'affitto in Italia?
    Grazie per chi vorrà rispondere!
    Carlat47
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Comincia a leggere questa Guida. Troverai la risposta ai tuoi dubbi.
    Buona lettura.
    http://www.ambberlino.esteri.it/NR/...B10E/80831/guida_fiscale_residenti_estero.pdf

    Riguardo al tuo quesito, ammesso che tuo figlio, da non residente, avrà in Italia solo il reddito derivante dalla locazione,
    Il Contratto di Locazione con Cedolare Secca risulterà più conveniente fiscalmente per la minore incidenza della Imposta sostitutiva (21 % sull'ammontare del canone) rispetto ad una Tassazione ordinaria che, trattandosi di unico reddito italiano avrà come aliquota minima il 23 % sul 95% del canone, oltre alle addizionali regionali e comunali( che si aggirano tra 1.50%-2.00%).
    Sul Contratto con Tassazione ordinaria, incidono inoltre l'Imposta di Registro ed il Bollo, e varie incombenze di tipo amministrativo, non presenti nella C.S.

    P.S.: Per essere considerati non residenti bisogna avere determinati requisiti senza i quali tutti i redditi, compresi quelli prodotti all'estero, dovranno essere dichiarati in Italia.
     
    Ultima modifica: 3 Ottobre 2014
  3. carlat47

    carlat47 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    grazie mille al Sig Alberto Bianchi x il link specifico che ho appena finito di leggere velocemente, ma rileggerò poi con più calma.
    Vorrei solo precisare che mio figlio è già iscritto all' AIRE, da un anno e mezzo, ma in Svizzera, si trasferirà dal primo di gennaio 2015 in Olanda. La casa che possiede a Milano la affitterà dal primo gennaio 2015 (se si troverà l'inquilino) quindi questo problema della scelta di tipologia di contatto e della dichiarazione sul reddito di affitto si proporrà a breve... Il mio dubbio è se su un reddito da affitto (presumo di max euro 9000) non c'è un minimo non tassabile? ( parlo della tassazione ordinaria) che invece applicando la cedolare secca,( anche se l'aliquota è più favorevole,) sarebbe applicata su tutto il reddito prodotto...? (non so se sono riuscita a spiegarmi bene...)
    P.S. avvalendosi della tassazione ordinaria, si puo' da residenti all'estero , avere diritto alle detrazioni per ristrutturazione edilizia? (circa 2000 euro...)
    Grazie ancora
     
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La tassazione ordinaria dei canoni di locazione immobiliare ha solo un abbattimento del 5 % (prima era 15%)portando l'imponibile al 95 %.
    Pertanto un canone annuo di 9000 Euro sconterà una IRPEF di
    9000x0.95x.23= Euro 1.966,50 a cui bisogna sommare le addizionali
    Retgionale : 1,23 % = Euro 105,17
    Comunale : entro soglia esenzione " zero Euro.
    Totale IRPEF + addizionali " = 2.071,67 Euro.
    Cedolare Secca
    Imponibile Euro 9.000 x 21% = 1.890,00 Euro
    N.B. Bisognerebbe verificare se è possibile stipulare un Contratto a canone concordato (tassato al 10 %) e quale risultato ne scaturisce.
    N.B.
    la scelta tra i 2 tipo differenti di tassazione dipende inoltre dalla presenza o meno di detrazioni fiscali per oneri vari (es. spese mediche, interessi su mutui, assicurazioni, etc) che possono rendere molto più conveniente la tassazione ordinaria rispetto alla cedolare secca.

    Certamente!
     
  5. carlat47

    carlat47 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Finalmente un attimo di tempo per rispondere..... grazie mille , mi ha tolto tutti i dubbi!
     
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    :stretta_di_mano::fiore:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina