1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Domingo

    Domingo Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Gentili Esperti, vorrei applicare la cedolare secca per l'affitto di un appartamento, d'accordo con l'inquilino, vorremo fissare il canone a 10 mila Euro per il primo anno, per il secondo anno a 12 mila e dal terzo in avanti, fino alla fine, di 14 mila.
    Secondo voi è possibile stipulare un contratto indicando i periodi esatti dei canoni annui ?
    Grazie
     
  2. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
  3. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Con la cedolare secca il canone rimane invariato. Saluti.
     
  4. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    D. E' possibile stipulare un contratto di locazione uso abitativo con canone crescente?
    ----R. Inquadramento normativo: Legge 392/1978 e Legge 431/1998 art. 1571 e ss. c.c. La risposta al quesito è negativa: la ratio delle norme che disciplinano la locazione ad uso abitativo, a partire dalla c.d. Legge sull'Equo Canone (Legge 392/78) è volta alla tutela della parte ritenuta debole del contratto, cioè il conduttore, a favore del quale predispone una serie di limiti e divieti tra i quali quello, appunto, di variazioni in aumento del canone. L'unica eccezione risulta essere l'aggiornamento del canone previsto in sede contrattuale dalle parti, il quale, però, è ricondotto solitamente all'indice di inflazione determinato dall'ISTAT per i beni di consumo in relazione alle famiglie di operai ed impiegati (c.d. indice FOI), anche se le parti potrebbero stipulare un accordo di locazione ove dedurre un indice di riferimento, per l'aggiornamento del canone, diverso dall'indice ISTAT e dalle medesime compiutamente indicato. Il limite ultimo dell'aggiornamento del canone per mutuo consenso rimane comunque l'equilibrio contrattuale: i canoni aggiornati non devono determinare una situazione economica di maggior favore per il locatore e, ove sorgano contestazioni, spetterà al Giudice apprezzare le condizioni delle parti in relazione alle variazioni concordate e valutare la sussistenza di una sproporzione. L'aggiornamento annuale va sempre espressamente previsto nel contratto: in difetto, il locatore non potrà vantare il diritto a percepire il canone aggiornato ed esso rimarrà fisso ed invariabile per l'intera durata del contratto. Se invece l'aggiornamento, di cui alla clausola contrattuale, deve essere richiesto ad istanza del locatore, detta richiesta può esplicitarsi anche soltanto in fatti concludenti, cioè verbalmente.

    Inquadramento giurisprudenziale: la giurisprudenza è unanime nell'affermare che, nelle locazioni abitative, il canone non può subire variazioni in aumento durante l'esecuzione del rapporto contrattuale (v. sentt. Cassaz. 15 settembre 2008, n. 23677). Circa la necessità di prevedere l'aggiornamento annuale su base ISTAT o altro nonché sulla possibilità di richiesta per fatti concludenti, v. sentenza Cassaz. 12 ottobre 2002, n. 14655.
    Conclusioni: non è possibile stipulare un contratto di locazione ad uso abitativo prevedendo, sin dall'inizio, che, ad esempio, per le prime quattro annualità, il canone avrà un importo e per il prosieguo del rapporto detto importo sarà aumentato in misura prefissata o comunque stabilire in modo apodittico e senza giustificazione alcuna che si potrà procedere ad aumentare il canone durante il contratto. E' invece possibile pattuire sia l'aggiornamento del canone in base agli indici ISTAT, fino al 100% degli stessi cioè aumentando il canone dell'intera quota percentuale risultante dalle elaborazioni statistiche sia prevedere un diverso indice di aggiornamento.
    CARPINETI CUSMAI STUDIO LEGALE
    Via Ombrone, 14 00198 Roma
    Tel. +39 06 8537601 Fax +39 06 85376043
    ************** http://www.slclaw.it/
     
  5. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    apposta avevo linkato la precedente discussione (per evitare ripetizioni) :) :ok: http://www.propit.it/threads/contratto-4-4-con-sconto-e-opzione-cedolare.27575/page-2
     
  6. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma allora, essendoci aumenti annui del canone, è cedolare grassa. Secondo me non si può fare.
     
  7. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ma dove li andate a trovare conduttori che pagano ste cifre ?????
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina