1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. marco mic

    marco mic Nuovo Iscritto

    Salve, sto pensando di affittare una stanza nell'appartamento dove sono residente. Chiedo aiuto per sapere se è possibile affittare la stanza con contratto transitorio ed applicando la Cedolare Secca.Vorrei inoltre utilizzare Siria per la registrazione, sapete se è possibile indicare che si sta affittando una stanza anzichè tutto l'appartamento? Con una simulazione non mi sembra di aver trovato questa possibilità e non vorrei perdere la residenza dichiarando che affitto tutto l'appartamento mentre in realtà ne cedo una sola.
    Grazie
    Marco
     
  2. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Questo argomento è stato già oggetto di dibattito in questo forum.
    http://www.propit.it/f74/affitto-stanza-studenti-cedolare-secca-11740/
    Comunque puoi senz'altro farlo, visto che affittare la stanza con contratto ad uso transitorio è una facoltà prevista, indicare nel modello Siria che si tratta di affitto "Parziale" (casella Totale/Parziale) e quindi optare per la cedolare secca.
     
  3. marco mic

    marco mic Nuovo Iscritto

    Grazie. Un ulteriore chiarimento, so che il contratto transitorio può essere utilizzato solo in determinate condizioni. Nel mio caso si tratta di un collega residente in altra provincia ma che lavora stabilmente a Roma. Devo produrre qualche documentazione che giustifica la transitorietà dell'esigenza?
    MArco
     
  4. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il contratto transitorio per uso lavorativo fuori della città di residenza è ammesso, citando sul contratto, ad esempio, il nome della ditta presso cui il conduttore lavora e tenendo allegata al ocntratto la sua lettera di assunzione.
    Il problema è proprio la transitorietà. Infatti, se nel contratto scrivete al punto "Esigenze del conduttore" che egli deve svolgere attività lavorativa a Roma presso la ditta ... per un periodo non superiore ai ... mesi (fino a 18), voi vi impegnate per questo periodo. In teoria l'esigenza della transitorietà dovrebbe anche esserti riconfermata per iscritto, tramite raccomandata, dall'inquilino prima della fine della locazione.
    Se dopo i TOT mesi il tuo amico si ferma ancora a Roma, in teoria dovreste tramutare il contratto in un normale contratto di locazione "libero" con durata minima di 4 + 4 anni.
    Ovvio che se non lo fate e stipulate un nuovo contratto per uso transitorio (quello di prima non si può prorogare) di altri TOT mesi, il fisco non viene di certo ad indagare sulle motivazioni ed è sufficiente che lo registriate come il primo... e così via.
    L'unico che potrebbe creare dei problemi è proprio l'inquilino, il quale per sua convenienza (maggiore tutela dei suoi diritti di mantenere l'affitto dei locali, limiti precisi all'adeguamento del canone ecc...) potrebbe richiedere la trasformazione del contratto ad uso transitorio in contratto "normale".
    Però se entrambi avete la volontà di mantenere questo tipo di contratto e non vi sono discordanze sull'importo del canone ecc., il ripetere ad ogni scadenza un nuovo contratto ad uso transitorio, con regolare registrazione, è pienamente fattibile senza alcun problema con il fisco.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina