1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    1) dal 2011 è facoltativo aderire alla "cedolare secca" sia per nuovi contratti, sia per contratti già in essere. Tale norma vale ESCLUSIVAMENTE per contratti AD USO ABITATIVO PRIVATO e pertinenze collegate e locate congiuntamente.
    2) aderendo, non sono dovute le tasse di bollo e di I° registrazione, di successive proroghe e di risoluzione.
    3) La cedolare secca del 21% o (19% in Comuni ad alta tensione abitativa), deve essere versata entro il termine stabilito dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.
    4) ATTENZIONE! Se nella dichiarazione dei redditi il canone derivante da locazione d'immobile ad uso abitativo non viene indicato o indicato in maniera inferiore si applicano penali RADDOPPIATE da 200 al 400% dell'imposta non versata.
    5) ATTENZIONE! Chi avesse malauguratamente affittato in "nero" sappia che l'inquilino ha facoltà di registrare il contratto effettivo, la durata scatta dalla data di effettiva registrazione, con diritto automatico di rinnovo per altri quattro anni, con determinazione del canone alla misura del triplo della rendita catastale OVVERO 1/3 di un canone di mercato.
    6) Chi opta per la cedolare secca non potrà adeguare il canone con gli aggiornamenti ISTAT.

    Si evince, per lo scrivente, che il quadro di riferimento legislativo, è un duro colpo alle affittanze in "nero" e quindi un valido mezzo di emersione dell'evasione.
    Di seguito la tebella per facilitare le valutazioni di convenienza:
    REDDITO IMPONIBILE ALIQUOTA
    fino a 15.000 € 23%
    da 15.001 a 28.000 € 27%
    da 28.001 a 55.000 € 38%
    da 55.001 a 75.000 € 41%
    oltre 75.000 € 43%

    A voi l'attenta valutazione.
     
    A chiariglione, mef, ansenise e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  2. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Grazie Adriano pr il memorandum.:applauso:

    Vista la tua preparazione ti chiedo:
    gli affitti temporanei ad uso turistico a tuo parere rientrano nella nuova normativa della cedolare secca??
     
  3. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Per i contratti per i quali non c’è l’obbligo di registrazione in termine fisso (locazioni “brevi”), il locatore può applicare la cedolare secca direttamente nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta nel quale è prodotto il reddito oppure esercitare l’opzione in sede di registrazione in caso d’uso o di registrazione volontaria del contratto.
    Se, in sede di registrazione, il locatore non effettua l’opzione nella prima annualità del contratto può comunque esercitarla per le annualità successive utilizzando il modello 69 entro il termine per il versamento dell’imposta di registro. L’opzione va esercitata nello stesso modo in caso di proroga, anche tacita, del contratto di locazione
    Vedi lettera I di :
    http://www.propit.it/f74/cedolare-secca-locazioni-istruzioni-l-uso-10871/
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    per applicare la cedolare secca le due parti devono essere persone fisiche!
     
    A maidealista piace questo elemento.
  5. Gigio16

    Gigio16 Nuovo Iscritto

    Mi risulta che la cedolare secca è applicabile anche se il Conduttore è società che prende l'immobile come abitazione.
    Sbaglio?
     
  6. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    NO! solo per locazioni abitative i cui contraenti siano AMBEDUE soggetti privati.
    Io trovo scritto questo.
     
  7. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ho trovato :
    Contribuenti interessati
    Possono optare per il regime della cedolare secca le persone fisiche titolari del diritto di proprietà o del diritto reale di godimento (per esempio, usufrutto) su unità immobiliari abitative locate.
    L’opzione non può essere effettuata nell’esercizio di attività di impresa o di arti e professioni.
    Non possono aderire al nuovo regime le società e gli enti non commerciali
    +
    Requisiti degli immobili per esercitare l'opzione
    L’opzione può essere esercitata in relazione alle unità immobiliare a uso abitativo e alle relative pertinenze locate insieme all’abitazione.
    Sono interessate, quindi, soltanto:
    · le unità abitative accatastate nelle categorie da A1 a A11 esclusa l’A10 (uffici o studi privati)
    · le relative pertinenze (solo se locate insieme all’abitazione).
    La nuova tassazione sostitutiva non si applica per gli immobili strumentali o relativi all’attività di impresa o di arti e professioni.
    Vedi lettere B e C di :
    http://www.propit.it/f74/cedolare-secca-locazioni-istruzioni-l-uso-10871/
     
  8. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il comma 6 parla di esercizio d'impresa ma non è chiaro se si riferisca ad ambedue. Sicuramente al Locatore, che deve essere una persona fisica, ma il conduttore? Non vi è la certezza ma un'interpretazione.
    Si dovrebbe richiedere un parere scritto dell'Ade. Chi fa da cavia?:sorrisone:
     
  9. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
  10. Gigio16

    Gigio16 Nuovo Iscritto

    Per quanto riguarda il Locatore, DEVE essere persona fisica, ma io parlavo di società nella veste di Conduttore (inquilino) che prende l'appartamento come ABITAZIONE. So che può essere strano ma, in una trasmissione radiofonica che va in onda tutti i giorni dalle 12.15 alle 13.00 (non so se posso fare il nome), affrontando l'argomento mi sembra abbiano detto proprio questo.
     
  11. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Escludo che una società possa prendere in locazione a uso abitativo e il locatore decida di optare per la cedolare secca.
     
  12. onesense

    onesense Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Io invece ritengo di si.
    Il classico caso della banca che prende il locazione un appartamento per il direttore di un'agenzia.
     
  13. Gigio16

    Gigio16 Nuovo Iscritto

    OTTIMO ESEMPIO. E ce ne sarebbero molti altri. Chi dà conferma su questo aspetto?
     
  14. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    L'abitudine.... qualche anno addietro, era la locazione ad uso foresteria per evitare l'applicazione della 392/78 (Equo Canone).
    Poi, il più delle volte i locatori ne uscivano regolarmente bastonati.
    Ora, si tratterebbe di un uso effettivo per quei fini.
    Quindi, la conferma esiste, dipende da una valutazione dell'Agenzia delle Entrate farla rientrare nella applicazione della cedolare.
     
  15. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Cito da risposta del Sole24ore a domanda specifica

    Contratto uso foresteria

    Un contratto ad uso foresteria (privato che affitta a società immobile A/3 ad uso abitativo per i dipendenti) è ammesso al regime della cedolare secca?

    Inviata il 19 aprile 2011 alle ore 11.18
    La risposta dell'esperto

    Il provvedimento del direttore delle Entrate del 7 aprile 2011 non lo afferma espressamente, ma non detta requisiti restrittivi per il locatario: quindi, nel caso di specie l'opzione è esercitabile per i redditi da locazione percepiti nel 2011 direttamente in sede di dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta 2011 (presentata nel 2012). Sul punto, comunque, è opportuna una presa di posizione ufficiale delle Entrate.

    Inviata il 19 aprile 2011 alle ore 14.14

     
    A Gigio16 e Adriano Giacomelli piace questo messaggio.
  16. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
  17. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Un ulteriore spunto tratto dal Sole24Ore oggi in edicola è il seguente:
    «La cedolare pare invece applicabile alle locazioni effettuate da società semplici: in tal caso, infatti, pur non essendo una persona fisica, la società ne ha le medesime caratteristiche (soggetto IRPEF), non svolge attività commerciale ed il reddito è giuridicamente qualificato come «reddito da fabbricati» imputato direttamente ai soci, in base alle quote di partecipazione alla società.
    Fa propendere per questa conclusione anche il precedente della detrazion e del 36% per le spese di ristrutturazione edilizia: per le circolari 57/E e 121/E del 1998, il bonus è applicabile alle case (anche locate) possedute da società di persone, purché non siano né beni merce, né immobili strumentali. E questo è tipicamente ciò che accade con le società semplici
    »

    Il testo riportato è estratto da un articolo a firma del Direttore Fiscalità edilizia dell'Ance.
     
    A Adriano Giacomelli e Tapinaz piace questo messaggio.
  18. Clematide

    Clematide Membro Attivo

    Si attende circolare del'AdE in proposito.
     
  19. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'art. 3 comma 11 del Dlgs 14-03-2011 n. 23 dice, in una forma di Italiano un po' incerta: :???:
    "Nel caso in cui il locatore opti per l'applicazione della cedolare secca e' sospesa, per un periodo
    corrispondente alla durata dell'opzione, la facolta' di chiedere l'aggiornamento del canone, anche se prevista nel
    contratto a qualsiasi titolo, inclusa la variazione accertata dall'ISTAT dell'indice nazionale dei prezzi al consumo per
    le famiglie di operai e impiegati verificatasi nell'anno precedente. L'opzione non ha effetto se di essa il locatore non
    ha dato preventiva comunicazione al conduttore con lettera raccomandata, con la quale rinuncia ad esercitare la
    facolta' di chiedere l'aggiornamento del canone a qualsiasi titolo. Le disposizioni di cui al presente comma sono
    inderogabili."
    Orbene, nei contratti ad uso transitorio (es. 6 o 12 mesi) per i quali vige l'obbligo della registrazione e per i quali non sono previste possibilità di aggiornamento del canone, a nessun titolo, perché mai devo inviare la raccomandata al conduttore pena la non applicabilità del regime della cedolare secca ?
    Qualche "genio" all'Agenzia ce lo spiegherà prima o poi ?
    Altro dilemma...
    Se io stipulo un contratto di locazione ad uso transitorio di un anno, nel quale inserisco apposita clausola di rinuncia ad ogni adeguamento del canone per applicare il regime della C.S.... e lo registro.... ha minor effetto giuridico di una raccomandata ?
    Anche questo qualche esperto "giuridico" dell'Agenzia ce lo dovrebbe spiegare. :fico:

    Aggiunto dopo 3 minuti :

    Avete provato ?

    È stato raggiunto il numero massimo di mail ricevibili.
    La preghiamo di riprovare nei prossimi giorni o di contattare il CAM attraverso gli altri canali di informazione e assistenza (Call center, SMS)
     
    A onesense piace questo elemento.
  20. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Quando fai il contratto fatti contestualmente firmare per ricevuta una raccomandata a mano in duplice copia (una per te, l'altra per l'inquilino). Ha lo stesso valore legale di quella spedita a mezzo posta ed hai risolto il problema.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina