1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Waltr

    Waltr Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sono comproprietario di due locali commerciali (in realtà uno solo, divisibile) all'interno di un centro commerciale caduto in disgrazia.

    Nel corso degli anni praticamente tutti i locali del centro commerciale, i miei compresi, sono stati trasformati in magazzini e la rendita da locazione è crollata.

    Al catasto però i miei locali risultano ancora in categoria C/1 e la rendita catastale mi pare sproporzionata rispetto al valore dell'immobile e alla rendita da locazione. Questi sono i dati:

    Categoria C/1
    Classe 6
    Consistenza 81mq
    Superficie catastale 80mq
    Rendita 652,60€

    Categoria C/1
    Classe 7
    Consistenza 80mq
    Superficie catastale 76mq
    Rendita 747,83€

    La rendita attuale da locazione è di € 5.132,66 all'anno ma nel 2016 le spese condominiali sono state 1600€ (gli anni precedenti non lo so).

    1) Come posso ottenere l'aggiornamento della rendita catastale?
    2) Devo rivolgermi ad un professionista? Quanto mi potrebbe costare?
    3) Quali sono i tempi per una pratica del genere? I locali fanno parte di un'eredità e vorrei capire se abbiamo tempo di aggiornare i dati prima di presentare la successione.
    4) È possibile calcolare in qualche modo se mi conviene fare l'aggiornamento?
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ti sei già in parte risposto da solo.
    Contatta un professionista sul posto e fatti preventivare i costi.
    Dato che si tratta di libera professione i prezzi possono avere anche notevoli differenze.
    Quanto alla "convenienza"...credo che la matematica si inopinabile e comunque materia che dovresti conoscere.
     
  3. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Rivedere al ribasso una rendita catastale è un'operazione proponibile ,ma che al catasto te l'accettino .......
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se vuoi ridurre la rendita, devi cambiare la categoria da C/1 in C/2, ovvero da locale commerciale in deposito. Ovviamente questa variazione va presentata anche all'ufficio tecnico comunale. Tutti i documenti devono essere redatti da un tecnico iscritto all'ordine professionale e sottoscritti anche dal proprietario.
    Non credo che la denuncia di variazione con fusione possa essere presentata dopo la morte del proprietario che la dovrebbe sottoscrivere.
    Il costo dipende dal professionista e dal mercato locale. Indicativamente, la prestazione professionale potrebbe costare attorno a 2000 € più tassazione.
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    NDR
    Leggasi: "sia".

    Prima che il magister Gianco mi punisca:fico:
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Lungi da me atteggiarmi a magister, anche se nel mio studio sono passati non meno di un centinaio di collaboratori tirocinanti, che, lo dico con orgoglio, diversi sono emersi professionalmente, altri hanno cambiato mestiere.
     
  7. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non credo risponda alla domanda del postante.

    Ho inteso che chieda se sia possibile/realistico/conveniente:
    1) Chiedere il riclassamento da C1 a C2
    2) In caso ottenga quanto sopra, poter fare la denuncia di successione sulla base della nuova categoria e rendita catastale (che se non erro non dovrebbe avere decorrenza retroattiva)

    Ad esempio per l'IMU mi sembra valga la categoria/rendita al 01 gennaio, anche se successivamente sono intervenute variazioni.
    Nel caso di una successione propenderei per ipotizzare che debba essere presa in considerazione la categoria al momento dell'apertura della successione (cioè morte del titolare), non la categoria al momento della presentazione edlla dichiarazione di successione. Vero anche che potrebbe passare, se non si incappa in qualche zelante addetto della Agenzia delle Entrate. Non so se vengono fatti controlli automatizzati.
     
  8. Waltr

    Waltr Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti!
     
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    E' evidente che per cambiare la destinazione deve essere il titolare, proprietario a sottoscrivere la variazione. E se è deceduto......
     
    A basty piace questo elemento.
  10. Waltr

    Waltr Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Una professionista mi ha proposto di presentare la SCIA in sanatoria facendola risalire alla data di stipula dell'ultimo contratto di locazione (2004) in modo che influisca sulla dichiarazione di successione.
     
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Evidentemente non si può dichiarare oggi un intervento facendolo passare per un lavoro eseguito dal de cuius. Sarebbe un falso.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina