1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. mega

    mega Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    a breve dovro' affittare il mio appartamento e mi hanno detto che ci vuole il certificato energetico, cosi', ho chiesto in giro e dato un'occhiata su internet.
    Possibile che chiedano dai 79 euro + IVA fino a 250/300?
    Perche' questa diversita' di prezzi? magari uno non fa cose che l'altro fa?
    e cosa deve riportare esattamente un certificato?
    CONFUSIONE TOTALE!!!!!!!!!!!! AIUTO!!!!!!
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Ci sono certificatori che ti mandano il certificato a casa, senza neanche metterci piede. Diffidare dai prezzi troppo bassi.
    Deve avere tutte le informazioni su come è stato costruito un edificio, sotto il profilo dell'isolamento termico e del consumo energetico.
     
  3. mega

    mega Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ok Jerry ma visto che e' solo una formalita'....tanto per averlo perche' ormai e' previsto per legge, che mi importa se fanno o no il sopralluogo...basta che risparmio no?
     
  4. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ciao, è una pura formalità, il solito balzello e pezzo di carta all'italiana. di solito c'è il sopralluogo di un tecnico a cui servono le notizie storiche e catastali dell'abitazione e degli impianti quindi redige il documento e lo manda al comune (ricordati di farti indicare il numero di protocollo della trasmissione). il tutto con un ottimo sconto sui siti che fanno offerte periodiche.
     
  5. CAFElab

    CAFElab Membro Attivo

    Professionista
    Purtroppo, devo essere d'accordo.
    La certificazione energetica dell'edificio è un argomento molto importante per il benessere e il contenimento dei consumi, invece non la considera seriamente nessuno.
    Non i tecnici che la vendono a 50euro su groupon, non i privati per i quali è solo una fastidiosa incombenza, manco lo stato con il recente ddl Buffoni Destinazione Italia.

    Non riporto tutta la lettera inviata dal Presidente dell'Ordine degli Ingegneri delle province di Barletta – Andria - Trani al Consiglio Nazionale degli Ingegneri, perchè è troppo lunga ma vi invito alla lettura:
    http://www.150k.it/archiprofmenu/57-certificaz-energetiche-segnalazione-ordine-ing-bat.html

    Qualche tempo fa, a un convegno sull'efficienza energetica dell'edificio, uno dei relatori lo ha definito "roba da notai"
    E' troppo sempliciotto, il software sviluppato dal CNR ha persino alcuni valori tabellati sballati, e poi dà la possibilità a gente disonesta di fare un certificato senza neanche un sopralluogo.

    A studio di APE ne facciamo pochi, giusto quelli delle case che ristrutturiamo, ma c'è un bel pò di lavoro dietro
    • va rilevata tutta casa;
    • l'orientamento, quello sulla piantina catastale è quasi sempre sbagliato,
    • gli infissi, colori, materiali e specchiature;
    • i cassonetti, materiali, eventuale isolamento;
    • i muri esterni, altezza materiali, colori, tipologia dell'isolamento ecc
    • ottenere la copia del libretto della caldaia, quando è condominiale, è sempre un problema
    • ecc ecc...
    Già così, anche un tecnico con esperienza può solo stimare la prestazione dell'involucro, andrebbero fatte prove distruttive e termografia, figurarsi chi ti fa l'APE on line, si inventa tutto, anche le date dei 3 sopralluoghi da indicare sul modello che timbra e firma.
    per come la vedo io andrebbero segnalati a ordini e collegi uno per uno
     
  6. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non ho intenti polemici, ma faccio solo una domanda: non mi e’ chiaro a cosa serva effettivamente fare un APE "serio" nel caso di appartamenti che sono ovviamente nella classe peggiore.
    La mia opinione e’ che il proprietario dovrebbe scegliere se fare l’Ape, evidenziando eventuali vantaggi del suo appartamento e di conseguenza la maggiore appetibilità, oppure dichiarare da solo che l’appartamento ha una prestazione energetica minima.
    Cosa serve l’obbligatorietà di fare certificare l’ovvio in questi casi? Mi sembra assurdo pagare un professionista per dichiarare, ad esempio, che un’auto gialla e’ gialla.
    Da qui credo l’interesse per Ape minimali a prezzi stracciati
    Se non ho capito qualcosa, vi prego di chiarirmelo.
    La sensazione molto forte e' effettivamente del balzello per aiutare qualche categoria.
    Grazie a tutti
     
  7. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    a proposito di balzelli, di questi tempi davvero onerosi. aggiungo: revisione caldaia annuale, revisione auto biennale... ve ne vengono in mente altri ? siamo sicuri che non si potrebbero dilazionare i tempi.
     
  8. CAFElab

    CAFElab Membro Attivo

    Professionista
    Capisco i tuoi dubbi,
    però vediamolo al contrario, non ti sembra giusto che chi compra e/o affitta abbia un'idea dell'aspettativa di benessere e delle spese energetiche che andrà ad affrontare?

    E poi per come è fatto il sistema dell'APE, a differenza di certificazioni molto più complesse e serie, (LEED Casaclima ecc) la buona progettazione dell'edificio, come x es finestrature, esposizione e pareti disperdenti è molto importante; una classe E in un edificio datato ti dice che l'edificio è stato progettato bene, così come una classe G per un edificio relativamente nuovo ti dovrebbe mettere in guardia.


    Magari! Io, ripeto ne ho fatte poche, ma:
    ti accordi col cliente, aspetti che trovi la piantina di casa, rilevi tutta casa, fai le foto, apri i cassonetti ecc, chiedi che ti dia il libretto della caldaia, aspetti, (se è condominiale aspetti-aspetti-aspetti) lo richiedi di nuovo, fai i disegni, compili tutto, torni dal cliente a farglielo firmare, lo porti a mano o fai la raccomandata.

    Per 200€ di cui 50% se ne va fra spese e tasse,
    sempre se il tipo non ci ripensa in corsa e se paga.

    Non mi sento aiutato! :D

    Che ti devo dire, magari, ai primi tempi dopo la laure apoteva essere un sistema simpatico per mettere da parte 2 soldi durante la gavetta, ma sono arrivati questi furboni con sito a 50€![DOUBLEPOST=1399455243,1399454999][/DOUBLEPOST]
    Quanti ne vuoi!
    Pos obbligatorio per i professionisti dal 30 giugno
     
    A bolognaprogramme piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina