• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

westy

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buonasera a tutti

vorrei un chiarimento:

sto affrontando due ristrutturazioni edilizie su due immobili diversi:

In uno sto facendo la ristrutturazione di un tetto con copertura a falde con struttura in legno, impiego di isiolante termico, abbassamento della quota di imposta del solaio rendendolo calpestabile e nuovi controsoffitti,
nell'altro il rifacimento di una copertura piana costituente un terrazzo con soletta in cemento armato e piastrelle ed anche qui installazione di isolanti termici

Per queste due operazioni ho deciso di usufruire della cessione del credito di imposta appoggiandomi alle Poste Italiane.
Nelle istruzioni online si parla di immettere la cifra corrispondente all’importo del credito d’imposta che si vuole cedere e non alle spese effettivamente sostenute.
Vorrei sapere come si calcola visto che ci sono lavori che vengono portati in detrazione al 50% e lavori che vengono portati in detrazione al 65%.

Potete farmi un po' di chiarezza?

Approfitto per fare gli auguri di Buona Pasqua a voi e alle vostre famiglie
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Mai fatto i calcoli in %???
Moltiplicare un totale e poi dividerlo per 100 ti risulta incomprensibile???
Allora meglio che desisti con il "fai da te".
Se sei seguito da un "professionista" (commercialista) lascia a lui tale inezia.
 

westy

Membro Attivo
Proprietario Casa
Sì ma quello che dico io è che nel mucchio delle spese per lavori vari ci sono cose da detrarre al 65% e cose al 50%.
Non puoi fare un mucchio unico di pere e mele........
non mi sembra difficile come ragionamento da capire.....
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Se hai un commercialista che si occupa di tutto, non credi sia più semplice farti spiegare il meccanismo? Se il commercialista non lo hai, allora dovresti trovarne uno al più presto
 

westy

Membro Attivo
Proprietario Casa
Sì il commercialista ce l'ho e chiederò sicuramente a lui.
Pensavo che qualcuno di voi avessse già fatto questa esperienza e chiedevo come avesse fatto.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Sì ma quello che dico io è che nel mucchio delle spese per lavori vari ci sono cose da detrarre al 65% e cose al 50%.
Non conosco il "form" di Poste ma se ti chiedono l'importo del Bonus che vuoi cedere è ovvio che devi fare il calcolo...e se con la tua domanda volevi sapere quali cose vadano al 50 e quali al 65 ...allora ti rispondo che hai una richiesta assurda e non puoi pretendere che ci si possa sostituire ad un professionista che ha i tuoi documenti davanti.
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Non conosco il "form" di Poste ma se ti chiedono l'importo del Bonus che vuoi cedere è ovvio che devi fare il calcolo...e se con la tua domanda volevi sapere quali cose vadano al 50 e quali al 65 ...allora ti rispondo che hai una richiesta assurda e non puoi pretendere che ci si possa sostituire ad un professionista che ha i tuoi documenti davanti.
Parole pesanti
 

vitt1

Membro Supporter
Proprietario Casa
Anche se il fornitore/impresa edile é una sola, i lavori al 65 vanno fatturati a parte da quelli del 50 o del 110 o del 95%. A questo punto i calcoli sono banali.
 

paglialunga.giuseppe

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buonasera a tutti

vorrei un chiarimento:

sto affrontando due ristrutturazioni edilizie su due immobili diversi:

In uno sto facendo la ristrutturazione di un tetto con copertura a falde con struttura in legno, impiego di isiolante termico, abbassamento della quota di imposta del solaio rendendolo calpestabile e nuovi controsoffitti,
nell'altro il rifacimento di una copertura piana costituente un terrazzo con soletta in cemento armato e piastrelle ed anche qui installazione di isolanti termici

Per queste due operazioni ho deciso di usufruire della cessione del credito di imposta appoggiandomi alle Poste Italiane.
Nelle istruzioni online si parla di immettere la cifra corrispondente all’importo del credito d’imposta che si vuole cedere e non alle spese effettivamente sostenute.
Vorrei sapere come si calcola visto che ci sono lavori che vengono portati in detrazione al 50% e lavori che vengono portati in detrazione al 65%.

Potete farmi un po' di chiarezza?

Approfitto per fare gli auguri di Buona Pasqua a voi e alle vostre famiglie
Non vorrei sbagliare, ma quando liiiiiquidi un fornitore lo fai con il bonifico parlante che è tracciato dall'Agenzia delle Entrate dove nel cassetto fiscale viene a determinarsi il tuo credito fiscale.
Una volta determinato l'imoprto a credtito dal cassetto fiscale dell'A.E., lo comunichi alle poste che riferendosi all'A.E. ottengono un riscontro positivo dalla corrispondenza di quanto tu gli hai comunicato e quanto l'A.E. ti riconosce come credito.
Una volta che PT riceve il riscontro positivo dall'A.E. nel gir di una settimana (a me hanno detto tre giorni lavorativi) ti accreditano l'importo sul c/c a meno del 12% per la loro intermediazione nel credito (fino a poco tempo fa era il 10,50%).
Comunque chiedi alle PT ed all'A.E. per dettaglio. Tieni conto che sia il bonifico che le fatture devono riportare diciture ben dettaghgliate e corrispondenti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto