• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Oggi è stata pubblicata la Circolare esplicativa 14/E (6 giugno 2020), insieme alla <Risoluzione 32/E che indica il relativo cod. tributo.

Segnalo alla riflessione alcuni punti della circolare.

pag. 13 - Può verificarsi il caso che il credito d'imposta spetti solo per uno dei mesi elencati (marzo-aprile-maggio) in relazione al calo di fatturato mensile rispetto all'anno precedente

pag. 13 -
Ai sensi del comma 5, inoltre, il credito d’imposta previsto dall’articolo 28 è commisurato all’importo versato nel periodo d’imposta 2020 con riferimento a ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio.​
Si precisa che è necessario che il canone sia stato corrisposto per poter fruire del credito. Nel caso in cui il canone non sia stato corrisposto la possibilità di utilizzare il credito d’imposta resta sospesa fino al momento del pagamento.​
Si pensi ad esempio, al caso in cui il canone relativo al mese di aprile sia stato pagato a maggio; in tale ipotesi, il credito – fermi restando gli ulteriori requisiti – risulta fruibile successivamente al pagamento.​

pag. 14 -
Inoltre, nelle ipotesi in cui in considerazione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 si verifichi una modifica ai contratti in essere con l’effetto di ridurre l’ammontare dei canoni da corrispondere (si pensi, ad esempio, alle previsione di cui all’articolo 216 del Decreto rilancio relativa ai conduttore di impianti sportivi), ai fini della determinazione del credito d’imposta canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda è necessario considerare le somme effettivamente versate.​
Diversamente, nelle ipotesi in cui il pagamento non è ancora avvenuto non sarà possibile fruire in via anticipata del credito; resta ferma tuttavia la possibilità di cedere il credito d’ imposta al locatore a titolo di pagamento del canone. Al riguardo, si precisa che in tale ipotesi il versamento del canone è da considerarsi avvenuto contestualmente al momento di efficacia della cessione. In altri termini, considerata la finalità della norma di ridurre l’onere che grava in capo al locatario, è possibile fruire del credito qui in esame attraverso la cessione dello stesso al locatore o conducente del credito di imposta, fermo restando che in tal caso deve intervenire il pagamento della differenza tra il canone dovuto ed il credito di imposta.​

pag. 15

Per quanto concerne l’utilizzo diretto da parte dei soggetti che possiedono i requisiti ........... si precisa che la compensazione mediante modello F24 deve avvenire, come espressamente indicato dalla norma, successivamente al pagamento dei canoni agevolabili.​

Al fine di consentire l'utilizzo in compensazione del credito d'imposta di cui trattasi, tramite modello F24 da presentare esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate,​
In relazione all’utilizzo del credito in dichiarazione dei redditi occorre fare riferimento alla dichiarazione relativa al periodo d’imposta in cui la spesa per il canone è stata sostenuta. Inoltre,........... per utilizzare il credito nella predetta dichiarazione dei redditi, è necessario che risulti pagato nel 2020.​
Cessione del Credito

Non ho letto nulla riguardo all'obbligo del locatore di accettare la cessione del credito

In particolare:

pag.16
Ai sensi del comma 5 dell’articolo 122 del Decreto rilancio, con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate saranno definite le modalità attuative delle disposizioni relative alla cessione dei crediti d’imposta riconosciuti da provvedimenti emanati per fronteggiare l’emergenza da COVID19 comprese quelle relative al credito d’imposta in esame.​

pag. 17

In relazione al cessionario, la quota di credito non utilizzata nell’anno non può essere utilizzata negli anni successivi e non può essere richiesta a rimborso. In tali casi, il credito non utilizzato può essere oggetto di ulteriore cessione solo nell’anno stesso.​
In relazione al cessionario, invece, qualora il valore nominale del credito ceduto sia maggiore rispetto al corrispettivo pattuito con il cedente, emerge una sopravvenienza attiva che concorre alla formazione del reddito e del valore della produzione netta secondo le ordinarie modalità.​
(Questa non l'ho capita: come può il valore nominale del credito essere maggiore rispetto al corrispettivo pattuito?) (salvo erronea valutazione della misura).​






 

Allegati

Ultima modifica:

Tapinaz

Membro Attivo
Proprietario Casa
Mi pare di capire che se il conduttore non ha ancora pagato il canone di marzo, aprile e maggio potrà cedere il 60% degli stessi al locatore in modalità di credito d'imposta.
Il locatore come scontera' il credito? Potrà già farlo dagli acconti IRPEF di giugno o, eventualmente, da quelli di fine novembre?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Io invece ho capito che potrebbe cedere il credito solo se dimostra di aver pagato la residua quota del 40%.

è possibile fruire del credito qui in esame attraverso la cessione dello stesso al locatore o conducente del credito di imposta, fermo restando che in tal caso deve intervenire il pagamento della differenza tra il canone dovuto ed il credito di imposta.
Riguardo al quando per il cessionario:
- nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta nel corso del quale il credito è stato ceduto. (Io capisco quindi non prima della dichiarazione del 2021)
- in compensazione su F24 ex art 17 Dlgs 241/97 (e qui non so cosa reciti il decreto: da verificare se Occorra un benestare)
 

Cio

Membro Attivo
Confermo che per la dichiarazione IRPEF bisogna aspettare il 2021, il testo è chiaro sul punto....quali sono invece le compensazioni ex art 17 Dlgs 241\97 ?
 

Cio

Membro Attivo
sensi del comma 5 dell’articolo 122 del Decreto rilancio, con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate saranno definite le modalità attuative delle disposizioni relative alla cessione dei crediti d’imposta riconosciuti da provvedimenti emanati per fronteggiare l’emergenza da COVID19 comprese quelle relative al credito d’imposta in esame.

Quindi circolare e risoluzione dovranno essere integrati da un provvedimento che finalmente ci dara' contezza se sarà necessaria una qualche formalità burocratica tra locatario cedente e locatore cessionario per il trasferimento del credito d'imposta ?!
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Quello che non è stato esplicitato (Mi pare) è da quando Si possa iniziare a compensare, specie se il credito è ceduto (o verrà ceduto, note le disposizioni attuative)
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, ho una questione da porvi per chi mi può aiutare : nel condominio, l'impianto citofonico è stato sostituito da un cellulare. Tutte le comunicazioni dei portieri arrivano o tramite WhatsApp o per chiamata vocale. A questo punto, bisogna comunque versare indennità per conduzione di citofono o no? Grazie anticipatamente
perchè non ricevo più propit.it la mattina da almeno 10 giorni? , cosa è successo al mio collegamento? non so a chi rivolgermi , ho provato a reiscrivermi ma , poichè già lo sono , mi hanno risposto che non è possibile, chiedo al gestore del gruppo di ripristinarmi nei collegamenti che avevo prima con propit.it.
Alto