1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Daniela Cond

    Daniela Cond Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti,
    dovendo fare una cessione per decesso (proprietario da padre a figlio) avvenuto alla fine di settembre, con un contratto di locazione in C.S., mi è stato detto che essendo passati 30 gg dalla morte del proprietario che usufruiva della C.S. devo pagare una sanzione di € 258,00.
    Se invece il contratto fosse stato in regime normale, potevo tranquillamente fare la cessione senza pagare nessuna sanzione.
    Oppure dovrei fare una dichiarazione che alla scadenza dell'annualità si rinuncia alla C.S. e così potrei fare la cessione senza pagare nulla.
    Altra ipotesi mi hanno consigliato di chiudere il contratto per riaprirlo nuovo.
    Ma se chiudo il contratto a settembre e lo riapro nuovo e gennaio, mi restano scoperti 3 mesi!
    L'intenzione sarebbe di continuare con il regime di C.S.
    Qualcuno mi sa dire qualcosa in merito?
    Grazie!
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non c'è nessuna "cessione" da fare!
    La morte del locatore comporta solamente la modificazione soggettiva del rapporto di locazione. Gli eredi subentrano automaticamente nel rapporto che nasce dal contratto di locazione, senza soluzione dello stesso e nell'identica posizione che aveva il contraente originario.
    L’opzione per la cedolare secca esercitata dal dante causa in ipotesi di trasferimento mortis causa (o per atto tra vivi) di un immobile locato cessa di avere efficacia con il trasferimento stesso per quanto riguarda l’imposta sul reddito, mentre continua ad avere effetto fino al termine dell’annualità contrattuale per l’imposta di registro e di bollo. Per queste ultime, infatti, vale la sussistenza del presupposto di applicazione della cedolare secca al momento della registrazione del contratto, della proroga o del versamento dell’imposta per le annualità successive, prima del trasferimento dell’immobile.
     
  3. Daniela Cond

    Daniela Cond Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie per la tua risposta chiara e precisa.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina