1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    Mi allaccio alla interessante discussione precedente sui diritti d'autore, citazioni ecc.
    Tempo addietro è apparsa la notizia che si voleva imporre ai blog il "direttore responsabile"
    fu subito presa come il tentativo dell'ordine dei giornalisti e degli editori di giornali di tarpare le ali alla libera informazione che si stà sempre più affermando su internet. La domanda quindi è questa: che cosa giuridicamente si intende per blog? quando un blog non è più tale e diventa un giornale con obbligo di un direttore responsabile? Propit ad esempio è un blog o come si può definire? grazie
     
  2. Stefano Mariano

    Stefano Mariano Membro dello Staff

    Un blog può essere considerato un luogo, reale o telematico, dove chiunque può esprimere le proprie idee/informazioni senza che vi sia una preventiva verifica sulla provenienza e riscontro di veridicità di quanto scritto. Tale condizione si determina spesso su numerosi siti disponibili sul web. Diversa è la figura dei giornali, siano essi pubblicati a mezzo stampa, via etere (Radio e TV), o pubblicati su siti internet; questi strumenti informativi raccolgono una selezione (operata da un giornalista Direttore Responsabile, che appunto ne risponde civilmente e penalmente) delle informazioni che ritiene interessanti per l'utente al quale si rivolge (o pensa di rivolgersi, esistono molti tipi diversi di utenti/fruitori). Vale la pena ricordare poi che tutte le informazioni/notizie (i due termini non sono sinonimi ma per brevità qui se ne omettono le differenze) devono essere necessariamente preventivamente verificate nella loro veridicità e che la loro divulgazione, attraverso qualsiasi mezzo, non sia contraria alle norme civili e penali vigenti (a titolo di mero esempio non esaustivo: Carta Costituzionale, L.69/'63, istitutiva Ordine dei Giornalisti, Carta di Treviso (per la tutela dei minori), D.Lgs 196/2003 e precedente legge 675/96 (legge sulla Privacy), ecc.).
    Stefano Mariano
     
  3. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    Quindi, se capisco bene, faccio un esempio : la notizia falsa che appare su un blog rimane nella responsabilità dell'autore, chiunque esso sia oppure neanche su di lui?. In un giornale invece la responsabilità ricade sul direttore oltre che sull'autore?
     
  4. Il Custode Guardiano

    Il Custode Guardiano Custode del Forum Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    C'è molta confusione intorno a questa questione e molta parte di questa confusione è ingenerata proprio da coloro che fanno l'informazione "professionale".

    Cominciamo a distinguere gli argomenti:

    I Blog sono dei "diari" personali nei quali l'autore (che in realtà è una sorta di editore amatoriale) scrive articoli di proprio pugno e ai quali il pubblico di internet può rispondere. Quindi c'è uno che scrive e molti che rispondono.

    I forum (termine volgare per definire le Bulletin Board System) sono "bacheche" dove ognuno può scrivere quello che gli pare. Quindi non c'è nessun autore/editore amatoriale, ma si è tutti autori/editori contemporaneamente. Ed è il caso di propit

    Poi ci sono le testate che tutti conosciamo dove l'editore crea e determina i contenuti.

    La questione sollevata dall'ordine dei giornalisti in merito alla protesta contro i blog viene da lontano sul web. La lamentela (secondo me legittima per molti versi) dei giornalisti si fonda sull'abitudine di molti blogger nel "rielaborare" le notizie edite dalla stampa ufficiale per essere ripresentate come articoli veri e proprio andando di fatto a "coprire" buona parte della stampa nazionale.

    Facciamo un'ipotesi: Io che sono bravino a scrivere, decido di occupare la mia giornata comprando un quotidiano nazionale e per tutto il giorno, tutti i giorni, rielaborare i loro articoli ripresentandoli nel mio blog. Il tutto senza sottostare a nessuna regola o controllo.

    Attenzione: Il problema NON è quello delle responsabilità. Frega niente a nessuno delle responsabilità in quanto chiiunque è responsabile. Nei giornali è il Direttore Responsabile, nei blog e nei forum è l'autore dello scritto. Non cambia niente. Il problema è la difesa degli organi di stampa (vedi polemica "mondo contro Google News").

    Se il cittadino trova le stesse notizie gratis, ovviamente non compra il giornale. Questo è il punto. Il resto sono scuse e mezzucci per eliminare quella parte di blogger (i forum sono fuori dalla polemica) che non tengono dei diari, ma dei giornali veri e propri.

    Dal punto di vista dei giornalisti si dovrebbero fare delle domande: Se uno che non ha nessuna formazione nel settore fa più lettori di loro mi sembra già indicativo della qualità dei giornali.
    Dal punto di vista dei blogger più o meno in malafede, c'è da difendere la libertà di espressione (quella vera, non quella vantata dal TG1 che fa ridere).

    Ad ogni modo al momento - ripeto - il problema della responsabilità civile e penale è stato risolto con l'ultima legge che prevede sempre un responsabile. Gli organi - diciamo - di "non stampa" sono obbligati a rimuovere i contenuti che eventualmente gli venissero segnalati dall'autorità giudiziaria, se non ricordo male, senza sanzioni o pene di sorta. Solo la rimozione.

    Se a questo aggiungiamo che le ultime stime danno per centinaia di migliaia i blog in Italia, il resto si commenta da se. Un fenomeno enorme e inarrestabile se non con una "legge tagliola" che al momento non è mai passata (e speriamo mai passerà in quanto si tratterebbe di censura di regime bella e buona).

    Certo, è comprensibile la preoccupazione degli editori che da quando esiste internet stanno subendo un decremento allarmante dei lettori. Ma - ripeto - la soluzione per loro va cercata proprio nello sfruttamento di questo nuovo media e non certo nella brutale e sistematica repressione dei blogger.

    Altro discorso riguarda gli "aggregatori" come Google News.
    Gli aggregatori sono siti che raccolgono le notizie dai siti principali e le presentano ai lettori in modo più o meno organizzato. Per farvi un'idea potete andare su Google News
    Su GN troviamo una rassegna stampa di tutti i giornali online del mondo. Ovvero il più bel giornale oggi disponibile. Gratis.

    Ci sono centinaia di aggregatori in Italia un po' per ogni settore... e spesso si confondono per la fonte originale. E' questo si che è un problema.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina