1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Un mio conoscente dovendo fare il 730, si è presentato dal suo solito patronato per la compilazione dello stesso, con una detrazione del 50% per sostituzione ascensore, avendo lui pagato con bonifici tutto il 100%, la casa è cointestata con il coniuge, un patronato non lo ha accettato la compilazione, un secondo patronato si, chi dei 2 è stato corretto? ciao
     
  2. Giuseppe1975

    Giuseppe1975 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    A mio giudizio la detrazione ti spetta, se hai ottemperato a tutti gli obblighi previsti dalla normativa, non ho avuto modo di verificare se la mera sostituzione dell'ascensore rientra nelle spese ammissibili.......
    Ciao
     
  3. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Che cosa ha detto il patronato che NON ha accettato la compilazione?
    L'ascensore rientra tra le spese ammesse al rimborso.
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    non ha accettato, che il rimborso sia tutto ha carico del coniuge che ha effettuato i bonifici, ed è l'unico che fa il 730
     
  5. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    se la moglie è fiscalmente a carico del marito e lui ha fatto col suo nome i bonifici per la spesa sostenuta a lui spetta la detrazione al 100 per cento: per essere considerata fiscalmente a carico la moglie deve avere un reddito complessivo inferiore a euro 2840,51 al netto degli oneri deducibili
     
  6. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    è quello che ha fatto il secondo patronato, del modello 730, ma il primo patronato che non ha accettato la compilazione, come aveva interpretato le norme? alla faccia della professionalità ciao
     
  7. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ..essenziale è che la moglie sia fiscalmente a carico... se così non è ha ragione il primo patronato: se per caso la moglie ha solo redditi da fabbricati o altri tipi di redditi per i quali non può fare il 730 ma che superano i 2840,51 euro purtroppo il coniuge si dovrebbe detrarre solo il 50 per cento delle spese sostenute
     
  8. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Allora è da prendere come riferimento,
    prendendo in considerazione PERSONE FISICHE 2012:
    1) il REDDITO COMPLESSIVO (RN1),
    oppure
    2) il REDDITO IMPONIBILE (RN4) (RN4 = RN1 - RN2 - RN3)
    oppure qualche altra voce, visto che Lei ha citato
    gli Oneri deducibili (RN3)
    e non
    la Deduzione per abitazione principale (RN2) ?
    Scusate l'apparente pignoleria!
    Grazie mille.
     
  9. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ...ho solo semplificato al massimo la questione...solo per indicare per quale motivo il primo patronato non ha voluto procedere ad indicare il 100 per 100 delle spese,
     
  10. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ti ringrazio, ma non mi hai risposto. Basta poco, credimi, per passare da 'a carico' a 'non a carico', oggi che il computer fa i conteggi al centesimo senza guardare in faccia nessuno!
     
  11. giovannaangela

    giovannaangela Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ..scusa..ma mi pare che tu abbia indicato la compilazione di un Unico... a mio avviso la moglie potrebbe anche non aver dovuto compilare tale modello di dichiarazione... ma avere avuto un CUD per un reddito che non comporta la possibilità di avere delle ritenute fiscali da poter utilizzare per detrarsi degli oneri detraibili o deducibili.
     
  12. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    veramente, secondo l'ade: "Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d’imposta IRPEF pari al 36%.Inoltre, per le prestazioni di servizi relative agli interventi di recupero edilizio, di manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzati sugli immobili a prevalente destinazione abitativa privata, si applica l’aliquota IVA agevolata del 10%." Si intende cioè chi sborsa i soldi. Prima doveva essere il proprietario di casa, oggi anche un parente.
     
  13. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ha diritto alla totale detrazione del 100% il familiare (anche non proprietario o comproprietario dell'immobile) che si assume la spesa per l'intero, non è detto che l'altro proprietario debba essere a carico. Nello specifico se il comproprietario al 50% sostiene le spese al 100% le detrae totalmente anche se il coniuge avesse un reddito di 100 mila euro.
    Se guardate la guida dell'ade puo' detrarsi le spese anche il comodatario e/o il locatario di un immobile ad uso abitativo che sostengono le spese ma non sono certamente proprietari dell'immobile!!!!!!
     
    A arciera piace questo elemento.
  14. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    forte questo forum, eh!?
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  15. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    il primo patronato voleva la modifica del riparto, essendo cointestato con il conigie, il secondo invece tutto ok. se vuoi cito anche i colori degli stessi ciao
     
  16. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Questa facoltà l'ho cercata nel numero 3 del 2008 di "agenzia informa" dell'Agenzia delle Entrate, dal titolo "RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI", ma non l'ho trovata. D'altronde la rateizzazione del rimborso è funzione dell'età che ha il contribuente al 1 gennaio dell'anno dei redditi: 10 rate per chi non ha compiuto 75 anni, 5 per chi ha ne compiuti 75 ma non 80, 3 anni per i restanti. In questo caso ognuno dovrebbe procedere con la sua personale rateizzazione. E' possibile?
     
  17. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Questa facoltà l'ho cercata nel numero 3 del 2008 di "agenzia informa" dell'Agenzia delle Entrate, dal titolo "RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI", ma non l'ho trovata. D'altronde la rateizzazione del rimborso è funzione dell'età che ha il contribuente al 1 gennaio dell'anno dei redditi: 10 rate per chi non ha compiuto 75 anni, 5 per chi ha ne compiuti 75 ma non 80, 3 anni per i restanti. Qualora un comproprietario fosse ultraottantenne e l'altro avesse meno di 75 anni e il primo si accollasse l'intera spesa, potrebbe avere il rimborso spettante in tre rate anche per l'altro 50%. E' ragionevole?
     
  18. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Intanto per le nuove agevolazioni 50/36% non esiste più la ripartizione in base agli anni di chi effettua le spese ma è per tutti 10 anni.
    Se un coniuge comproprietario e non a carico avesse un reddito da dipendente di € 5000 annui, non disporrebbe ne' del denaro per fare la ristrutturazione nè di IRPEF da cui trarre vantaggio per le agevolazioni fiscali. Per questo spesso si valuta di far godere delle agevolazioni fiscali il coniuge che ha il reddito più alto e di conseguenza IRPEF trattenuta (se in busta paga) o da versare (se lavoratore autonomo) più elevata sulla quale rivalersi delle agevolazioni fiscali..........
     
  19. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Stai consultando una guida AdE "d'annata" (del 2008!...)
    C'è l'ultima aggiornata del 2012 http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/wcm/connect/b817df80426dc23e98b59bc065cef0e8/GUIDA+Ristrut_edilizie.pdf?MOD=AJPERES&CACHEID=b817df80426dc23e98b59bc065cef0e8
    dove infatti è riportato che dal 1° gennaio 2012 la detrazione fiscale viene spalmata in 10 anni per TUTTI i contribuenti, a prescindere dall'età anagrafica (non è quindi più possibile questa diversa modalità di ripartizione).
     
  20. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Quella che ho io è d'annata, l'attuale è dannata...
    Beh, guardiamo il bicchiere mezzo pieno, da inguaribili ottimisti: in sede di dichiarazione dei redditi la rata potrà essere calcolata facilmente, basterà spostare verso sinistra di un posto la virgola dell'importo. Quindi un importo di 10.000,00 euro implicherà una rata di 1.000,00 euro...
    Ad ogni modo grazie mille!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina