1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Maria Anna

    Maria Anna Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ho un contratto a canone agevolato per bilocale in palazzina di tre appartamentini dello stesso proprietario,senza condominio e quindi nessun amministratore. Vengo al punto.Quando sono arrivata esisteva un contatore acqua generale e unica bolletta intestata al proprietario(benchè in ogni singola abitazione ci fosse un contatore) e tale bolletta era divisa per numero di abitanti,cosa che è andata bene finchè sono arrivati inquilini che hanno creato problemi,cioè con contratto intestato ad una persona ma subaffittato a 3/4 ,dichiarati ospiti occasionali,parenti ecc.La divisione della bolletta Hera non era+ equa(io abito sola) .Il proprietario decide di passare al contatore singolo(abita anche una sua parente stretta),quindi nuova attivazione presso altra società,con bolletta semestrale e costo A PERDERE dell'attivazione a mio carico.GIUSTO,credo di essere a posto.Invece no.Un'altra famiglia con bimbi piccoli e da non poter mandare via non paga nè affitto nè bollette:shock:k,mi dispiace per il proprietario,il quale deve pagare,non potendosi rivalere,la bolletta dell'acqua di questi signori,perchè la società non può staccare l'acqua a noi inquilini paganti.Il proprietario pensa stavolta di mettere tutti i contatori fuori:giusto,ma chiede stavolta di nuovo ad Hera e ha chiesto a me la delega per la nuova attivazione.DUBBIO:ripassando ad Hera perdo i soldi per l'attivazione dell'altra società(con cui IO stavo bene) e dovrei ripagare un'attivazione o voltura non so(visto che il servizio non si è disattivato)che non ho richiesto io ma il proprietario per non pagare la bolletta dei SUOI inquilini morosi. Il costo per la nuova attivazione/voltura che sia, mi sembra ingiusto che debba pagarlo io(faccio presente che il proprietario è uno che mi fa piovere in testa e non mi manda l'imbianchino a sistemare,canone agevolato al MAX a suo favore, caldaia vecchissima che non sostituisce ...ecc..cioè pensa solo ai suoi interessi).A CHI SPETTA pagare date le circostanze?Ancora non gli ho firmato la delega.Sono 50/80euro+deposito cauzionale..ma perchè li devo pagare io,che già perdo i precedenti 40euro dati all'altro gestore?Non è molto ,ma è una questione di principio.Grazie
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Gravano, di norma, sull’inquilino le spesa relativa all’apertura dei contratti per la fornitura delle utenze medesime con i relativi gestori. In questo caso i contratti saranno intestati al conduttore stesso. La legge 392/78, infatti, all’art. 9 pone interamente a carico del conduttore, salvo patto contrario, le spese relative (…) alla fornitura dell’acqua, dell’energia elettrica, del riscaldamento e del condizionamento dell’aria, allo spurgo dei pozzi neri e delle latrine, nonché alla fornitura di altri servizi comuni (…).

    Comunque io, se fossi al tuo posto, gliene canterei quattro e gli farei rimangiare tutte le lamentele e pretenderei che stavolta pagasse lui.
    Prova!!! E premi, per non farti piovere in testa: è un tuo diritto!!!
    Devi avere il godimento senza problemi della casa, per cui paghi il canone.
     
    A Maria Anna piace questo elemento.
  3. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Vuoi dire che i costi di attivazione non ti sono stati addebitati perché cliente ma se ti dovessi distaccare ti chiedono i soldi che non ti avevano chiesto all'inizio?
    Siccome tutti questi movimenti li decide il proprietario mi sembra giusto che li paghi lui.
    Per Jerry48 è vero che i contratti sono a carico dei conduttori (inquilini) ma non credo che se il proprietario decide di spostare i tubi e la posizione del contatore che queste spese siano a carico dell' inquilino. Potrebbero essere a carico di quest'ultimo solo se fosse lui ad eseguire lo spostamento, naturalmente dopo aver chiesto il benestare al proprietario.
    Anna Maria può dire al proprietario che i lavori e le spese connesse con lo spostamento dei contatori, essendo una esigenza della proprietà possono essere fatti a spese della proprietà medesima. Quindi rimborso delle spese di attivazione del primo nuovo gestore e spese di attivazione con il secondo gestore a carico del proprietario. Così la smette di cambiare continuamente gestore.
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    varrai dire condominio senza amministratore, per il resto ti anno gia risposto, però avere i contatori in proprio può essere meglio e un contributo lo puoi dare parlane con il locatore e qualcosa succederà ciao
     
  5. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Finalmente mi trovo d'accordo con Criscuolo. Non c'è dubbio che lo spostamento grava sulla proprietà essendo una spesa straordinaria di cui godrà per sempre la proprietà. Quindi la signora non deve pagare. Se la caldaia funziona non deve cambiarla, se si tratta di manutenzione ordinaria, ad es. tubi che perdono e che i tecnici che vengono a riparare sanno che è questione di vetustà di cui il conduttore ha goduto, devi fartene carico tu. Per quanto riguarda i danni causati dall'appartamento che ti sovrasta il danno è a suo carico. faglielo presente che non puoi vivere con un appartamento rovinato. E' una questione di decoro. Anch'essa fa testo di legge
     
  6. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Domani...temporalone su Roma.
     
  7. Maria Anna

    Maria Anna Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti per le risposte!In effetti il propriet.non mi attibuisce le spese dello spostamento(muratura,cassetta fuori ecc)dei contatori.Il primo cambiamento di gestore(forse gli costava meno!) andava bene perchè ha reso individuali consumi e letture,attivando i singoli contatori già esistenti all'interno degli appartamenti:è un vantaggio perchè pago quello che consumo,nulla da dire e ho pagato costo di attivazione a fondo perduto.E' il nuovo cambiamento che non mi sta bene,il prop.porta i contatori fuori perchè un inquilino nn paga,giusto,ma è un nuovo gestore ancora e nuova voltura/attivazione che sarà caricata alla prima nuova MIA bolletta.Sì,in effetti glielo farò presente prima di dargli la delega per la richiesta attivazione o quello che è.Quanto al resto a pensarci bene forse è meglio guardarmi intorno e considerare altra situazione abitativa!Grazie a tutti...
     
  8. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Con l'acqua non so, ma per tutte le altre utenze il passaggio e' gratuito, anzi incentivano pure. La scelta mica la può fare lui è addossare le spese su di voi
     
  9. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non si tratta di condominio, il proprietario è uno solo per tutto lo stabile.
    Per costituire un condominio ci devono essere almeno due proprietari. Saluti.
     
    A dolly piace questo elemento.
  10. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Infatti.:ok:
    Vi è condominio nel caso di una comproprietà di parti comuni in capo a proprietari diversi, quindi anche nell’ipotesi di due soli condomini.
    In altre parole, esiste condominio nel momento stesso in cui vi sono almeno due proprietari ed almeno due unità immobiliari distinte ma con parti comuni.
    Nel caso di specie, invece, vi è un unico proprietario.
     
  11. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    e non c'è un con/dominio, come dice la parola stessa
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina