• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

CARMEN1957

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Buongiorno, chiedo per una persona cara: la signora in questione non è sposata ma convive, non ha figli, sta molto bene economicamente ma purtroppo ha grossi problemi di salute. Si sta chiedendo, nella malaugurata ipotesi dovesse mancare, anche facendo testamento a favore dell'attuale compagno, potrebbe entrare nel diritto ereditario, anche il suo padre che è vivente? Lei non vorrebbe lasciare nulla a suo padre, visto che, pur avendola riconosciuta, non si è mai occupato di lei ed è un avanzo di galera.
Ringrazio coloro che sapranno aiutarla.
 

plutarco

Membro Attivo
Proprietario Casa
Dovrebbe stipulare una compravendita con obbligo d'assistenza e mantenimento nei confronti del suo compagno.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Dovrebbe stipulare una compravendita
Probabilmente il patrimonio non è costituito da soli immobili. Senza tenere conto che il contratto sarebbe nullo se mancasse l'alea (in caso di età avanzata della beneficiaria e di sue comprovate gravi e precarie condizioni di salute già dal momento della conclusione del contratto) e vi fosse palese sproporzione tra le reciproche prestazioni (ossia il valore del bene e il valore – presunto – delle prestazioni assistenziali).
 
Ultima modifica:

Ardesiano54

Nuovo Iscritto
Professionista
Buon pomeriggio. Il padre potrebbe rivendicare la quota di legittima, se venisse a sapere dell'apertura della successione.
 

CARMEN1957

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Probabilmente il patrimonio non è costituito da soli immobili. Senza tenere conto che il contratto sarebbe nullo se mancasse l'alea (in caso di età avanzata della beneficiaria e di sue comprovate gravi e precarie condizioni di salute già dal momento della conclusione del contratto) e vi fosse palese sproporzione tra le reciproche prestazioni (ossia il valore del bene e il valore – presunto – delle prestazioni assistenziali).
I beni della signora in questione sono costituiti da un immobile di pregiato valore e di risparmi depositati in un conto postale. Non ho capito bene cosa si intende per contratto di compravendita da stipulare in favore del compagno. Preciso inoltre che la signora è abbastanza giovane, e quindi il padre è ancora in vita.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
L'unica possibilità per far sì che all'attuale compagno sia destinata la sua intera eredità, è che lo sposi. E senza bisogno di fare testamento.
Anche sposandolo, in regime di comunione legale .......i beni in suo possesso sarebbero antecedenti al matrimonio quindi
> alla sua dipartita non cadrebbero comunque tutti in successione ?
con quote spettanti al coniuge superstite e quote spettanti agli altri eredi
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Anche sposandolo, in regime di comunione legale...
Sposandolo, qualunque sia il regime patrimoniale, tutto il suo patrimonio alla data della morte andrà al marito (se facesse testamento). Devo correggere il mio precedente messaggio. Se non facesse testamento, al padre andrebbe in ogni caso 1/3.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
In una situazione ipotetica in cui la signora benestante
- non fosse sposata
- senza figli
- i genitori fossero già deceduti
la sua eredità andrebbe al parente più prossimo ?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
In una situazione ipotetica in cui la signora benestante
- non fosse sposata
- senza figli
- i genitori fossero già deceduti
la sua eredità andrebbe al parente più prossimo ?
Senza aver fatto testamento (e se non ha fratelli o sorelle o loro discendenti), ex art. 572 c.c., la successione si apre a favore del parente o dei parenti prossimi, senza distinzione di linea. La successione non ha luogo tra i parenti oltre il sesto grado.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto