1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. lucianiumberto

    lucianiumberto Nuovo Iscritto

    Per favore mi potete dire chi deve pagare la tassa fissa di €. 168,00 per la registrazione di un preliminare di compravendita, se il venditore oppure l'acquirente?
     
  2. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    50% ciascuno così come i bolli.
    L'imposta in precentuale (0.5% o 3% a seconda che sia caparra o acconto prezzo) l'acquirente che poi la potrà detrarre dall'imposta di trasferimento al rogito definitivo di vendita.
     
    A Alessia Buschi, fabele e MORLOTTI piace questo elemento.
  3. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    L’obbligo della registrazione del preliminare ricade sulle parti e in maniera solidale sull’agente immobiliare intervenuto, pertanto, indipendentemente dalle previsioni contrattuali, l’Agenzia delle Entrate, può scegliere il soggetto dal quale pretendere il pagamento.
    Le imposte pagate per la registrazione del preliminare verranno scomputate all’atto notarile fornendo al notaio copie in originali dei pagamenti effettuati.
    da : http://www.caseinrete.org/blog/comp...gistrazione-del-preliminare-di-compravendita/
    :daccordo:
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  4. sonia.hutanu

    sonia.hutanu Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    b.giorno! e pure, nel ns. caso, l'agenzia ha preteso da noi, come l'acquirente a pagare 1`00% tassa di regisru e non 50% come dice lei:soldi:
     
  5. alexfin

    alexfin Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ...interessante...ma cosa cambia quando il venditore è un soggetto IVA?
     
  6. fabele

    fabele Nuovo Iscritto

    Le parti sono solidali nel pagamento dell'imposta di registro, però in fase di trattativa può venire stabilito che la tassa venga pagata solo dall'acquirente o solo dal venditore... questo dovrebbe comunque venire indicato sul compromesso...

    Aggiunto dopo 5 minuti :

    Tra soggetti IVA l'imposta di registro è sempre di 168 euro, così come la percentuale sulla somma versata a titolo di caparra confirmatoria (0,5%). Cambia solo se si versa un acconto, in questo caso anzichè pagare il 3% come tra privati, si paga una somma fissa di euro 168.
     
  7. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Però in questo caso (caparra) lo 0,5% si perde, cioè non si può recuperare in fase di contratto definitivo, cosa che invece si fa quando non c'è IVA.
     
  8. carifrancesca

    carifrancesca Nuovo Iscritto

    Completerei dicendo che il soggetto IVA che incassa il'acconto del prezzo deve emetterne fattura.
     
  9. alexfin

    alexfin Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    sono piuttosto confusa, perdonatemi :triste:, tra breve avro' un preliminare con un soggetto IVA, mi conviene, consegnandogli l'anticipo, darglielo sotto forma di caparra o di acconto...mi pare di capire che una forma sia piu' conveniente dell'altra...
     
  10. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Innanzitutto mi preme specificare, che in caso di compravendita di immobili per civile abitazione, gli unici casi in cui siamo in regime di IVA è quando il costruttore titolare di partita IVA, sia persona fisica che giuridica, vende un immobile, di nuova costruzione o che è stato sostanzialmente ristrutturato, entro 4 anni dalla dichiarazione di fine lavori.Solo in questi casi il venditori fara fattura con IVA.
    Pertanto anche se il venditore fosse un società immobiliare che commercializza immobili ma non li costruisce o li ristruttura saremo inregime di imposta di registro e non di IVA.

    Detto questo per rispondere ad alexfin, supponendo che siamo in regime di IVA, e che la cifra di anticipo sia di 100.000 euro, la dividerei per il 50% (50.000) in caparra confirmatoria (sulla quale ci paghero lo 0,50% di imposta di registro non recuperabile, cioè 250 euro) e 50.000 in acconto prezzo sul quale pagherò l'IVA (4% o 10% a seconda che sia prima o seconda casa) e sul quale con le attuali normative se l'immobile è ancora da ultimare, il venditore mi dovrà rilasciare una fiseiussione a garanzia (meglio se di una banca primaria e conosciuta).
     
  11. alexfin

    alexfin Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    dunque...il venditore è un costruttore e la casa sara' pronta a fine febbraio, per me è prima casa e e al preliminare daro' 40.000 euro...quindi rientro appieno nel caso in oggetto. Detto questo, da quanto scrivi, Jrogin, sembrerebbe convenirmi invece dare questi 40.000 tutti come acconto, cosi' non spenderei soldi non recuperabili in imposta di registro (ma recuperei l'IVA versata non versandola nuovamente al rogito) e la fideiussione (che copre quindi solo gli acconti ma non le caparre?) mi vale su tutti i 40.000 euro? anche perchè una caparra confirmatoria di 5000 euro l'ho gia' data con la proposta d'acquisto un mese fa...continuo a non capire il vantaggio (o la necessita') di dare una caparra confirmatoria , anzichè tutto l'importo che versero' al preliminare come acconto...:???:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina