• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Comm. Martini

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Gentilissimi, Grazie per avermi accettato.
Ecco la mia domanda:
dal momento dello sfratto chi paga la tassa rifiuti?
Mi sembra intuitivo che l'inquilino sfrattato non sia più tenuto a pagarla dal momento in cui non risiede più nel locale.
Grazie
 

eleonora buda

Membro Attivo
Proprietario Casa
La TA.RI è a carico del proprietario nel caso di un immobile a disposizione e con utenze attive.
Se così fosse e non prevedi di riaffittarlo a breve, ti consiglio di cessare le utenze.
Diversamente se non ci sono utenze attive la TA.RI non è dovuta, al tuo posto comunque farei una comunicazione all'ufficio tributi di competenza, comunicando gli estremi catastali dell'immobile, e che dalla data dello sfratto non ci sono utenze attive.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Io suggerisco di leggere il regolamento comunale ed eventualmente rivolgere la domanda al Comune dove si trova l'immobile.

Perché la TARI è dovuta se è anche solamente ipotizzabile che l'unità immobiliare possa produrre rifiuti.

Quindi non basta vengano disdetti i contratti di fornitura delle utenze, se esistono i contatori che possono essere riattivati con nuovi contratti.
Dovrebbe essere priva di allacciamenti all'acquedotto, energia elettrica e gas; oltre ad essere completamente vuota (non ammobiliata).
 

eleonora buda

Membro Attivo
Proprietario Casa
A Bologna se un'immobile non è abitato, anche ammobiliato, ma con almeno l'utenza luce staccata la TARI non è dovuta, quindi ogni volta che un locale veniva liberato facevo comunicazione all'ufficio tributi e nulla mi è contestato nel tempo.
Certo è opportuno verificare se tale disposizione è valida anche nel Comune ove è ubicato l'immobile oggetto della discussione
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
è opportuno verificare se tale disposizione è valida anche nel Comune ove è ubicato l'immobile oggetto della discussione
Ho visto che @Comm. Martini scrive da Torino, dove forse si trova l'immobile in questione.

Siccome anch'io ho delle proprietà qui a Torino, mi sono informata qualche anno fa all'Ufficio Tributi per la TARI di un appartamento sfitto, vuoto, non arrredato, con i contratti delle utenze chiusi.

Dovendo tenerlo in quelle condizioni per circa 8 mesi (perché poteva interessare a miei parenti anziani in precarie condizioni di salute che pensavano di trasferirsi qui ma rimandavano la decisione) speravo di non dover pagare la tassa rifiuti.

Invece ho dovuto pagarla. Perché le utenze erano state disdettate dall'inquilino quando era andato via, ma c'erano i contatori dell'energia elettrica, del gas, e l'allaccio condominiale all'acquedotto.
 

eleonora buda

Membro Attivo
Proprietario Casa
  • Domanda: appartamento vuoto. non arredato e con utenze luce e gas staccate, quali rifiuti si produrrebbero?
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

diaria

Membro Attivo
Proprietario Casa
Lo sfratto è esecutivo ma l'inquilino risiede ancora?In alcuni comuni la tari comprende la luce delle strade
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
l'inquilino risiede ancora?
Nel primo post è specificato che l'inquilino sfrattato non è tenuto al pagamento della tassa rifiuti "dal momento in cui non risiede più nel locale".
E' ovvio che fino a quando lo occupa (ad esempio in attesa dell'esecuzione dello sfratto da parte dell'ufficiale giudiziario) la Tari è a suo carico.
 
U

User_58349

Ospite
Nel primo post è specificato che l'inquilino sfrattato non è tenuto al pagamento della tassa rifiuti "dal momento in cui non risiede più nel locale".
E' ovvio che fino a quando lo occupa (ad esempio in attesa dell'esecuzione dello sfratto da parte dell'ufficiale giudiziario) la Tari è a suo carico.
Sono d'accordo.
Sono un ex inquilino sfrattato nel 2010 da un immobile a Firenze. Ora risiedo legalmente a Lucca da pochissimo, e il Comune di Firenze mi chiede la TARI 2015, quando io ho una dichiarazione di esecuzione di sfratto del 25.1.2010 !! E per dieci anni non potevo cambiare residenza perchè non possedevo altri immobili,nè a Firenze nè altrove ! Ho scritto al Comune di Firenze allegando copia dell'avvenuta esecuzione dello sfratto, credo e spero che la cosa finisca così, ma ho idea che non sarò cosi' affatto...tu che ne dici !
Riccardo
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
non potevo cambiare residenza
Quando hai rilasciato la casa di Firenze avresti dovuto cancellare la residenza all'anagrafe, e iscriverla nel luogo dove sei andato ad abitare. Eventualmente presso l'abitazione di chi ti ha ospitato, dato che pare tu non avessi immobili di tua proprietà o presi in locazione.

Non è chiaro dove sei andato ad abitare dopo l'esecuzione dello sfratto e perché hai mantenuto la residenza in un immobile che di fatto non hai mai più occupato.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
In ogni caso, se si è intestatari di un'utenza TARI, bisogna comunicare qualsiasi variazione all'ente impositore. Tutti i regolamenti lo prevedono.
 
U

User_58349

Ospite
Quando hai rilasciato la casa di Firenze avresti dovuto cancellare la residenza all'anagrafe, e iscriverla nel luogo dove sei andato ad abitare. Eventualmente presso l'abitazione di chi ti ha ospitato, dato che pare tu non avessi immobili di tua proprietà o presi in locazione.

Non è chiaro dove sei andato ad abitare dopo l'esecuzione dello sfratto e perché hai mantenuto la residenza in un immobile che di fatto non hai mai più occupato.
Perchè, non disponendo di altri immobili, ho fatto vita da strada. Sto parlando della Prima Crisi del 2008-2009, che mise sul lastrico centinaia di persone come me, ma nel silenzio generale dei media e della politica.
Ho trovato solo in seguito sistemazioni molto temporanee e nessuno degli ospitanti mi aveva permesso di prendere la residenza presso la loro abitazione. Quindi, cos'altro avrei potuto fare ? Praticamente ero un "senza fissa dimora", credo,e non mi trovavo in Toscana.

Mi sembra strano che il Comune di Firenze mi abbia sfrattato tramite Uff Giud Comunale e che lo stesso non abbia provveduto a darne comunicazione all'anagrafe dello stesso Comune per gli aggiornamenti del caso. Se fosse stato fatto, qualunque burosauro comunale si sarebbe -penso- risparmiato di scrivere per anni a un indirizzo "vuoto".

Questa situazione di "interregno" è durata per anni, fino a Dicembre 2020, quando finalmente ho iniziato una convivenza in un'altra città. Solo a questo punto ho potuto cambiare residenza (e tutti i documenti) poiché solo a quel momento (dic. 2020) disponevo di un permesso scritto dell'ospitante.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
cos'altro avrei potuto fare ?
Registrare la tua residenza anagrafica presso le persone che ti hanno ospitato (anche solo per brevi periodi) oppure far svolgere le pratiche da qualche Associazione, Onlus, ecc che aiuta chi come te purtroppo si è trovato in grande difficoltà.

Inoltre, come già detto anche nell'altra discussione, avresti dovuto comunicare la cessazione della TaRi all'Ufficio tributi del Comune di Firenze.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Comunque non è chiaro quale sia stata la destinazione della casa di Firenze da cui sei stato sfrattato nel 2010.
Mi pare strano che per 10 anni nessun'altra persona (nuovo inquilino o acquirente se il tuo locatore l'ha poi venduta) vi abbia fissato la residenza.

Nei casi come il tuo (inquilino sfrattato per morosità, che sovente non cambia la residenza per non farsi trovare dai creditori che gli notificano i decreti ingiuntivi) provvedo io come proprietaria alla cancellazione in anagrafe.
Così l'ex inquilino diventa ufficialmente "irreperibile" e se vuole ottenere qualche documento (per il lavoro, sussidi, la scuola dei figli, la tessera elettorale, ecc) è obbligato a registrare la residenza nel luogo dove abita.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto