1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. serenabell

    serenabell Membro Attivo

    Salve, chi può toccare, staccare e allacciare cavi al contatore dell'Enel di mia proprità, solo l'Enel o un qualsiasi elettricista privato? e se un elettricista privato lo fa senza la mia autorizzazione (perchè incaricato da altri) posso denunciarlo?
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    A quanto ne so il contatore è di proprietà dell'ente erogatore (Enel in questo caso) e nessuno può manipolare la funzione ne attaccare staccare cavi e quant'altro, se non con personale autorizzato, se hai le prove o sospetti che qualcuno ha manipolato il contatore della tua utenza, ti consiglio di avvisare quanto prima l'ente (ENEL)
     
    A serenabell piace questo elemento.
  3. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Sui due morsetti in uscita dal contatore, l'utente, cui il contatore medesimo è intestato, o un suo elettricista di fiducia, può aggiungere o sottrarre i fili che vuole.
    Se altri lo fanno per prelevare a loro uso e consumo energia elettrica si tratta di furto.
     
    A serenabell e sisinnio piace questo messaggio.
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    prima di rispondere, bisogna capire bene cosa hanno staccato, se hanno staccato i cavi di arrivo hanno commesso un reato punibile penalmente, se hanno staccato i cavi in uscita, senza una tua autorizzazione sono punibili sia penalmente che civilmente con querela di parte, cerca di individuare dove è avvenuto lo stacco ed il motivo?:daccordo:
     
    A serenabell piace questo elemento.
  5. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Maidealista ha dato la risposta in un modo così conciso e preciso che nemmeno io, ex dipendente Enel, avrei dato.:ok:
     
  6. serenabell

    serenabell Membro Attivo

    Grazie a tutti e visto che siete stati così celeri a rispondere, vi spiego meglio la situazione: un condominio ha allacciato i cavi elettrici del cancello automatico (erroneamente o no???) nel contatore Enel di un locale commerciale a pian terreno dello stabile. Da qualche mese il locatario del locale commerciale se n'è accorto e quindi ha capito che x svariati anni ha pagato in bolletta anche i consumi del cancello automatico. Avvertito l'amministratore si inizia una trattativa per avere un rimborso, ma adesso il condominio non intende pagare perchè si dichiara ignaro del tutto e dice di doversi rivolgere all'Enel per il rimborso (ex art.2036c.c.). Nel frattempo, con un elettricista privato, l'amministratore fa staccare, tagliandoli, i cavi del cancello dal contatore inviando una raccomandata per comunicare data e ora al commerciante che però la riceve lo stesso giorno dell'operazione tecnica in orario tardivo. Potevano comunque il condominio procedere al distacco anche senza la presenza del proprietario? o si tratta di violazione di proprietà privata? E' configurabile il reato di furto di energia elettrica? Si può procedere civilmente per il risarcimento danni o con azione di arricchimento senza causa?Grazie!
     
  7. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    per chiedere il rimborso presunto senza querela di parte è impossibile, anche per quantificare i consumi fin qui praticati pertanto l'amministratore dovrebbe usare il metodo (padre di famiglia) e cercare con il commerciante di pianare l'indebito arricchimento del condominio, il condomino che ha fatto ed eseguito questa operazione cosa dice?
     
  8. pinomaga

    pinomaga Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non ci capito un tubo!!!
     
  9. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Per pinomaga, se il riferimento è il mio post, ti rispondo che non mi meraviglio???
     
  10. serenabell

    serenabell Membro Attivo

    L'amministratore vorrebbe rimborsare, ma è il condominio che non vuole uscire i soldi. I conteggi sono stati fatti dal commerciante e da un tecnico e ammontano a 2000 euro circa. Ma potevano fare il taglio dei cavi ???
     
  11. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Rimane il fatto che nessuno può modificare l'impianto senza autorizzazione, se prima del contatore da parte dell'ENEL (o altro operatore nel caso non fosse l'ENEL), se dopo, da parte del condomino a cui fa capo il contratto d'utenza
    Comunque a me pare che 2000 Euro anche se per anni, per un cancello siano un po tantini
     
  12. serenabell

    serenabell Membro Attivo

    L'allaccio risale al 1995,ma il commerciante è arrivato nel 2004 (quindi sono 7 anni) e prima dei conteggi è stato fatto un appostamento per vedere in media in una giornata quante volte si apre e chiude il cancello e la cifra è risultata quella. Cmq, è furto??? è violazione di proprietà privata?
     
  13. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per dimostrare il furto ce ne vuole....semmai si potrebbe parlare di appropriazione indebita o di illecito arricchimento. In ogni caso, per l'esatta quantificazione (almeno il più possibile coerente) bisogna eseguire la media giornaliera delle aperture/chiusure del cancello; accertarsi del consumo effettivo per mezzo delle letture del contatore al quale -adesso spero- sia allacciato tale servizio; moltiplicare per il numero degli anni e per il costo dell'energia (che da allora è variato sensibilmente....) e richiedere l'assistenza di un legale.
    Auguri.
     
  14. sisinnio

    sisinnio Membro Junior

    Proprietario di Casa
    per sanare la situazione, si potrebbe mettere un conta scatti per un mese che rileva i consumi, sicuramenti quasi esatti questo e' stato per anni il metodo enel quando si deve eseguire la ricostruzione di consumi, es quando un contatore si bruciava e si eseguiva diretto e/o per mancanza di funzionamento del contatore o altri casi. adesso si cambia subito e basta. in ogni caso risalire ha chi ha autorizzato tale prelievo, non e' facile ma nemmeno difficile visto che il responsabile del condominio rimane sempre il capo condomino, che sicuramente ha dato mandato a qualcuno, oppure qualche condomino che si e' servito da solo e ha agevolato la rimanenza del condominio. penso che l'unica soluzione e' quello che ti ho proposto conta scatti uno o due mesi e un conto sanatorio. ciao
     
  15. Franca68

    Franca68 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Hai risposto da sola. se chiunque si allaccia ad un contatore non suo sta "rubando" o compiendo "furto" di una cosa non sua. Mi pare evidente. quindi, con il consiglio di Sisinnio di installare un contascatti per vedere i consumi, puoi tranquillamente chiedere il risarcimento al condominio senza problema alcuno, perchè non dovrebbero pagarlo? Hanno usufruito illecitamente della corrente elettrica non loro quindi se non vogliono ricevere una denuncia per manomissione di un impianto privato, che paghino senza fare tante storie perchè hanno torto ed è abbastanza evidente.
    Inoltre hanno anche staccato i fili del cancello senza preavviso. ma che faccia tosta per essere educati e non dire altro
     
    A serenabell piace questo elemento.
  16. leoleo

    leoleo Nuovo Iscritto

    Questi allacciamenti, diciamo così abusivi, qualche volta sono stati concessi verbalmente. Molte volte questa "autorizzazione" estorta più o meno onestamente, viene concessa per evitare che l'enel speculi sul cosiddetto "noleggio contatore" e su tutte le quote fisse che compaiono in bolletta (leggere per credere) e che vanno ad incrementare in modo esagerato quanto paga l'utente per la fornitura dell'energia elettrica.
     
  17. pinomaga

    pinomaga Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per adimecasa: non alludevo al tuo post, bensì a quello di serenabell.
     
  18. Franca68

    Franca68 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Sono perfettamente d'accordo. l'Enel fa pagare caro il contatore con la quota fissa, ma sarebbe stato giusto avvisare il commerciante a cui è stato allacciato il cancello anche perchè i Kw delle attività commerciali costano molto di più di quelli consumati da abitazione "residente".
    Per risparmiare potrebbero allacciarsi ad un condomino e installare un contascatti ma dubito che un condomino accetti e quindi sarà molto più semplice dividersi la spesa di un nuovo contatore così nessuno può mettere parola.
    Rimane il fatto che per correttezza devono restituire almeno il consumo dei Kw consumati per l'utilizzo del cancello (se il commerciante decide di non fare problemi) anche perchè legalmente ha ragione
     
    A serenabell piace questo elemento.
  19. serenabell

    serenabell Membro Attivo

    Per pinomaga: mi spiace, ho cercato di essere il più chiara possibile, ma evidentemente con te non ci sono riuscita! Qualcun altro però ha capito x fortuna!!! Ciao
     
  20. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    per sisinnio.scusa ma non credo che possa far capo al "capo condominio" visto che come figura giuridica non esiste al limite all'amministratore pro tempore,e eventualmente successivi.per le altre cose condivido: se i condomini non vogliono pagare il titolare del contatore (colui a cui e' intestato) si rivolge a un legale e con una semplice lettera mette in mora il condominio.dalla documentazione in suo possesso non e' difficile ottenere da un giudice un decreto ingiuntivo,e l'amministratore paga.ragazzi avete usufruito della corrente pagate.meglio un cattivo accordo che una brutta sentenza.
     
    A sisinnio piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina