1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. FLY80

    FLY80 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno, vorrei avere una vostra opinione in merito ad una problematica che è sorta con i venditori dell'appartamento che abbiamo deciso di comprare.
    Nel mese di luglio abbiamo fatto un compromesso dal notaio che prevede di effettuare il rogito entro il 30 ottobre e all'interno del quale, d'accordo con i venditori, abbiamo inserito la seguente clausula:

    "Le parti convengono che i promittenti acquirenti siano immessi nella disponibilità del bene dal 1 settembre 2016 con facoltà di fare lavori di pulizia e manutenzione sotto la loro responsabilità; da tale data decorreranno a loro carico le spese condominiali".

    In sede di compromesso, e quindi di fronte al notaio, noi specificammo verbalmente che i lavori da fare sarebbero stati di piccola ristrutturazione della cucina (togliere le piastrelle esistenti e metterne delle nuove) e di ammodernamento del bagno, quindi lavori di manutenzione ordinaria.
    Il notaio dunque inserì la clausola sopra riportata per questo motivo e i venditori la accettarono pacificamente.
    Nei giorni scorsi però i venditori ci hanno chiamato sostenendo che i lavori che loro avevano inteso riguardavano la pulizia dell'appartamento e piccole opere di manutenzione (tipo cambio maniglie porte..) e che pertanto non sono d'accordo sul fatto di farci fare i lavori che abbiamo in mente, e che non avevano "capito" che si trattava di questo.
    Cosa possiamo fare? La clausola che ha inserito il notaio è esaustiva? possiamo comunque fare i lavori o meglio a questo punto evitare?
    Ovviamente se decidiamo di non fare i lavori a questo punto noi non vogliamo però neanche pagare le spese condominiali, visto che di fatto non possiamo disporre del bene.. (la casa è ancora piena di mobili dei venditori attualmente.. che lavori di pulizia potrei fare!?!?!?). Possiamo quindi modificare il compromesso?
    Grazie per tutti i consigli che potete darmi!! Ho il notaio attualmente in ferie e i lavori dovrebbero iniziare il 5 quindi non so come comportarmi!!!
    Grazie Ancora!!!
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Come fate ad essere immessi nella disponibilità del bene se ancora l'immobile è occupato dai venditori? Evidentemente avendo compreso le vostre intenzioni, i venditori hanno messo le mani avanti. Tant'è che è sconsigliabile intervenire con mobili ed arredi altrui, sarebbero motivo di contestazione, vuoi per la polvere, per eventuali danni e la vera o presunta sottrazione di suppellettili.
     
  3. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    se avete stipulato il compromesso in quel senso si tratta di interpretare quanto scritto, leggendo si può intendere che la sostituzione dei rivestimenti delle pareti sia un lavoro fattibile, il problema è il malinteso, vero o tendenzioso che sia. Operare in un appartamento non ancora sgomberato non è consigliabile, si potrebbero produrre danni che inquinerebbero ancora il rapporto, le spese condominiali non credo abbiano importi esorbitanti, cercate di perorare la vostra causa me senza entrare in conflitto
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    E soprattutto con l'immobile sgombro.
     
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    secondo me la clausola inserita avrebbe avuto un senso se fosse stata preceduta dall'impegno, scritto, da parte del venditore di sgomberare l'appartamento entro e non oltre il 31 agosto.
    Così non ha senso.
    Ma il proprietario vi ha consegnato le chiavi prima di aver ricevuto in toto della somma concordata?
     
  6. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Premeszo che 2 mesi di spese condominiali non vranno impofto rilevante...prendendo alla "lettera" la clausola riportata, i venditori dovevano conferirvi il pieno "possesso" dell'unità.
    Quindi "sgombra" di eventuli loro arredi o d elementi che non fanno parte dell'abitazione o inclusi nella promessa di vendita.

    Aldilà delle coperture reciproche offerte (in parte) dalla caparra...è sempre un "rischio" affrontare lavori su ciò che ancora non si è "volturato" (vale per ambo le parti).

    Ha senso intraprendere una lite giudiziaria per un problema di si breve durata?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina